FREDDO di Marina Zilio

 


Freddo


Ti si Agghiaccia

il Sangue

Nelle Vene.


Il Freddo

Penetra

nelle Ossa


e nei Cuori.


Assale

i Fiori


Apertisi

al Sole

Sfuggente


di Stagioni

Confuse.


Piange

Lacrime

Amare


il Solerte

Contadino.


Piangono

Lacrime

Struggenti


i Familiari

dei Malati.


Ciascun

Giace

Trafitto


dal Male

degli Ingrati.

 

Si Tacciono

gli Uccelli


in Trepida 

Attesa


di Tempi

Migliori.


Rabbrividiscono

i Giovani

Germogli


Protesi

ai Cieli.


Sorridono

Beati 

i Bimbi


Ignari

di Tanti

Orrori.


Sì. Io Credo.

PRIMAVERA TORNERÀ!

VEDI ANCHE:

In questo blog sono state pubblicate molte altre poesie di Marina, oltre a quelle disponibili ai link qui sopra. Se vuoi leggere altre poesie, clicca sulla lente in alto, vicino alla denominazione del blog (Senzafine). La lente si sposterà a sinistra e verrà scritto "Cerca nel blog". Allora, potrai scrivere Marina Zilio e cliccare su "Cerca".  Appariranno sotto i suoi post.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
LEGGI L'ESTRATTO:

Commenti

  1. Marina Zilio, questa tua poesia mi è piaciuta da matti!
    Ce n'è per tutti!
    Angela Fabbri

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

UN RICORDO DI MARIA BOLLA di Renata Rusca Zargar

LA RESISTENZA MAPUCHE

PONTIFEX, DYLAN ON THE GREAT WALL di Acquaraggia