Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta civiltà

VITE PARALLELE racconti e testimonianze di CHI HA VARCATO LA SOGLIA: Ogni tanto vacillo di Rossella Scotta

Immagine
  VITE PARALLELE racconti e testimonianze di CHI HA VARCATO LA SOGLIA mettere a confronto i diversi punti di vista per SVELARE IL CARCERE, con l'augurio che le molteplici storie personali di coloro che, a qualunque titolo, hanno varcato la soglia del carcere, condivise, possano essere spunto di riflessione, arricchimento intellettuale e letterario una iniziativa di Cascina Macondo www.cascinamacondo.com con il contributo dell' UBI (Unione Buddhista Italiana) https:// unionebuddhistaitaliana.it/ con il partneriato del Centro Hokuzenko di Torino https://www.zentorino.org/ OGNI TANTO VACILLO di Rossella Scotta – insegnante   Ho varcato “ realmente ” la soglia nel settembre 2011. In precedenza portavo in carcere una volta all’anno i miei studenti esterni per assistere alle attività teatrali dei detenuti o per partecipare a qualche progetto carcerario. Mi ero laureata tanti anni prima in lettere classiche e da allora avevo sempre insegnato al liceo. In quella data la mia

VENDERE I PROPRI FIGLI: UN MERCATO DA 6 MILIARDI DI EURO da Se Non Ora Quando, Genova

Immagine
  Il dibattito sull'utero in affitto nel nostro paese   Dopo la sentenza della Corte di Cassazione dell'aprile scorso, che ha negato la possibilità  di riconoscimento di affiliazione in Italia tra genitore di intenzione e minore nato da utero in  affitto all'estero, il 28 gennaio l'ufficio stampa della Corte Costituzionale ha riportato alla  ribalta la tematica della maternità surrogata o GPA, dichiarando non ammissibili le  questioni di legittimità sollevate al riguardo ma rivolgendo un monito al legislatore affinché  vengano individuate idonee forme di tutela dei minori .  Ci siamo prese del tempo per riflettere ma crediamo nostro dovere esporci e commentare  con umiltà ma con chiarezza lo stato del dibattito sull’utero in affitto nel nostro paese.  SeNonOraQuando Genova ha preso da tempo una posizione chiara e netta ed ha firmato  nel 2017 la Carta per l'Abolizione Universale della GPA trasmessa all'ONU.   In Italia e nel maggior numero dei paesi UE questa pr

VITE PARALLELE racconti e testimonianze di CHI HA VARCATO LA SOGLIA: Cosa faresti? di Machiko Takahashi

Immagine
  VITE PARALLELE racconti e testimonianze di CHI HA VARCATO LA SOGLIA mettere a confronto i diversi punti di vista per SVELARE IL CARCERE, con l'augurio che le molteplici storie personali di coloro che, a qualunque titolo, hanno varcato la soglia del carcere, condivise, possano essere spunto di riflessione, arricchimento intellettuale e letterario una iniziativa di Cascina Macondo www.cascinamacondo.com con il contributo dell' UBI (Unione Buddhista Italiana) https:// unionebuddhistaitaliana.it/ con il partneriato del Centro Hokuzenko di Torino https://www.zentorino.org/ COSA FARESTI? di Machiko Takahashi - musicista Cari lettori e ascoltatori, prima di tutto, vi chiedo scusa per la mia capacità limitata di scrivere in italiano. Nonostante questa difficolt à , participo volentieri al vostro progetto. Sono una musicista (flautista) giapponese che vive ad Amsterdam. Non avevo mai sentito prima le parole di F.Dostojevski: “ Il grado di civilizzazione di una società   si

VITE PARALLELE racconti e testimonianze di CHI HA VARCATO LA SOGLIA: Aria blu di Pietro Catalano

Immagine
                                        VITE PARALLELE racconti e testimonianze di CHI HA VARCATO LA SOGLIA mettere a confronto i diversi punti di vista per SVELARE IL CARCERE, con l'augurio che le molteplici storie personali di coloro che, a qualunque titolo, hanno varcato la soglia del carcere, condivise, possano essere spunto di riflessione, arricchimento intellettuale e letterario una iniziativa di Cascina Macondo www.cascinamacondo.com con il contributo dell' UBI (Unione Buddhista Italiana) https:// unionebuddhistaitaliana.it/ con il partneriato del Centro Hokuzenko di Torino https://www.zentorino.org/                                     ARIA BLU di Pietro Catalano     Il 23 novembre del 2017 ho avuto l’opportunità di partecipare alla Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, organizzata dalla Direzione e dall’Area Educativa di Regina Coeli. All’iniziativa erano presenti studenti del Liceo Classico Virgilio, dell’Università Europea di Roma e una cong

PEGASO: LA CITTADELLA DELLE ARTI SPORT E ANTICHI MESTIERI di Simona bellone

Immagine
  U n sogno per la Val Bormida  “Pegaso: la cittadella delle arti sport ed antichi mestieri” Riportando in auge il discorso di Martin Luther King Jr. del 28 agosto 1963, in cui il suo progetto umanitario anti razziale iniziava con la frase « I have a dream » («Io ho un sogno»), anche io ho un sogno per la nostra Val Bormida: gioventù sana e progresso economico.  Recentemente ho letto articoli in cui si verificava l’opportunità di creare un carcere in Val Bormida, in particolar modo scegliendo la località nel sito ex Acna a Cengio (SV), giudicato quale “ossigeno” per il paese (?!), anche se sarebbe invece foriero di problematiche ulteriori legate alla sorveglianza della delinquenza in loco che andrebbe ad incrementarsi con droga e furti.  Invece, io propongo un sogno ad occhi aperti e realizzabile con la buona volontà di enti pubblici e privati, per realizzare “Pegaso: la cittadella delle arti sport ed antichi mestieri”, scegliendo proprio il sito ex Acna di 55 ettari ora in gestione En

IL FUTURO IMPOSSIBILE DI ALIYA PARTITA PRIMA di Padre Mauro Armanino dal Niger

Immagine
    Il futuro impossibile di Aliya partita prima Aliya sarebbe senz’altro diventata una delle ultime principesse. La favola era stata scritta dai genitori. Lui di origine liberiana e lei di origine togolese. Le migrazioni combinano e sciolgono matrimoni, alleanze, fatue promesse ed eterne amicizie. La loro storia era nata a Niamey, nel Niger e più precisamente nel quartiere popolare chiamato Gamkallé. La mamma aveva due figli da una precedente unione e il papà di Aliya aveva accettato di tutto cuore di prenderli come suoi. Con lei, principessa di un regno di sabbia che ancora non era stato concepito da queste parti. Regno di un re qualunque, senza territorio e senza popolo da governare, un titolo nobiliare da annoverare tra le importanti inutilità della storia umana. Una principessa d’altri tempi con tanto di reggia e un parco per le visite degli altri dignitari del regno e dei principati vicini. I suoi genitori erano fieri di lei che li avrebbe ricompensati dei tanti sacrifici per far