A GENOVA SABATO 22 ORE 18 contro il nostro vecchio colonialismo e imperialismo


Pochi giorni fa le frecce tricolori sono passate a volo radente sulla città per celebrare la statua, in divisa, di un pilota volontario dell'aviazione fascista che prese parte alla campagna di Etiopia.

Non possiamo tollerare una simile celebrazione colonialista e militarista nella nostra città. Partecipa al presidio sabato 22 alle 18 al belvedere delle mura delle cappuccine, clicca qui.

Durante l'invasione coloniale dell'Etiopia l'aviazione fascista usò massicciamente gas chimici per colpire la popolazione civile, scatenare il panico e piegare la resistenza dell'esercito etiope che stava resistendo all'avanzata.

La statua di Giorgio Parodi, ritratto con quella divisa e salutato dall'aviazione italiana, rimuove completamente quegli atti criminali e invece che celebrarlo come cofondatore delle celebri "Moto Guzzi" lo ricorda per le sua azioni militari.

Non possiamo dimenticare la storia, tantomeno rimuovere una delle pagine peggiori del fascismo italiano. Per questo vogliamo ricordare i bombardamenti chimici dell'aeronautica sulla popolazione civile e appendere dei cartelli che riportino quella statua nel giusto contesto: una aggressione razziale e colonialista al popolo etiope. Nulla celebrare, tutto da condannare.

Unisciti a noi, domani, sabato 22 alle 18, andremo a mettere dei cartelli intorno alla statua di Giorgio Parodi. Partecipa all'evento, clicca qui.

"Sugli aereoplani vennero istallati degli irroratori, che potessero spargere su vasti territori una fine e mortale pioggia. Stormi di nove, quindici, diciotto aereoplani si susseguivano in modo che la nebbia che usciva da essi formasse un lenzuolo continuo.Fu così che, dalla fine di gennaio del 1936, soldati, donne, bambini, armenti, fiumi, laghi e campi furono irrorati di questa mortale pioggia. Al fine di sterminare sistematicamente tutte le creature viventi, per avere la completa sicurezza di avvelenare le acque e i pascoli, il Comando italiano fece passare i suoi aerei più e più volte. Questo fu il principale metodo di guerra."

Il discorso dell'imperatore di Etiopia Hailé Selassié alla Società delle Nazioni nel 1936 denuncia le azioni dell'aviazione italiana e la precisa strategia di conquista attuata dai gerarchi fascisti.

"Ma la vera raffinatezza nella barbarie consistè nel portare la devastazione e il terrore nella parti più densamente popolate del territorio, nei punti più lontani dalle località di combattimento. Il fine era quello di scatenare il terrore e la morte su una gran parte del territorio abissino."

Non possiamo accettare passivamente che una statua nella nostra città celebri come eroici atti di guerra quelli che invece sono crimini inaccettabili. Domani non mancare, partecipa al presidio, clicca qui.

A presto, Lorenzo

 

Lorenzo Azzolini
http://www.genovacheosa.org/

 

Commenti

Post popolari in questo blog

SI INSINUA NEL VIDEO CHE IO MI FACCIA RUBARE LA BORSETTA!!!!

CHE TE NE FAI DI UN'ALTRA FEMMINA? storie di donne per combattere la violenza

FINALMENTE SONO QUI di Renata Rusca Zargar