Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta ecologia

ALIMENTAZIONE NATURALE di Paolo D'Arpini

Immagine
  La nostra pratica di vita quotidiana ci ha insegnato a riconoscere il valore e l’importanza del cibo. Sia nella sua produzione che nel modo di consumarlo. Se il nostro cibo è caricato di energia spirituale naturale, che viene cioè da una spontanea manifestazione vitale, è sicuramente idoneo a mantenere il nostro equilibrio psicofisico. Questo cibo è quello che cresce nel luogo in cui viviamo (bioregione), in modo il più possibile naturale, e che viene consumato nella sua propria stagione di maturazione, in quantità moderate. Una dieta “satvica” (cioè spirituale) è basata su vegetali, cereali, legumi, frutta, semi, miele, latte materno e talvolta anche uova e derivati del latte. Questa è la dieta naturale dell’uomo, come dimostrano gli studi sull’anatomia comparata del compianto professor Armando D’Elia dell’AVI, e questa è la nostra dieta. Ma non per un fatto ideologico è solo una risposta spontanea alla propria natura. Quindi perché definirci “vegetariani”? Non potendo usare altra d

RICICLAGGIO DELLA MEMORIA, recensione di CATERINA REGAZZI

Immagine
  Riciclaggio della Memoria (Edizioni Tracce) è  un libro della Rete Bioregionale Italiana, curato da Paolo D’Arpini, con gli interventi di numerosi bioregionalisti doc. In forma narrativa ho partecipato anch’io a questa avventura editoriale. Vorrei però dare una mia definizione dei temi trattati: bioregionalismo, ecologia profonda e spiritualità laica. In due parole per me bioregionalismo, ecologia profonda e spiritualità laica, rappresentano un modo di sentire e di affrontare la vita, che ci permea a vari gradi e livelli ed in tutti i settori del nostro vivere: i rapporti con gli altri esseri viventi e la natura, i rapporti sociali, quelli familiari, l’atteggiamento sul lavoro, qualsiasi esso sia, con la salute e l’alimentazione, con l’ambiente civile, col luogo che ci ospita, ma prima di tutto con noi stessi; un percorso che prima di tutto, ci porta a conoscere la nostra vera natura, priva di condizionamenti. Solo così potremo tornare, non al primitivismo, ma ad un’integrazione na

GLI SCARTI AGLI SCARTATI da Tempi di Fraternità

Immagine
  GLI SCARTI AGLI SCARTATI Data:  29 Maggio 2021 Autore:  a cura della redazione In quel che resta della fede e cultura cristiana in occidente, questi sono i giorni dello Spirito. Uno Spirito che, secondo le scritture, sconvolge i progetti dei potenti, tanto che i giorni di Pasqua dei primi secoli dopo Cristo vedevano spesso rivolte di popolo. Una forza straordinaria che dava coraggio per rivendicare più libertà dalla fame e dalla guerra. Una forza invisibile che nessuno può imbrigliare a suo piacimento. Se lo Spirito Santo soffia e viaggia ovunque, abbattendo muri, confini e ideologie, anche ora andrebbe invocato per scoperchiare i disegni delle Big Pharma e noi umani, che siamo il braccio dello Spirito, dovremmo attivarci per ottenerlo: non si capisce come mai i vaccini anticovid non siano internazionalizzati. Anche perché, se tutto l’occidente ricco viene vaccinato contro la pandemia, questo non avviene nei Paesi poveri. Ce lo ha ricordato papa Francesco nel messaggio urbi et orbi d

LA CIVILTÀ INFELICE di Santommario: presentazione di Paolo D'Arpini

Immagine
  Fatalità il 29 maggio 2021, ad uno spettacolino di burattini organizzato da Auser Treia per la promozione della lettura,  il poeta Felice Colaci mi ha fatto dono di un libro speciale, scritto da Santommario ed edito da Giuseppe Zambon: "La civiltà infelice".   Conosco sia l'autore del libro che l'editore come persone fortemente impegnate nella causa bioregionale e dell'ecologia sociale. Una coincidenza "strana"  ricevere  questo libro proprio durante una recita di burattini in cui si narra la storia della ricerca di un tesoro. Ed il vero tesoro è "Ascoltare il cuore e tornare alla Natura" come è detto nel sottotitolo del libro. Ho accettato il dono come un  buon presagio ed una "esortazione ad aprire gli occhi" sulla triste realtà di questa società consumista ed inquinatrice  che non tiene più conto del cuore e della Natura.  (P. D'A.) Cosa sarà che ci fa volere di tutto, anche se è di niente che abbiamo bisogno? Perché non trov

LE GIORNATE DELLE OASI WWF 5 e 6 giugno

Immagine
  LIBERIAMO LA NATURA Sabato 5 e domenica 6 giugno tornano le Giornate delle Oasi WWF https://www.wwf.it/giornata_oasi/?utm_source=MC&utm_medium=2021.06.GiornataOasi.nl&utm_campaign=ReNatureItaly     Le Giornate delle Oasi WWF , con il messaggio "Liberiamo la Natura" , sono dedicate all’attesissimo ritorno alla Natura : adulti, ragazzi, bambini e famiglie potranno godere della bellezza e del fascino degli spazi naturali protetti che proteggiamo in una giornata di riconquistata libertà. PARTECIPA ANCHE TU >> Le Giornate delle Oasi sono anche l’occasione per ricordare come le aree protette siano uno dei nostri principali progetti di conservazione da più mezzo secolo: le oltre 100 Oasi distribuite nel territorio nazionale hanno contribuito a tutelare luoghi, ecosistemi, flora e fauna e hanno introdotto milioni di adulti e bambini alla conoscenza della natura, migliorando

Passi avanti per l'Agricoltura Contadina - La Camera approva una legge di Paolo D'Arpini

Immagine
  Comunicato Stampa Antefatto:  Il 17 gennaio 2009 fu avviata la “Campagna popolare per il riconoscimento dei contadini e per liberare il loro lavoro dalla burocrazia”  (comunicato stampa 2009) , tra i rappresentanti delle prime organizzazioni promotrici e contitolari dell’iniziativa:  Associazione Antica Terra Gentile (Lessinia),  Associazione nazionale Civiltà Contadina,  Associazione Consorzio della Quarantina (Liguria),  Rete Corrispondenze Informazioni Rurali,  Rete Bioregionale Italiana.  Giovedì 20 05 2021  la Camera dei Deputati ha discusso e votato la proposta di legge “DISPOSIZIONI PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLA AGRICOLTURA CONTADINA”.   La votazione ha avuto come risultato  360 voti favorevoli, 0 contrari, 18 astenuti  dimostrando l’assoluta necessità condivisa da tutti i gruppi parlamentari di  una legge fondamentale che riconosca l’agricoltura contadina.   Frutto di un’iniziativa nata 11 anni fa, la Campagna Popolare per