LA GUERRA DI PALESTINA di Paolo d'Arpini e una poesia di Zahoor Ahmad Zargar del 2004 (è cambiato qualcosa?)

 





Quello che accade a Gerusalemme e nella Striscia di Gaza appare il tentativo disperato di Netanyahu di mantenere la carica di primo ministro, data la situazione politica interna fallimentare, istigando provocazioni con lo sgombero dei palestinesi e attaccando i credenti musulmani per provocare la reazione dei palestinesi, e presentare la cosa come “autodifesa di Israele” e con la scusa di “manifestazione contro l’aggressione estera” ottenere il rimpasto del governo in cui Netanyahu rimanga primo ministro evitando il processo per corruzione che inizierebbe dopo che avrà lasciato l’incarico.

La riluttanza a lasciare il potere e la paura dei processi continueranno a spingere Netanyahu a tali sanguinarie provocazioni. In Israele, molti comprendono le basi politiche di ciò che accade e chi ne è responsabile. A quanto pare, Netanyahu utilizzerà la crisi che ha organizzato per silurare il proprio governo e ottenere il ritardo delle elezioni anticipate. Le IDF continuano le operazioni contro la Striscia di Gaza dal nome in codice “Guardiano delle Mura”, lanciata l’11 maggio 2021. Il servizio stampa delle Forze di difesa israeliane riferiva che in risposta ai razzi palestinesi sul territorio israeliano, le IDF avevano attaccato le case dei leader di Hamas, del generale di brigata Basam Isa a Gaza City, del generale di brigata Rafa Salamah a Qan Yunis e del capo dell’intelligence militare di Hamas Muhamad Yazuri. Inoltre le forze israeliane schieravano paracadutisti al confine con la Striscia di Gaza, in attesa di ordini per un’operazione di terra nella regione.

I capi delle IDF presenteranno e discuteranno i piani per una possibile invasione di terra della Striscia di Gaza, secondo the Times of Israel. Questi piani, assemblati dalla Divisione di Gaza e dal Comando Meridionale, potrebbero quindi essere dati alla leadership politica di Israele, suggerisce il rapporto.

I primi scontri tra polizia e manifestanti sono iniziati per le notizie secondo cui le autorità non avrebbero permesso ai fedeli di tenere i loro soliti raduni serali del Ramadan fuori dalla Porta di Damasco a Gerusalemme, vicino alla Moschea di Al-Aqsa.

Il conflitto tra polizia e manifestanti si è intensificato dopo la decisione di un tribunale israeliano di sfrattare alcune famiglie palestinesi dal quartiere Sheikh Jarrah di Gerusalemme. L’escalation è stata seguita da scambi di razzi tra Israele e Gaza che hanno portato a un nuovo ciclo di tensioni e disordini di massa nel paese.

Dall’inizio delle tensioni sei israeliani sono stati dichiarati morti. Allo stesso tempo, secondo le autorità palestinesi, 67 palestinesi sono stati uccisi, con diverse centinaia di feriti a Gaza.

http://www.circolovegetarianocalcata.it/2021/05/13/netanyahu-scatena-la-guerra-contro-la-palestina-per-restare-al-potere-e-rimandare-le-elezioni-ed-il-processo-pendente-per-corruzione/

(Selezione di notizie a cura di Paolo D’Arpini – Fonti: Times of Israel, Sputnik, Aurorasito, No-war Roma, UNAC)

P.S. – “Il conto torna, come ai tempi di Hitler, morti 6 israeliani contro 67 palestinesi + le centinaia di feriti…”

Dichiarazioni aggiunte:

“C’è qualcosa che l’Occidente sembra incapace di comprendere o di assimilare. L’energia del nostro popolo non è passeggera, è profondamente radicata nella storia” (Yasser Arafat)

Commento di G.D.D.: “Tutto su Gerusalemme rimanda a una visione assolutistica che non conosce né concede l’esistenza di aree “grigie”, di incontri a metà strada tra le rispettive ragioni. Ed ora l’estrema destra israeliana, le sue frange più violente hanno deciso che è giunto il momento di ripulire la “loro” città dalla “feccia araba”. Con ogni mezzo. Ecco perché quella palestinese è una resistenza antifascista…”

Commento di Marco Palombo: “Vedo ora, sorpreso, che Letta, Tajani e Salvini saranno presenti alla manifestazione in “solidarietà” di Israele indetto dalla Comunità ebraica. L’ atlantismo rivendicato dal governo Draghi fino a dove arriverà ? Spero che, nella sua “ignoranza” dell’opinione di moltissimi italiani, si fermerà quando scoprirà con sorpresa che centinaia di migliaia di italiani la pensano diversamente, troppi per un governo di unità nazionale senza opposizione. Mi direte che sono come al solito ingenuo e troppo ottimista, beh la mia ingenuità mi fa spesso muovere ed esprimere -partecipando- le mie posizioni, se si muovesse anche una piccola parte degli scettici cambierebbe in meglio la politica italiana…”

Commento di Zeitun: “I cittadini arabi di Gerusalemme dimostrano un coinvolgimento senza precedenti nelle proteste a Gerusalemme. Tradizionalmente i cittadini arabi di Israele hanno evitato di unirsi alle lotte dei palestinesi. Tuttavia le recenti proteste di Gerusalemme segnano un radicale cambiamento…”

………………….

Articolo collegato: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2021/05/12/free-palestine-stop-the-bombing/


OH  PALESTINA!

 di Zahoor Ahmad Zargar

 

Pianti urla lacrime o silenzio di morte

-dentro il petto lava che sta per esplodere-

razzi mine carri armati o pallottole vaganti

prendono di mira

uomini donne bambini innocenti

dimostrazione di prepotenza

incursioni militari coprifuoco assedio rapine

perquisizioni arresti umiliazioni

per colpire la dignità di un popolo

che ha avuto il coraggio di non sottomettersi

 

L’urlo di un neonato

sotto il sole bruciante di un check-point

madre bagnata dal sudore di vergogna e di fatica

dal petto sorge una

supplica che diventa preghiera:

“Tu devi crescere e diventare forte

per vendicare, liberare la tua patria!”

 

In un angolo di un villaggio

fanno cerchio attorno alla madre di un defunto:

battono le mani, regalano dolci

nelle loro canzoni per la vittoria

invitano i giovani al sacrificio kamikaze.

 

Terra Santa, Terra Promessa?

Terra dei Profeti e dei Santi

Terra bruciata Terra ferita Terra violentata

nelle mani dei discendenti

in nome di Dio?

Commenti

Post popolari in questo blog

TALEBANI BRAVE PERSONE di Renata Rusca Zargar

CERCASI ASSOCIAZIONI O ENTI PER ORGANIZZARE IL CAPODANNO CINESE A GENOVA

UN FUTURO SINDACO CHE SEMBRA UN COMUNE MORTALE, PROPRIO COME NOI