RICORDI di Teresa Oppo e Vittoria Sguerso

 


UN RICORDO

Un giorno venne mio nipote Simone e mi disse che voleva prendere un cane, io ero felice perché adoro i cani. Così decisero di prendere un cucciolo meraviglioso un GOLDEN RETRIEWER, lo chiamarono Simba, il nome del re leone, la fiaba che lui da piccolo adorava. Un nome forte. Tutti i giorni me lo portavano a vedere e io lo coccolavo e mi faceva tante feste. Io gli davo i biscottini, era buono, dolce, festoso, io lo adoravo, tutto quesro durò sei anni. 

Un giorno mio figlio mi disse: “Simba non sta bene”, fecero tutte le cure possibili, ma in tempo di dieci giorni volò nel paradiso dei cani, leucemia fulminante. 

 Cucciolo mio, tu non sai quanto dispiacere ho avuto e il vuoto che hai lasciato a tutti. Non pensavo di soffrire così, ti vedo sempre arrivare ma purtroppo è solo un’illusione, di forte avevi solo il nome, non sei stato fortunato. 

Adesso è arrivata una cucciola che si chiama Luce di nome e di fatto, ci ha rasserenato un po’. Noi non ti dimenticheremo mai, ora riposi per sempre in un piccolo cuore di ceramica. Ciao Simba.



                                                            Teresa Oppo



Un ricordo della giovinezza

 

Ero felice perché era il mio  primo giorno di lavoro, all'istituto per l'infanzia, quello che mi portò  alla mia indipendenza.

Entrai in un'antica villa nobiliare, al centro c'era una palazzina a tre piani e, adiacente, una struttura più piccola. Varcato il cancello, nel mezzo troneggiava una enorme aiuola con arbusti di rose che, pochi mesi dopo, sarebbe diventata un trionfo di colori.

Poco più avanti c'era un grande prato dove portavano i bambini a giocare.

Entrai nella palazzina e incontrai le future colleghe, una di loro mi disse che dovevo  andare  nella palazzina più piccola a dare il cambio a una collega che era con i bambini  malati di scabbia.

La mia felicità finì di colpo, non so se avevo capito bene, ma dovevo andare in mezzo a bambini malati e oltretutto  malati di una malattia inusuale e molto contagiosa.

Mi prese una angoscia profonda, avrei voluto scappare.

Andai dalla direttrice che mi confermò quello che mi era stato detto.

Mi porse un paio di guanti e mi salutò.

Quei pochi metri che mi separavano dalla palazzina li feci con le gambe che mi  tremavano, arrivai  lì esitai un attimo, ferma.

Con uno sforzo sovrumano entrai  e vidi pochi bambini  ridotti male.

Per un po',  ebbi i guanti e curai le piaghe in sicurezza, dopo non me li dettero più e continuai a curare le piaghe, spalmando la crema con le mani nude.

Per fortuna, il destino mi risparmiò questo contagio e io ricominciai a lavorare  in una atmosfera serena con i bambini sani.


Vittoria Sguerso



VEDI ANCHE:


VENTI e TI VEDO di Giuseppina Montemezzani (senzafine.info)

RACCONTO VERISTA E RACCONTO SURREALE di Patrizia Cattaneo (senzafine.info)

11 NOVEMBRE LUCIANO di Marcella Pera (senzafine.info)

RACCONTO VERISTA E RACCONTO SURREALE di Marina Zilio (senzafine.info)

SARA di Marcella Pera (senzafine.info)

RACCONTO VERISTA E RACCONTO SURREALE di Giuseppina Montemezzani (senzafine.info)

TOPOLINO di Maria Pera e IL BIVIO di Vittoria Sguerso (senzafine.info)

POLA città meravigliosa di Teresa Oppo (senzafine.info)

UCCELLO IN VOLO di Marcella Pera (senzafine.info)

CALLIGRAMMA di Teresa Oppo e POESIA "AL MIO PAPÀ" di Letizia Monti (senzafine.info)



---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


CONSIGLI DI LETTURA


Dinosauri, Atlantide, Uomo del Similaun, Civiltà di Golasecca, Ercolano, Liguri, Pompei…: Racconti d'amore (ROMANZI STORICI)

RACCONTI D’AMORE
La nostra civiltà ha origini antichissime.
L’uomo della Storia ha lottato per sopravvivere ma anche per permetterci l’evoluzione di cui siamo discendenza.
Un tempo, esisteva l’amore? O, meglio, esisteva come lo pensiamo adesso?
Le emozioni profonde e i sentimenti dell’essere umano sono sempre state le stesse. Per sete di potere, ricchezza, o consuetudini tribali, spesso l’amore è stato impedito, soffocato e castrato, come succede ancora oggi da qualche parte nel mondo.
I protagonisti di queste vicende ambientate in vari periodi di una Storia molto Antica
 hanno, invece, sconfitto gli stereotipi delle loro epoche e sono diventati eroici.
Perché, nonostante tutte le avventure e i pericoli affrontati, hanno scelto l’Amore.

COPERTINA DI ZARINA ZARGAR
ebook euro  3,90
cartaceo euro 8,50 


Lo sapevate che l’uso di lenzuola color rosso vivo fosse un sistema semplice e sicuro per mantenersi giovani?
E che bruciare una candela verde favorisse gli affari?
Portare una collana di angelite, ad esempio, ci avvicina alla pace e alla serenità, mentre un anello di corniola allontana il malocchio e i piccoli teschi di osso tibetano portano fortuna. Oppure, sapevate che il quarzo rutilato, abbinato alla labradorite, aumentasse il fascino personale e l’autostima? O che un rametto di acacia appeso dietro la porta tenesse lontano chi non ci vuole bene?
Il testo è, dunque, un manuale di curiosità pratiche sui benefici effetti delle pietre secondo i SEGNI ZODIACALI o secondo l’attrazione personale. Illustra i vantaggi che ci offrono alcune piante, spiega la terapia dei colori e, infine, insegna a fare per sé il profumo che ci renderà ancora più affascinanti e felici.

ebook euro 4,90
cartaceo euro 9,99

Commenti

Post popolari in questo blog

CONCORSI LETTERARI caARTEiv 2022 Scadenza 30 giugno 2022

PESCA A CANNA FISSA PER TUTTI tra la Liguria e Capri In Appendice tipica pesca caprese delle occhiate di ENRICO DELLA ROCCA

APERIFITNESS IN PISCINA A SAVONA