LA CORSA AGLI ARMAMENTI

 

Zuppi insiste: “la corsa agli armamenti non è una via sicura per conservare la pace” ma “una delle piaghe più gravi dell’umanità”



“Le tante guerre che producono orrori e povertà sfidano la Chiesa a stare dalla parte dei poveri”, perchè “solo una Chiesa dei poveri è una Chiesa di tutti”. Lo afferma il cardinale Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna e presidente Cei, intervenendo questo pomeriggio a Bologna, nella sala dello Stabat Mater dell’Archiginnasio, a un convegno promosso dalle Acli sulla figura del cardinal Giacomo Lercaro. Parlando della figura e del ruolo di Lercaro, Zuppi ricorda come “il Concilio Vaticano II avesse chiarissimo l’orrore della guerra”, definendo la corsa agli armamenti “non una via sicura per conservare la pace” e “una delle piaghe più gravi dell’umanità”.

Un concetto che “anche Papa Francesco ha riproposto, inascoltato, nella ‘Fratelli Tutti'”, rimarca il cardinale. Che poi aggiunge: “La pace non è mai data una volta per tutte, l’assenza di guerra è solo una tregua. E questa consapevolezza dovrebbe aiutarci”. In altre parole, sostiene Zuppi, “c’è ancora tanto da imparare dal Concilio Vaticano II.

“Non so se dalla guerra in Ucraina abbiamo imparato qualcosa, così come dalla pandemia di Covid. Se ci ha insegnato qualcosa, è che dobbiamo avere luoghi dove si ricompongono i conflitti”, ha detto Zuppi. “Mai abituarsi alla violenza. Il rischio vero è abituarsi alla guerra. La guerra non è mai a bassa intensità. Sono passati 100 giorni ma è come se fosse il primo: dobbiamo sentire tutta la paura che l’incendio possa svilupparsi e dobbiamo trovare un modo per spegnerlo”, ha avvisato il cardinale.
Papa Francesco ha più volte esortato a puntare sui colloqui di pace anziché aumentare gli investimenti nelle armi. “Quando c’è lo scandalo della fame, di milioni di bambini che non vanno a scuola o che sono sfruttatti”, è chiaro che il Pontefice invita a “mettere soldi per quello”, ha spiegato Zuppi. Tuttavia, “altro discorso è la legittima difesa. È chiaro che c’è aggressore e un aggredito, ma allo stesso tempo con più insistenza dobbiamo rafforzare tutte le vie di dialogo possibili”.

All’incontro è intervenuto anche l’ex premier Romano Prodi. “Nessuno vuole, o può, compiere il primo passo per farsi indietro – è stata l’amara considerazione del professore – e domani sembra sempre più favorevole di oggi per fare la pace”.

Zuppi insiste: "la corsa agli armamenti non è una via sicura per conservare la pace" ma "una delle piaghe più gravi dell'umanità" - FarodiRoma

--------------------------------------------------------------------------------


IN EVIDENZA


“La Terra si era allontanata solo di poco, quando avevano sentito uno scoppio, un fragore orrendo che aveva scosso persino l'astronave. Quel loro Pianeta che girava da tempo immemorabile intorno al Sole era scoppiato come un'enorme bomba. Fuoco, magma e ammassi di materia disintegrata avevano immediatamente iniziato a precipitare verso un enorme Buco Nero. Tutto era finito in pochi minuti inghiottito là dentro e nessuno ne avrebbe mai più saputo niente.”Un virus misterioso che si propaga con un puzzo sgradevole ha sterminato la popolazione dell’Europa. Gli Umani hanno distrutto animali, piante, hanno inquinato e corrotto ogni cosa per avidità. Così, la Terra scoppierà e sarà inghiottita dal Buco Nero. Solo un piccolo numero di persone meritevoli verrà salvato e condotto dagli Dei Mahākāla e Vetali su un altro Pianeta grigio e fangoso.


LEGGI L'ESTRATTO:

L'ASTRONAVE DEGLI DEI eBook : RUSCA ZARGAR, RENATA: Amazon.it: Kindle Store


IN VENDITA SU AMAZON:

L'ASTRONAVE DEGLI DEI eBook : RUSCA ZARGAR, RENATA: Amazon.it: Kindle Store


Ebook euro 2,99

Cartaceo euro 4,50

Seguimi su Amazon:

RENATA RUSCA ZARGAR su Amazon.it: libri ed eBook Kindle di RENATA RUSCA ZARGAR

Commenti

Post popolari in questo blog

CONCORSI LETTERARI caARTEiv 2022 Scadenza 30 giugno 2022

PESCA A CANNA FISSA PER TUTTI tra la Liguria e Capri In Appendice tipica pesca caprese delle occhiate di ENRICO DELLA ROCCA

APERIFITNESS IN PISCINA A SAVONA