IL VOTO SEGRETO ANDREBBE ABOLITO

 Sono convinto che il voto segreto abbia un senso e debba essere mantenuto, ma per una sola ristrettissima casistica: quando oggetto del voto è una persona. Il voto segreto di ieri al Senato, sia oppure non concesso dal Regolamento, mi è parso del tutto improprio. Il commento di Gianfranco Pasquino, accademico dei Lincei e professore emerito di Scienza Politica

DI  Gianfranco Pasquino




Nella seconda metà degli anni Ottanta del secolo scorso, Bettino Craxi lanciò con grande determinazione la battaglia per l’abolizione del voto segreto. Voleva, giustamente, eliminare ovvero quantomeno fortemente ridurre il potere dei franchi tiratori, una specialità nella quale si impegnavano con notevole successo le correnti democristiane. In subordine, naturalmente, con il voto palese avrebbe anche potuto vedere come votavano i suoi parlamentari. Buona parte della sinistra di allora, comunisti e, ahiloro, alcuni deputati e senatori della Sinistra Indipendente si opponevano pensando di continuare a lucrare sui comportamenti devianti dei democristiani. Sostenni allora e ribadisco adesso che il voto palese deve essere la norma nel Parlamento italiano come lo è in quasi tutti i parlamenti democratici a cominciare da Westminster, la madre di tutti Parlamenti. Da un lato, ritengo che gli elettori abbiano diritto a sapere come votano i rappresentanti che hanno eletto, conoscerne le motivazioni, valutare la loro disciplina di partito e, eventualmente, la loro “ribellione” al capogruppo. Rebels sono chiamati i parlamentari dissidenti a Westminster, dove ce ne sono sempre, che si esprimono in modo palese. Dall’altro, credo che i parlamentari stessi dovrebbero manifestare l’orgoglio di essere trasparenti e di trasmettere con il loro comportamento e con le loro dichiarazione quanto serva agli elettori tutti per farsi un’opinione, per imparare politica, per continuare nella loro preferenza di voto o cambiarla. Prossimamente, a richiesta di Formiche, spiegherò meglio tutto questo.

Tuttavia, sono convinto che il voto segreto abbia un senso e debba essere mantenuto, ma per una sola ristrettissima casistica: quando oggetto del voto è una persona. Né il Presidente della Repubblica né i parlamentari indagati debbono avere la possibilità di sapere chi ha votato per o contro di loro. Da un lato, non bisogna consentire ai parlamentari di acquisire con il loro voto i favori dell’eligendo a una carica o di chi vuole evitare un processo. Dall’altro, è imperativo che il parlamentare si senta tutelato dal segreto e non tema rappresaglie ad opera di chi non ha eletto o di chi ha mandato a processo.

Il voto segreto di ieri al Senato, sia oppure no concesso dal Regolamento, mi è parso del tutto improprio. Decidere se passare o no all’analisi di un disegno di legge non riguarda la coscienza di nessuno. Non è una tagliola. È un trucco. È una frode perpetrata ai danni degli elettori. I senatori contrari al passaggio all’esame del testo dovevano opporsi al voto segreto e “palesare” le loro opinioni e preferenze. Era anche il modo migliore per migliorare, o addirittura bocciare, in seguito il ddl Zan con emendamenti e visioni alternative. Una brutta paginetta dalla quale bisognerebbe imparare che una importante qualità della democrazia, da perseguire con costanza e tenacia, è la trasparenza. E una altrettanto importante qualità dei rappresentanti è l’assunzione piena in maniera trasparente della responsabilità dei propri voti e la rivendicazione palese e inequivocabile. Chi cerca e trova i modi per sfuggire dalle proprie responsabilità di rappresentanza elettorale e politica non deve essere lodato, ma fortemente biasimato.

Scritto nel 99esimo anniversario della marcia fascista su Roma.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

NOTA DELLA BLOGGER

LA CASELLATI HA VOLUTO FORTEMENTE IL VOTO SEGRETO. 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI LEGGI QUI:

https://www.huffingtonpost.it/2018/03/26/quando-casellati-parlo-di-ruby-come-nipote-di-mubarak-otto-e-mezzo-diffonde-un-video-del-2011-dellallora-sottosegretaria-alla-giustizia_a_23395734/

IN EVIDENZA

 

MOLTI ANNI FA HO SCRITTO QUESTO LIBRO IN CUI HO RACCONTATO STORIE DI ADOLESCENTI CHE "PUNISCONO" UN PRESUNTO OMOSESSUALE. FATTI COMUNI DELLA VITA, PURTROPPO. SPERO CHE I GIOVANI LO LEGGANO E, MAGARI, ANCHE QUEI DEPUTATI E SENATORI CHE HANNO APPLAUDITO COME ALLO STADIO PER IL FALLIMENTO DI UNA LEGGE DI CIVILTA'.

Commenti

  1. Sono d'accordo col Professor Pasquino e aggiungo che il coraggio delle proprie idee dovrebbe essere un REQUISITO per entrare in POLITICA.
    OGGI si supplisce al basso livello degli ALCHIMISTI PARLAMENTARI
    con il VOTO SEGRETO. Del resto sappiamo bene che un 300 di loro andranno a perdere potere voto e poltrona e quindi fanno danno finchè possono...
    Visto che il GOVERNO funziona molto bene, diventano il male minore.
    Ma mi spiace molto per come è finita col DDL ZAN.
    Angela Fabbri

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

SI INSINUA NEL VIDEO CHE IO MI FACCIA RUBARE LA BORSETTA!!!!

CHE TE NE FAI DI UN'ALTRA FEMMINA? storie di donne per combattere la violenza

FINALMENTE SONO QUI di Renata Rusca Zargar