ENI UNA DELLE AZIENDE TRA I PIU' GRANDI EMETTITORI DI CO2 AL MONDO

 


L
a foto sopra documenta che siamo entrati in azione sulla piattaforma petrolifera Porto Corsini Mare Ovest, al largo delle coste di Ravenna, per denunciare il “patto della finzione ecologica” che vincola il nostro Paese alle fonti fossili e a politiche climatiche inefficaci che finiscono per favorire solo aziende inquinanti, come ENI.

 

Le nostre attiviste e i nostri attivisti hanno inscenato, durante un'azione di protesta, “Il meeting dell’industria del gas” tra il Presidente del consiglio dei Ministri Draghi, il Ministro della transizione ecologica Cingolani e il colosso petrolifero ENI.

 Era il 29 Settembre 2021 e la nostra azione è cominciata alle 6.30.


Sostieni anche tu le nostre azioni per contrastare le compagnie petrolifere responsabili del cambiamento climatico!
  

ENI è una delle Aziende tra i più grandi emettitori di CO2 al mondo, e di cui noi cittadini italiani siamo in qualche modo azionisti, essendo partecipata dallo Stato per il 30% tramite il Ministero dell’Economia e delle Finanze e la Cassa Depositi e Prestiti. Vogliamo spiegarti cosa fa ENI e qual è il motivo per cui noi di Greenpeace siamo stati impegnati in una azione di protesta non violenta.

ENI, consapevole di essere uno tra i più grandi emettitori, vorrebbe nascondere una parte delle emissioni sotto il mare, grazie a impianti di cattura e stoccaggio della CO2. Una tecnologia costosa, fino ad ora fallimentare e con potenziali impatti per l’ambiente. Il colosso dell’energia vorrebbe realizzare il progetto proprio a Porto Corsini, al largo di Ravenna, e finanziarlo con soldi pubblici.

Per poter accedere ai fondi pubblici, ovviamente il Governo dev’essere d'accordo. E tutto lascia indicare che lo sia. Draghi va alle Nazioni Unite a parlare di transizione ecologica e dei posti di lavoro che porteranno le fonti rinnovabili (come diciamo da anni) ma nel frattempo il suo governo di fatto sta per far ripartire le trivelle.

Prossimamente, infatti, scade la moratoria che per due anni e mezzo ha bloccato ogni nuovo progetto di prospezione e ricerca di idrocarburi in Italia. Nel frattempo si doveva preparare un Piano per la Transizione Energetica Sostenibile delle Aree Idonee (PiTESAI) per indicare, in modo chiaro dove non sarà più possibile estrarre gas fossile e petrolio. Quello che è stato presentato (ammesso che venga davvero approvato in tempo) non blocca proprio nulla e c’è il grosso rischio che da subito, in particolare in mare, le trivelle si rimettano in moto.


Sostienici oggi stesso per spingere Aziende e Governi ad una vera transizione verso le energie pulite.


Invece di avviare rapidamente la transizione energetica, puntando su fonti rinnovabili ed efficienza, il governo Draghi punta su tecnologie controverse e potenzialmente pericolose come il CCS, anche per utilizzare piattaforme vecchie che dovrebbero essere dismesse. E’ quello che potrebbe accadere per la piattaforma dove abbiamo protestato, dove ENI vuol far partire un CCS “sperimentale” che potrebbe quindi esser finanziato anche con i soldi pubblici.  

 Aiutaci anche tu. La scienza ci dice che questo è il decennio decisivo per contrastare la crisi climatica, e aziende come ENI devono cambiare per per evitare la catastrofe climatica. Bisogna ridurre le emissioni, non inventarsi false soluzioni!

Sostieni le nostre attività per una vera, rapida, urgente transizione ecologica e affinché i soldi pubblici non finiscano nelle mani dei petrolieri per l’ennesimo “greewashing”! Le emissioni di CO2 vanno ridotte drasticamente! Il pianeta ha bisogno di noi! 

 



----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

IN EVIDENZA

ULTIME ORE PER VOTARE IL VIDEO


VEDI ANCHE:


https://www.senzafine.info/2021/10/httpsfb.htm

Commenti

Post popolari in questo blog

SI INSINUA NEL VIDEO CHE IO MI FACCIA RUBARE LA BORSETTA!!!!

CHE TE NE FAI DI UN'ALTRA FEMMINA? storie di donne per combattere la violenza

FINALMENTE SONO QUI di Renata Rusca Zargar