VE LO MERITATE ALBERTO SORDI! di Gordiano Lupi

 UN MICRO RACCONTO

Ve lo meritate Alberto Sordi!

Ve lo meritate Alberto Sordi, per le vostre lingue allenate, per i vostri esagerati egoismi, per un ego ipertrofico, perché vi basta una pacca sulla spalla e cambiate idea. Ve lo meritate Alberto Sordi, perché volete piacere a tutti, poi i fascisti non esistono, forse non sono mai esistiti, quel che conta sono le persone. Ve lo meritate Alberto Sordi, perché vi basta un bravi ragazzi, crediamo in voi, che vi brillano gli occhi e andate a vendere l’anima per quattro palanche. Ve lo meritate Alberto Sordi, perché vi sentite intellettuali, sopra la massa, la vostra puzza sotto il naso si sente da lontano, lascia vittime sul campo, sconvolge, provoca disgusto. Ve lo meritate Alberto Sordi, perché noi si deve lavorare, dobbiamo scendere a patti, non possiamo mia seppellire il nostro genio, quel che conta è esprimere delle idee. Ve lo meritate Alberto Sordi, perché lavorare otto ore al giorno non fa per voi, siete artisti, mica artigiani, vivete d’accatto assistenziale, mantenuti da fascismi striscianti che perdono cadaveri quando camminano. Ve lo meritate Alberto Sordi,  perché siete proprio come lui, poveri piccoli italiani ipocriti disposti a vendere l’anima, persino quel briciolo di passione che non avete, pur di apparire. So bene che non combatterete mai, ci sarà sempre un Alberto Sordi da riverire, con lingue allenate e sorrisi posticci come baffi. Vi vedo passare da lontano, abbracciati ad Alberto Sordi, cercate di non venirmi troppo vicino, ché io non son capace di aver le tasche piene, ma solo i coglioni, di voi e di Alberto Sordi. 

Gordiano Lupi


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

IN EVIDENZA



VEDI ANCHE:


https://www.senzafine.info/2021/10/httpsfb.html

Commenti

Post popolari in questo blog

SI INSINUA NEL VIDEO CHE IO MI FACCIA RUBARE LA BORSETTA!!!!

CHE TE NE FAI DI UN'ALTRA FEMMINA? storie di donne per combattere la violenza

FINALMENTE SONO QUI di Renata Rusca Zargar