Appello al sindaco di Roma per la riscoperta dei sentieri pedonali bioregionali della capitale...

 


di PAOLO D'ARPINI

Spesso gli amici romani mi dicono “beato te che vivi a Treia" ed ogni volta rispondo loro “ogni luogo è paese, basta conoscerlo e  saperci vivere”. Ed è proprio così. Infatti se pensassimo che si può essere ecologisti e bioregionalisti solo se stiamo in campagna, od in un paesino alternativo, allora non riusciremo mai a cogliere il punto dell’abitare il luogo in cui siamo come se fosse tutta la terra. 

La Terra è una e non ha cantoni, è una palla rotonda ed omogenea, tutto corrisponde al tutto, il vento spira ovunque, l’acqua scorre ovunque e la vegetazione e gli animali e l’uomo sono presenti ovunque. 

Certo, in città abbiamo la sensazione che la natura non esista ma è solo una distrazione, una mancanza di attenzione a quel che ci circonda, tanto siamo avvezzi alla virtualità, impigriti dai percorsi obbligati della civiltà metropolitana: mezzi di trasporto, atmosfere condizionate, luoghi d’incontro in cui non ci si incontra, luoghi di ascolto in cui non si ascolta, insomma ci siamo viziati nell’assenza di presenza. Ed è solo per questo che non percepiamo la bellezza di una città “bioregionale” come Roma. 

Quando ancora  abitavo a Roma, in Via Emanuele Filiberto (Piazza Vittorio),  facevo lunghissime passeggiate,  andavo tutti i giorni a piedi a Trinità dei Monti od a Piazza Navona. Dovete sapere che conoscevo così bene i percorsi pedonali che  in 30 minuti arrivavo  in centro, passando quasi sempre in mezzo al verde di cui Roma è ricca.  Infatti il centro di  Roma è immerso nel verde ma uno se ne rende conto solo se  cammina nei posti giusti…  Se ti muovi  in macchina o in autobus allora stai sempre imbottigliato nel traffico e nello smog. 

Un giorno vi racconterò meglio di questi miei percorsi, durante i quali trovavo anche frutta e verdura. Sì avete letto bene, proprio frutta e verdura, giacché Roma è ricca di alberi da frutto e di tante erbe che crescono spontanee nei parchi e nei diversi giardinetti. Credetemi è meglio che negli “orti di guerra” di mussoliniana memoria!

Roberto Gualtieri, attuale sindaco di Roma, dovrebbe incentivare l’uso di questi percorsi pedonali bellissimi, un bene pubblico ancora misconosciuto. E colgo l’occasione  per rivolgergli un  appello, affinché mappi e valorizzi i sentieri e le viuzze interne di Roma.  

A piedi Roma è più bella, ve lo dice un "romano de Roma" (in esilio)!

Paolo D’Arpini - Rete Bioregionale Italiana

image.png

Fonte: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2023/02/appello-al-sindaco-di-roma-per-la.html


Commenti

Post popolari in questo blog

UNA STIMATA FAMIGLIA DI NEGAZIONISTI di Renata Rusca Zargar

CENA CON L'AUTORE: RENATA RUSCA ZARGAR