CRISTIANESIMO

 



di        James Hansen

La scoperta! — A marzo il Vaticano ha formalmente ‘ripudiato’—dopo 530 anni—la ‘Dottrina della scoperta’ introdotta con la bolla pontificia Inter Caetera emessa dal Papa Alessandro VI nel 1493. Il Papa—il cui cognome in italiano era ‘Borgia’—era spagnolo (‘Borja’ di nascita) e il suo scopo fu palesemente quello di creare una base giuridica per i diritti acquisiti dalla Spagna sul ‘Nuovo Mondo’ attraverso la scoperta fatta da Cristoforo Colombo appena l’anno prima.

La bolla stabilì che ogni terra non cristiana poteva essere ‘scoperta’, reclamata e sfruttata dai regnanti europei cattolici. “La Fede cattolica e la religione cristiana—precisava il documento—dovranno essere ovunque esaltate ed estese, le anime accudite e le nazioni barbare rovesciate e portate alla Fede”. La bolla fissò inoltre una linea di demarcazione ad ovest delle Azzorre oltre alla quale si poteva accedere unicamente con il permesso della Corona spagnola.

Alla lunga le ambizioni di Madrid risultarono vane, ma la Dottrina—che creò una sorta di ‘diritto’ degli europei a reclamare la proprietà di tutto ciò che ‘scoprivano’ anche qualora fosse già di altri—entrò nella giurisprudenza di molti paesi per giustificare la ‘legittimità’ delle origini dei titoli di possesso sulle terre confiscate. C’era però un problema: tutto ciò partiva dalla convinzione che gli abitanti originari delle terre interessate potessero non essere del tutto umani. Così, non avrebbero necessariamente avuto un’anima da salvare, e tantomeno il diritto di disporre di una proprietà o di contrastare la volontà di un superiore diritto morale…

La materia fu molto dibattuta nei primi decenni del XVI secolo. Alla fine, nel 1550, venne convocata la Giunta di Valladolid per dirimere la questione della natura giuridica e spirituale delle popolazioni native delle Americhe, specialmente per quanto riguardava l'esistenza—o meno—di un'anima negli indios.

Il parere di uno dei relatori, il frate domenicano Tommaso Ortiz, dà un’idea dei termini del discorso: “Gli uomini di terra ferma delle Indie mangiano carne umana e sono sodomiti più di qualunque altra gente… Vanno in giro nudi, dementi e insensati… Si ubriacano persino con il fumo e con certe erbe che fanno loro perdere la ragione… Sono stregoni, indovini e negromanti; codardi come lepri, osceni come porci… Insomma, sostengo che mai Dio creò gente tanto intrisa di vizi e di bestialità”.

Altri sostennero il contrario. Il Vescovo Bartolomé de Las Casas, citando episodi di sacrifici umani e di cannibalismo anche nell’antichità classica, affermò il diritto degli indigeni di poter fare la guerra agli spagnoli. Non si raggiunse nessun accordo nel primo incontro, così la Giunta venne convocata nuovamente l'anno seguente, ma nemmeno lì fu trovata una risoluzione condivisa, nonostante entrambe le parti contendenti si fossero dichiarate vincitrici.

Alla fine, la controversia—almeno in termini teologici—si è chiusa, forse per stanchezza e solo col passare del tempo, anche se tanto odio e tanto dolore non vengono necessariamente cancellati in un mero mezzo millennio.

____________

Usciamo con il sostegno di: Tesya Group, MSC Cruises, Class Editori e Telecom Italia Sparkle

uew© Copyright 2023 James Douglas Hansen


--------------------------------------------------------------

 


PUBBLICITA'


SONO UNA DONNA CHE SCRIVE STORIE DI DONNE

Durante tutta la vita mi sono impegnata nella società per i diritti delle donne enel 2021, in occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, il 25 di novembre, avevo voluto che uscisse il libro “Che te ne fai di un’altra femmina?”, una raccolta di storie di donne occidentali e orientali che amano eppure subiscono violenza. In uno dei racconti, avevo persino immaginato un altro Pianeta dove, però, si perpetuava la stessa mentalità terrestre: la donna è un oggetto e come tale può essere distrutta. (qui si può leggere l’estrattoCHE TE NE FAI DI UN'ALTRA FEMMINA?: storie di donne del mondo orientale e occidentale con una puntata su un nuovo Pianeta (RACCONTI DI DONNE) eBook : RUSCA ZARGAR, RENATA: Amazon.it: Kindle Store)

Per l’8 marzo 2022, ho, inoltre, pubblicato “Storia della strega di Savona e altri racconti di violenza”, testo che, come il precedente, fa parte della collana “Racconti di donne”.   LEGGI L'ESTRATTOhttps://www.amazon.it/STORIA-DELLA-STREGA-SAVONA-racconti-ebook/dp/B09TWT76SL?asin=B09TWT76SL&revisionId=d91d1211&format=1&depth=1

In occasione del 25 novembre 2022, è uscito "VOGLIO IL TUO UTERO" sulla maternità surrogata (qualcuno cioè che fa un figlio per altri), un soggetto di cui si parla molto poco, forse, per non dar fastidio a nessuno. LEGGI L'ESTRATTO: https://www.amazon.it/gp/product/B0BMGWRKKP?notRedirectToSDP=1&ref_=dbs_mng_calw_2&storeType=ebooks&asin=B0BMGWRKKP&revisionId=be36a2df&format=1&depth=1


                                                        

RENATA RUSCA ZARGAR su Amazon.it: libri ed eBook Kindle di RENATA RUSCA ZARGAR

Commenti

  1. E' una vergogna! Proprio il Borgia che aveva una vita non certo morigerata, tant'è che ha avuto due figli come Lucrezia e Valentino. E non so quanti altri! Dunque, se il Papa dovrebbe rappresentare il Cristo in terra, beh, tutto concorda con l'esatto contrario. Amare il prossimo, essere caritatevole, rinunciare alle ricchezze, ecc. non corrisponde agli insegnamenti evangelici. Non aggiungo altro. Tutta l'umanità è figlia di Dio, quindi perché discriminare alcune popolazioni? Perché distruggerle? Meno male che questa stupida insulsa legge religiosa è stata cancellata, e c'è voluto mezzo millennio per farlo? Quale arretratezza!! Danila

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

SAMINA

Kokoè, dal Togo al Campus Universitario di Legino: il mio racconto premiato in Campidoglio a Roma

SERGIO DANGELO - ALBISSOLA MARINA