DISUMANO

 



Intrappolate
nelle foreste al confine orientale dell’Europa, al freddo, senza cibo per giorni, senza cure. È la situazione di migliaia di persone, a volte intere famiglie, che negli scorsi mesi e settimane hanno cercato di raggiungere il nostro continente ma hanno trovato recinzioni, militari e violenza.

Tra Bielorussia, Polonia e Lituania si trova bloccato un numero imprecisato di uomini, donne e bambini incapaci di proseguire il proprio viaggio perché ovunque viene rifiutato loro l’ingresso.
I nostri operatori hanno ascoltato numerose testimonianze dirette di chi ha subito furti, danneggiamenti o è stato vittima di violenza intenzionale da parte delle pattuglie di confine. Abbiamo visto sui corpi lesioni fisiche che coincidono con questi racconti di abusi. Una situazione inaccettabile e disumana.

Anche per chi, come MSF, vuole aiutare, non è facile accedere a questi territori. Siamo stati costretti a concludere il nostro intervento in Polonia a causa del continuo rifiuto delle autorità di concederci l’accesso all’area di confine. Stiamo continuando a supportare il più possibile chi si trova in Bielorussia e Lituania, dove oltre ad attività di sostegno medico e psicologico, abbiamo distribuito prodotti per l’igiene, vestiti e giochi per i bambini.

Siamo ormai entrati nel periodo più rigido dell’inverno: non sappiamo con precisione quante persone siano ancora bloccate lungo questi confini ma sappiamo per certo che hanno ancora bisogno di aiuto.

LEGGI LA NEWS:

https://www.medicisenzafrontiere.it/news-e-storie/news/polonia-bielorussia-confine-migranti/?codiceCampagna=22.PPW.NL.1.ENEWSP&utm_source=prospect&utm_medium=email&utm_campaign=nl-313&utm_content=Milioni+di+Passi&url_map=calltoaction

https://www.medicisenzafrontiere.it/landing/migrazioni-europa/?codiceCampagna=22.PPW.NL.1.ENEWSP&donor_type=1&utm_source=prospect&utm_medium=email&utm_campaign=nl-313&utm_content=Milioni+di+Passi&url_map=boxfrprimopiano&cod_donor=0191196292


Commenti

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

MORIRE PER LA NATO PUBBLICATO IN SPAGNA

NOI CAVIE DELLE NUCLEARI "TATTICHE" DI PUTIN di Renata Rusca Zargar