SCRIVERE MI E' SEMPRE PIACIUTO di Enzo Randazzo

 



Sintesi

Non è facile definire le caratteristiche di questa nuova opera dell'autore, tanto ricche sono le suggestioni di personaggi, ambienti, riferimenti, letture, considerazioni critiche molto vaste e puntuali su scrittori e maestri che chiaramente hanno influito nella strabocchevole formazione dello scrittore.
Sempre con originalità e scoperte personali che rendono ancora più ricca e feconda la lettura e con un tono quasi di civetteria, l'autore gioca col tentativo di autodefinirsi soprattutto un lettore. Per sua stessa esplicita ammissione fin da ragazzo la lettura si potrebbe dire ininterrotta è stata l'alimento principale della sua formazione, ben oltre i confini del percorso scolastico e la comprensione entusiasta, come anche gli scontri con gli insegnanti sono stati occasione di arricchimento e di crescita. Ma per molti versi sono l'ambiente familiare e le avventure e i giochi con i propri coetanei a costituire forse la palestra più interessante delle sue scoperte e delle sue amicizie.

Nuccio Fava


Enzo Randazzo passa attraverso la narrazione memoriale suscitata dall'elemento dei reading poetici, dei congressi della Democrazia Cristiana e delle Settimane Pirandelliane, dei seminari con Aldo Moro, dei comizi con De Mita e Pannella, degli incontri con Leonardo Sciascia, inserendovi anche le nebbie russe più dialoganti di quelle nostrane e le fucine del fabbro in cui sentiva troppo caldo e respirava maligni odori di bruciato . Si affida alla memoria come strumento di accesso a una verità capace di manifestarsi indipendentemente da griglie e schemi linguistici, consegnandosi al potere della scrittura, lasciando parlare il linguaggio, utilizzando le parole come sonde capaci di rivelare la compresenza nella narrazione di patto autobiografico e di paratesto romanzesco, presentandosi come un romanzo che è però allo stesso tempo un'autobiografia, oppure, mi permetto di insinuare, nessuno dei due.

Gisella Mondino

ENZO RANDAZZO: Scrittore versatile e sperimentalista, Enzo Randazzo è alla costante ricerca di un moderno senso di libertà intellettuale ed esistenziale. La sua scrittura accattivante ed avvolgente, che rappresenta con un ritmo incalzante la sofferta problematicità del nostro tempo, le sue laceranti contraddizioni e le sue speranze ideali, ha riscosso vasti consensi di pubblico e di critica, con prestigiosi Premi (Casentino, Pirandello, Bufalino, Città di Firenze, Livatino, Chimera d'argento, etc.) e apprezzamenti, soprattutto tra i giovani.

Scrivere mi è sempre piaciuto (kimerik.it)


----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Commenti

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

MORIRE PER LA NATO PUBBLICATO IN SPAGNA

COSE DA DIRE A UNA FIGLIA CHE E' DIVENTATA GRANDE di Chiara Macina