GIORNATA DELLA TERRA di Paolo D'Arpini

 22 aprile 2022 - Giornata della Terra e la soluzione "bioregionale"

Come ogni anno il 22 Aprile si tiene in tutto il mondo la celebrazione della Giornata della Terra. Questa iniziativa è nata il 22 aprile 1970 per sottolineare la necessità della conservazione delle risorse naturali della Terra.

Anche noi bioregionalisti abbiamo utilizzato questa ricorrenza come occasione per valutare le problematiche del pianeta: l’inquinamento di aria, acqua e suolo, la distruzione degli ecosistemi, le migliaia di piante e specie animali che scompaiono, e l’esaurimento delle risorse non rinnovabili.

In particolare ci siamo occupati del problema della cattiva alimentazione e della carenza alimentare in molte parti del mondo, con nuove punte di sofferenza e malattia. Scarsi o devastati raccolti, aumento dei prezzi di alimenti primari, sistemi agricoli insostenibili sono tra i fattori che rendono la classe popolare vulnerabile ed a rischio di sopravvivenza.

Non è assolutamente accettabile che, persino in una drammatica situazione che vede morire di stenti almeno sei milioni di bambini all’anno, grosse quantità di cibo disponibile vengono usate per allevare milioni di animali da macello.

In nome dell’intelligenza e della giustizia umana non è più pensabile che dai 7 ai 16 kg. di soya o altri legumi, che oltre 15.500 litri di acqua pulita, e circa 323 mq. di pascolo vengano utilizzati per la semplice produzione di un kilo di carne (sì avete letto bene 1 kg. di carne) che verrà consumato da chi ha i mezzi per concederselo. Mentre le stesse sostanze potrebbero alleggerire notevolmente la fame di chi è nel bisogno.

Malauguratamente, anche se diversi esperti considerano che il sistema corrente di super produzione alimentare sia una minaccia all’ambiente alcuni di questi “esperti” consigliano alternative persino più rischiose -come gli OGM ed i pesticidi chimici- che promettono di creare ulteriori danni al già devastato ambiente, senza sapere come andrà a finire…

Gli affamati del mondo, numerosi bioregionalisti e vegetariani e la gente che ha preso coscienza di questo stato di cose e cerca un’armonia con la natura, hanno diritto di chiedere ed aspettarsi dai governanti e dai detentori del potere economico e scientifico soluzioni ecologiche, intelligenti e ragionevoli.

Per queste ragioni, noi auspichiamo la formazione di un governo di saggi che si interessi maggiormente alla “soluzione” vegetariana, studiandone i suoi diversi aspetti: sociali, anatomici, ecologici, economici, salutistici, etc. In vista di ottenere risultati atti a combattere la fame nel mondo e riportare l’uomo in buona salute psicofisica.


Paolo D'Arpini 

 Rete Bioregionale Italiana


Fonte: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2022/04/22-aprile-2022-giornata-della-terra-e.html


Articolo in sintonia: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2022/04/14/treia-23-e-24-aprile-2022-festa-dei-precursori-intenti-e-programma%ef%bf%bc/

Integrazione di "Editoriale Scienza": "In vista della Giornata mondiale della Terra, il 22 aprile, segnaliamo la locandina  che abbiamo realizzato per l’occasione, partendo dalla copertina di “È tutto un solo mondo”, il nuovo titolo dell’autrice Nicola Davies."

https://www.editorialescienza.it/


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


IN EVIDENZA



Storie di sentimenti forti per provare emozioni.

Layla e Majnun, il racconto che dà il titolo al libro, è il ricordo di un'infelice storia d'amore, anticipatrice, forse, di Giulietta e Romeo.
Se, dunque, l’amore è ciò che conta davvero nella vita, una donna deve rinunciare a un'occasione di carriera solo perché gli altri (tra cui un fidanzato indolente) non hanno fiducia in lei? Deve essere come le foglie in autunno, resistenti o caduche?

Altre vicende di questa raccolta, poi, sono ambientate in India, in Svizzera e persino in cielo, sulle nuvole.

Infine, si narra di nascita prematura di una bimba, di amicizie, di perdita del lavoro, del Pianeta maltrattato dagli Umani e dell'amore della Befana per i bambini di tutto il mondo, ricchi o poveri che siano.
Sono racconti molto diversi tra di loro che hanno, però, un punto in comune: trattano di sentimenti umani e perciò, oggi, sono del tutto snobbati.


IN VENDITA SU AMAZON


LAYLA E MAJNUN: e altri racconti eBook : Rusca Zargar, Renata: Amazon.it: Kindle Store


EBOOK euro 3,90

CARTACEO euro 9,50


LEGGI L'ESTRATTO:


LAYLA E MAJNUN: e altri racconti eBook : Rusca Zargar, Renata: Amazon.it: Kindle Store

Commenti

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

MORIRE PER LA NATO PUBBLICATO IN SPAGNA

NOI CAVIE DELLE NUCLEARI "TATTICHE" DI PUTIN di Renata Rusca Zargar