PULIZIA ETNICA

 



Il territorio ancestrale del popolo Manjui si trova nell'Alto Pilcomayo e nel nord-ovest del Chaco Centrale, nel dipartimento di Boquerón, Chaco del Paraguay.

Nel 1998, lo stato paraguaiano ha acquistato 38.406 ettari per questa comunità, ma non sono mai stati trasferiti a loro. Oggi questa popolazione ancestrale sta soffrendo per una pulizia etnica silenziosa:le loro terre ancestrali sono state invase dal bestiame e dalle compagnie che producono carbone.

Unisciti alla petizione per esigere l'immediata restituzione del loro territorio


Pulizia etnica silenziosa: ecco cosa sta succedendo al popolo Manjui nel Chaco paraguaiano. Le loro terre ancestrali sono state invase dal bestiame e dalle compagnie che producono carbone. Nel 1998, lo stato paraguaiano ha acquistato 38.406 ettari per questa comunità, ma non sono mai stati trasferiti a loro. Unitevi alla petizione.


CA: presidente dell'Istituto Paraguayo del Indígena - INDI.

“Esigiamo la restituzione immediata del territorio al popolo indigeno Manjui del Chaco paraguaiano: consegnate le terre che sono di questo popolo.”

Lo spazio vitale del popolo Manjui si trova nel Chaco secco, all'interno del territorio paraguaiano. Il Chaco è un'ecoregione transfrontaliera caratterizzata dalla foresta secca, la seconda più grande area di foresta pluviale in America Latina, solo la foresta amazzonica è più grande. Il Chaco è ricco di biodiversità ed è popolato da numerosi popoli indigeni. La parte paraguaiana del Chaco è stata colonizzata solo durante il XX secolo. Oggi, i gruppi privati dominanti che distruggono gli spazi di vita indigeni, stanno deforestando massicciamente il Chaco paraguaiano.

Il popolo Manjui del Paraguay annovera circa 900 persone che rischiano seriamente di scomparire come gruppo etnico, come cultura e come lingua. La situazione di abbandono e negligenza delle istituzioni statali nei confronti di questa popolazione indigena è totale. Tuttavia, fino al 2018 non avevano un solo millimetro quadrato di terra con un titolo di proprietà nel loro territorio ancestrale. La negligenza dello Stato è stata continua dall'epoca della guerra del Chaco (1932 – 1935 tra Paraguay e Bolivia) ad oggi.

Questo contesto storico sofferto dal popolo Manjui ha portato le comunità alla situazione estrema in cui si è trovano negli ultimi decenni: pressione demografica dovuta alla situazione territoriale, povertà estrema, sofferenza per l’alta mortalità infantile.

A questo si aggiungono aggressive politiche di "pianificazione familiare" da parte dello stesso Ministero della Salute, volte al controllo delle nascite - questo contesto etnico ha una chiara connotazione genocida, secondo l'ONG Tierra Libre. E questo è quasi l'unica traccia della presenza delle Stato nelle comunità Manjui. "Storicamente e strutturalmente, le politiche pubbliche nel Chaco paraguaiano hanno mirato alla scomparsa di questo popolo, con l'Istituto Indigeno Paraguaiano INDI, che è l'ente pubblico che ha l'obbligo di garantire il benessere della popolazione indigena, essendo uno dei principali attori nello sviluppo di tale politica genocida e di pulizia etnica silenziosa", secondo Tierra Libre.

FIRMA QUI:

Vita e territorio per il popolo indigeno Manjui in Paraguay - Salviamo la foresta


----------------------------------------------------------------------------------------------------------


IN EVIDENZA

La Super Bomb: La Pillola o Il pillolone di Up and Down #pillola #bomb

Il video al link:


L'identikit delle Pillole di Up and Down!

Il video al link:




ISCRIVITI AL CANALE UP AND DOWN BY SAMINA





Commenti

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

MORIRE PER LA NATO PUBBLICATO IN SPAGNA

NOI CAVIE DELLE NUCLEARI "TATTICHE" DI PUTIN di Renata Rusca Zargar