da MEMORIA CONDIVISA

 



GENTILISSIME/I,

 
siamo tutti nella stessa barca... negli occhi le immagini da Kabul, straziati i bambini, donne, vecchi in balia delle religioni, più vecchie del mondo. Chi non ricorda la   storia alle elementari, la Mesopotamia, la terra tra due fiumi, Alì babà e i quaranta ladroni, Davide e Golia, muore Sansone con tutti i filistei, la persecuzione dei Cristiani. La religione al centro di tutte le diaspore nel Mondo. La Palestina e l'ebraismo, il buddismo e il maoismo, il nazifascismo e lo stalinismo non sono state delle religioni? Credere e obbedire! Gino Strada che se ne intendeva ha chiuso la sua esistenza con il testamento: quando si è governati da una banda dove la metà sono fascisti e l'altra metà coglioni non c'è una grande prospettiva per i paesi. Agli americani non è bastato la bomba su Hiroshima e Nagasaki, Korea, il Vietnam e alla Russia l'Afghanistan. Gli inglesi che non hanno mai lavorato, hanno vissuto per secoli sule colonie, La Compagnia delle Indie, in Sud Africa con le miniere e venti anni di galera a Mandela. E ancora gli americani che mettevano in croce i negri e li bruciavano vivi dopo averli cosparsi di pece. Le torri gemelle sono state l'alibi per le peggiori nefandezze. Siamo inondati di chiacchiere sui buoni e i cattivi. La democrazia non è mai esistita, se non dentro di noi, le minoranze di tutto il mondo.


La storia di Kim Phúc e della foto più famosa della guerra in Vietnam

L'8 giugno del 1972 fu fotografata nuda e in lacrime dopo un bombardamento al napalm"


CONTINUA A LEGGERE:


VEDI ANCHE:

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------PUBBLICITA'-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Commenti

Post popolari in questo blog

CERCASI ASSOCIAZIONI O ENTI PER ORGANIZZARE IL CAPODANNO CINESE A GENOVA

UN FUTURO SINDACO CHE SEMBRA UN COMUNE MORTALE, PROPRIO COME NOI

TALEBANI BRAVE PERSONE di Renata Rusca Zargar