Simòn Pedro Pérez Lòpez da SALVIAMO LA FORESTA

 


Essere un difensore della natura e dei diritti umani ha messo Simón Pedro Pérez López in pericolo. Il 5 luglio, un individuo su una moto lo ha avvicinato e gli ha sparato alla testa. È successo a Simojovel, Chiapas, mentre era al mercato con suo figlio. Firma la petizione per chiedere giustizia per Simón Pedro.

Lettera

CA: Presidente degli Stati Uniti Messicani

“Presidente e autorità del Messico: avviate immediatamente indagini approfondite e imparziali sull'omicidio di Simón Pedro Pérez López, difensore della natura.”

LEGGI TUTTA LA LETTERA

Simón Pedro, 35 anni, era padre di 7 figli e membro dell’organizzazione Las Abejas de Acteal, di cui era recentemente presidente del consiglio di amministrazione. In questa organizzazione della società civile ha lavorato come difensore dei diritti umani, accompagnando le comunità indigene che denunciano i progetti estrattivi e la violenza strutturale e continua nella regione degli altipiani del Chiapas. Era anche membro delle reti MAPDER , in difesa dei fiumi, e REMA, delle comunità colpite dalle miniere.

Alcune ore dopo il suo omicidio, ci sono state sparatorie, interruzioni di corrente e blocchi stradali. Il caos e la confusione regnano nelle comunità immerse in un grave conflitto in cui lo stato è assente e lontano da una reale risoluzione del conflitto. 

C'è urgente bisogno di una prevenzione globale della violenza contro i popoli e le comunità indigene nello stato del Chiapas, specialmente nei comuni di Aldama, Chalchihuitán, Chenalhó, Chilón e Pantelhó. Simón Pedro ha aiutato e incoraggiato gli abitanti a organizzarsi contro la violenza nel comune di Pantelhó, che è dominato da gruppi armati che controllano il traffico di droga e altre attività illecite nella zona, come il traffico di esseri umani e la vendita di armi, che porta all'espropriazione e allo sfollamento forzato. Si denuncia l'inerzia delle autorità di polizia e del "cattivo governo", come viene spesso chiamato in Messico, compresi i complici dei gruppi criminali.

Il Centro per i diritti umani Fray Bartolomé de las Casas, A. C. (Frayba)  e l'Osservatorio per la protezione dei difensori dei diritti umanihanno denunciato questo abominevole crimine, con la raccomandazione di scrivere alle autorità messicane per avviare un'indagine.

La situazione è estremamente complessa, e ancora di più in tempi di pandemia. È con grande preoccupazione che registriamo le continue minacce contro le nostre compagne e compagni che lavorano in prima linea in difesa dei loro territori e diciamo basta. Unisciti a noi, esprimi la tua solidarietà firmando la petizione alle autorità affinché prendano provvedimenti urgenti.

Infor­mazioniLettera

Questa petizione è disponibile in queste lingue:

Commenti

Post popolari in questo blog

CERCASI ASSOCIAZIONI O ENTI PER ORGANIZZARE IL CAPODANNO CINESE A GENOVA

UN FUTURO SINDACO CHE SEMBRA UN COMUNE MORTALE, PROPRIO COME NOI

TALEBANI BRAVE PERSONE di Renata Rusca Zargar