«In nome del litio», un documentario sui conflitti in Argentina DISPONIBILE FINO AL 9 AGOSTO

 


Documentario che riflette il confronto tra le comunità delle saline dell'Argentina settentrionale e le società di estrazione del litio sarà disponibile online e gratuitamente dal 1° al 9 agosto.

***

Il film documentario argentino 

"En el nombre del litio" uscirà il 1° agosto, giorno del Pachamama (Madre Terra), e sarà visto online e gratuitamente fino al 9 agosto.

Attraverso la storia di Clemente Flores, comunero di Salinas Grandes, i registi Cristian Cartier e Martin Longo riflettono il conflitto tra le comunità originarie dell'Argentina settentrionale contro le estrazioni di litio.

"I progressi tecnologici ci aiutano a migliorare la nostra qualità di vita, ma lo spettatore deve capire quali sono le nostre responsabilità nei confronti dell'ambiente e di altri stili di vita", hanno detto ai giornalisti.

La sinossi introduce Clemente, che vive nella comunità di El Moreno, Salinas Grande, a Jujuy, dove le comunità cercano di impedire lo sbarco di minatori multinazionali per estrarre il minerale.

Dopo le affermazioni ignorate dalle autorità,
intraprende un viaggio e poi ritorna e
organizza un'azione di resistenza con il suo popolo, in difesa del suo territorio e dell'equilibrio del Pachamama.

A causa del fatto che è una delle più grandi riserve di litio del mondo e delle pressioni degli interessi politico-economici nazionali e internazionali, le prospettive per le comunità originali sono sfavorevoli.

"La colonizzazione totale delle loro saline sembra
inevitabile e le loro tradizioni sembrano destinate a sacrificarsi alla ricerca di 'salvare' il mondo", si legge nella descrizione che presenta al film.

Sarà disponibile dal 1° al 9 agosto al seguente link: 

https://enelnombredellitio.org.ar

 https://contrainformacion.es/en-nombre-del-litio-un-documental-sobre-los-conflictos-en-argentina/

Commenti

Post popolari in questo blog

CERCASI ASSOCIAZIONI O ENTI PER ORGANIZZARE IL CAPODANNO CINESE A GENOVA

UN FUTURO SINDACO CHE SEMBRA UN COMUNE MORTALE, PROPRIO COME NOI

TALEBANI BRAVE PERSONE di Renata Rusca Zargar