Sergio Dangelo e Luiso Sturla, mostra dal 18 giugno al Centro Artistico BLUDIPRUSSIA ad Albissola Marina (SV)

 


Con piacere e ritrovata voglia di incontrare gli appassionati d’arte, comunichiamo la riapertura del Centro Artistico e Culturale Bludiprussia ad Albissola Marina con la mostra bi-personale degli artisti Sergio Dangelo e Luiso Sturla intitolata “Gemelli”.

 

I due artisti hanno in comune una profonda stima e amicizia, la frequentazione di Albisola e di essere tra le personalità artistiche e di cultura più rilevanti del secondo dopo guerra. Hanno frequentato le avanguardie artistiche del ‘900 e dato vita e aderito a movimenti pittorici. Dangelo ha fondato insieme a Enrico Baj il movimento nucleare e ha aderito al surrealismo, Sturla si è unito prima al gruppo d’arte concreta astratta (Mac) e ora è l’ultimo degli esponenti del naturalismo astratto.

Dangelo presenterà collage, pittura, ceramica e hand made.

Sturla proporrà, con allestimento dell’archivio Luiso Sturla, alcune delle sue carte realizzate nel 2020 durante il periodo del lockdown.

 

Sperando di farvi cosa gradita vi aspettiamo alla presentazione che avverrà venerdi 18 giugno alle ore 18.30 nella piazzetta Nicolò Poggi e a alla visita dell’esposizioni con ingressi contingentati.

 

Da venerdì 18 giugno a domenica 18 luglio. giovedì, venerdì, sabato, 29 maggio dalle 17.30 alle 19.30

Domenica su appuntamento

Apertura venerdì ore 18.30


                                                                                     Paola Grappiolo



 SERGIO DANGELO LUISO STURLA

BI-PERSONALE

GEMELLI

Il rapporto tra Dangelo e Sturla definito come quello di due gemelli nasce dalla considerazione di come i due abbiano condiviso la stessa epoca in uno spazio temporale artistico che va dagli anni '50 ai giorni nostri frequentando le avanguardie artistiche del '900.

Entrambi gli artisti hanno aderito o fondato movimenti pittorici, intellettuali, determinando la nascita di nuove correnti artistiche. Dall'incontro tra i due, quando Sturla aveva studio a Milano, nasce una profonda stima e ammirazione. Anche oggi, a distanza di mezzo secolo, pur abitando in regioni diverse, il percorso intellettuale e la fecondità della ricerca li accomuna e li rende unici nella particolarità del contemporaneo. Sono recenti i riconoscimenti del Corriere della Sera che pubblica sulla copertina dell'inserto “la Lettura”, una loro opera consacrandoli, con biografie accurate, come tra le personalità artistiche e di cultura più rilevanti del secondo dopo guerra.

Questo incontro espositivo ad Albissola diventa ora un nuovo momento di relazione e unione.

La mostra ad Albissola, non è casuale, i due artisti frequentano la cittadina che come una sirena, richiama numerosi protagonisti della pittura in quanto patria della ceramica e dell’arte.

L'atteggiamento di Dangelo e Sturla rispetto al momento storico vissuto con la pandemia corrisponde esattamente ai loro caratteri e al loro stile pittorico:

Sturla, sensibile all'elemento natura in tutta la sua organicità, teorizza e raffigura su carte realizzate durante il lockdown la natura maligna, l'elemento cattivo che ci attanaglia immerso in una natura popolata da segni allusivi.

Dangelo compie atto di surrealismo assoluto e resta fermo sulle sue espressioni simboliche e segniche fedeli alle citazioni epiche del surrealismo in attesa dell'epilogo pandemico.                             

                                                                                     Paola Grappiolo



Luiso
Sturla nasce a Chiavari nel 1930 ed è uno degli ultimi storici esponenti del naturalismo astratto ispirato dalle suggestioni del creato. Nel 1948 aderisce al MAC movimento d’arte concreta astratta pura, dove aderivano Munari, Dorfles, Monnet, Soldati e confluisce nel 1953 nel Gruppo del Golfo con Rodolfo Costa e Vittorio Ugolini affermando un legame con l’astrazione naturalistica.

Nel 1958 lavora ed espone in Spagna e a Firenze nella galleria Numero e nel 1960 a New York dove incontra De Kooning, Rotkho e altri, strateghi dell’arte informale statunitense. Questi incontri lo portano ad elaborare un informale unico nel suo genere: esistenzialista, riflessivo, dove pone l’accento espressivo sugli stimoli che provengono dall’ambiente.

Numerosi storici e critici d’arte hanno scritto e recensito la vicenda artistica e pittorica di Sturla sottolineando come, grazie alla sua sensibilità e abilità tecnica riesca a ottenere quei frammenti di emozioni riconducibili alle evocazioni liriche e naturali della nostra memoria. Stesure di luce e colore uniformi o a macchie talvolta materiche, frammentate da interventi ritmati con segni evocativi, naturali, luminosi o cupi, allusivi e in tono, con l’umore, la stagione, il luogo e l’esperienza dell’artista.


Sergio Dangelo
è nato a Milano nel 1932 e può essere a ragion veduta considerato uno dei maggiori protagonisti dell’arte italiana contemporanea.

I suoi viaggi in Europa sin da giovanissimo lo portano sino a Zandvliet dove fa atto di “surrealismo assoluto” ispirato dalla lettura europea e da Andrè Breton, Théodore Koening e altri, intrattiene relazioni culturali e pittoriche con i movimenti del dopoguerra.

Partecipa nel 1950 all’avventura del terzo convoglio surrealista e nel 1951 partecipa attivamente alla costituzione del movimento nucleare affermando la necessità di rompere con gli stilismi. Il traino ispiratore è quella energia atomica, conosciuta con le esplosioni di Hiroshima e Nakaski, ma espressione anche del cambiamento, del trionfo della scienza come fonte di energia alternativa, disgregante, da cui poteva originare il segno nella sua forza e movimento. Espone cosi i suoi primi quadri nucleari presso la Galleria San Fedele di Milano insieme ad Enrico Baj cofondatore del movimento.

Da allora ha al suo attivo un numero sempre crescente di mostre personali e collettive, in gallerie d’avanguardia e Musei. Ha partecipato a sei Biennali di Venezia (nel 1966 con sala personale), a una Quadriennale di Roma, e cinque Triennali di Milano, a quattro edizioni della Biennale di San Paolo e tre edizioni alla Biennale di Parigi

Nel 1954 Jorn, Baj, Dangelo e Tullio di Albissola organizzarono presso la Fornace Mazzotti “gli incontri internazionali della ceramica” ripetuti nell’1989 ed organizzati, nella loro seconda edizione, da Dangelo, Milena Milani e Giuseppe Mazzotti.,

Nel 1991 con Carla Bordoni, Paola Grappiolo e Daniela Di Marco fonda il Centro espositivo Bludiprussia ad Albissola Marina.

Nel 1993 da vita al gruppo Nuovo Proun con sedi a Milano e Ginevra.

Numerosissime le sue collaborazioni con riviste. Le sue opere sono presenti in 43 musei nel mondo.

Pittore, scrittore, realizza ceramiche a gran fuoco, oggetti Hand- made, litografie, acque forti, illustrazioni per libri, dipinti su lamiere e collage

La sua pittura è trasversale alla poesia dove citazioni rapide costituiscono l’insieme dell’opera in coerenza al pensiero surrealista della casualità e della libertà del gesto.

 


 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


LEGGI L'ESTRATTO:

https://www.amazon.it/LASTRONAVE-DEGLI-RENATA-RUSCA-ZARGAR-ebook/dp/B08D6QNLCX

Commenti

Post popolari in questo blog

TALEBANI BRAVE PERSONE di Renata Rusca Zargar

CERCASI ASSOCIAZIONI O ENTI PER ORGANIZZARE IL CAPODANNO CINESE A GENOVA

PONTIFEX, DYLAN ON THE GREAT WALL di Acquaraggia