LA TRADIZIONE DELLA LAVORAZIONE DELLE ERBE PALUSTRI, Cervia, mostra fotografica, dal I al 31 luglio 2021

 


A MUSA, museo del sale di Cervia dal 1° al 31 luglio “L’antico futuro”


mostra fotografica sull’arte dell’intreccio delle erbe palustri di Villanova di Bagnacavallo

giovedì 1° luglio ore 21.00 inaugurazione





Dal 1° luglio in mostra a MUSA, Museo del Sale di Cervia, la tradizione della lavorazione delle erbe palustri, che tanta parte ha avuto nella vita dei salinari. Uno storico e forte legame unisce infatti Cervia e Villanova di Bagnacavallo, dalla quale provenivano le stuoie di tifa utilizzate per ricoprire i mucchi del sale e per costruire le capanne stagionali in cui i salinari ricoveravano gli attrezzi e si fermavano a riposare.


Un rapporto che resta ancora oggi ben saldo: all’interno del Museo del Sale è in esposizione proprio la riproduzione di una capanna realizzata con stuoie, e il tetto del capanno alla salina Camillone è stato realizzato da maestranze villanovesi, secondo l'antica tecnica di costruzione con la canna palustre, di cui è possibile ammirare vari impieghi presso l’Etnoparco “Villanova delle Capanne”, sezione espositiva all'aperto dell'Ecomuseo delle Erbe Palustri di Villanova, nel quale sono state ricostruite le principali tipologie di costruzioni rurali in canna palustre tipiche del ravennate.


Giovedì 1° luglio alle ore 21.00, alla presenza dell’assessore alla Cultura del Comune di Cervia Cesare Zavatta e dei rappresentanti dell'associazione culturale Civiltà delle Erbe Palustri, si terrà l’inaugurazione della mostra fotografica “L'antico futuro” che resterà al MUSA, fino alla fine del mese.

L'esposizione presenta immagini dell'Ecomuseo di Villanova e di artigiani intenti nell’antica arte dell’intreccio, che per secoli ha caratterizzato il piccolo paese della Bassa Romagna, con una produzione di manufatti unica e originale fatta di trame, intrecci, torsioni e filature.


Ad approfondire il tema nei martedì di luglio (6,13,20 e 27) l’iniziativa: MUSA incontra l’Ecomuseo delle Erbe Palustri di Villanova di BagnacavalloDurante le serate i visitatori potranno assistere dal vivo ad una dimostrazione di intreccio e conoscere i racconti di chi detiene ancora inalterato un bagaglio di sapienza nelle mani, che spazia da manufatti arcaici, come la sporta del pesce, a produzioni alla moda come borse e cappelli.

A completare l’esperienza la mostra-laboratorio “Giocare con niente” che offrirà un'attività ludico-didattica per i più piccoli, presentando una selezione di giochi di una volta realizzati con materiali naturali e di recupero.


 
 

Commenti

Post popolari in questo blog

TALEBANI BRAVE PERSONE di Renata Rusca Zargar

CERCASI ASSOCIAZIONI O ENTI PER ORGANIZZARE IL CAPODANNO CINESE A GENOVA

PONTIFEX, DYLAN ON THE GREAT WALL di Acquaraggia