MARIA ALTOMARE SARDELLA recensisce Un buco nero nel cuore di Renata Rusca Zargar

 MARIA ALTOMARE SARDELLA 

recensisce UN BUCO NERO NEL CUORE di

RENATA RUSCA ZARGAR


Un gruppo di adolescenti dei nostri giorni in una città conosciuta, nel panorama nazionale, per la propria vivacità: Varese. Eppure, nemmeno qui mancano sacche di povertà economica e culturale che creano emarginazione, solitudine e dramma. I ragazzi si conoscono tutti perché frequentano la stessa scuola o perché vivono nello stesso quartiere. In comune hanno l’ansia e la paura di vivere, che a volte, si trasformano in disordine, in scelte sbagliate, in pregiudizio e in aggressività verso chi è diverso. Lentamente, man mano che gli intrecci della storia si dipanano, emerge una tesi: gli adulti hanno delle responsabilità che vanno ben oltre il procurare ai figli cibo e vestiario; i giovani hanno bisogno di essere guidati, in quanto non sono ancora consapevoli di cosa è bene e cosa è male. Fra loro c’è chi ha il dono della saggezza e, per questo, sa tenersi lontano dalle cattive compagnie, come la protagonista, Rossana, ma c’è chi, come Baasima, non riesce a resistere alle false lusinghe e finisce stritolato dalla cattiveria degli altri, ma anche dalla propria superficialità. Fra i ragazzi c’è anche Luigi, colpevole, agli occhi di alcuni suoi coetanei balordi, di volere danzare, attività ritenuta indegna per un vero uomo. Miguel, l’altro protagonista, sarà fra i suoi aggressori. L’amore per Rossana gli impedirà di macchiarsi di un orrendo delitto? E Rossana, che nel cuore ha il buco nero di essere stata abbandonata alla nascita, saprà perdonare Miguel, che, nascondendo a propria volta un segreto che lo tormenta, glielo ha taciuto? “Un buco nero nel cuore” è una lettura che fa luce su quelle vite giovanili che, purtroppo, non sono fortunate. È una lettura avvincente e snella, adatta agli adolescenti, ma che può essere illuminante anche per molti adulti.

                                     Maria Altomare Sardella

Commenti

Post popolari in questo blog

CERCASI ASSOCIAZIONI O ENTI PER ORGANIZZARE IL CAPODANNO CINESE A GENOVA

UN FUTURO SINDACO CHE SEMBRA UN COMUNE MORTALE, PROPRIO COME NOI

TALEBANI BRAVE PERSONE di Renata Rusca Zargar