WEMOVE EUROPE

 


Quasi 100 persone nude, segnate da abusi, lasciate alla frontiera tra Grecia e Turchia, usate come pedine di una scacchiera.[1]

Famiglie innocenti lasciate al gelo nei boschi alla frontiera tra Polonia e Bielorussia, rinchiuse con filo spinato come scudi umani.[2]

Queste sono solo due delle tante scene strazianti che hanno coinvolto esseri umani in condizioni terribili. Persone comuni colpevoli di voler restare vive e cercare di proteggere le loro famiglie.  Non possiamo permetterci di restare a guardare.

Eppure, è esattamente ciò che stanno facendo i leader europei, sostenendo delle politiche brutali che trattano senza dignità le persone in fuga, come se fossero pedine di una scacchiera.[3] Esseri umani utilizzati come scudi nelle controversie tra politici.[4]

Per fortuna, nel 2022 abbiamo dimostrato che, intervenendo tutti uniti, possiamo cambiare questa ondata di crudeltà. Ad aprile, i membri di WeMove Europe hanno costretto il direttore di Frontex, Fabrice Leggeri, a dimettersi, per non aver saputo proteggere le persone in fuga.[5] E poco dopo lo scoppio della guerra in Ucraina, i leader europei hanno invocato una legge speciale per proteggere le persone in fuga: è stata una decisione per cui ci siamo battuti.[6] Subito dopo, questa comunità ha raccolto i fondi necessari per fornire supporto psicologico alle persone in fuga dalla guerra.

Ma ricorda: nessuno di questi risultati è stato ottenuto dall’oggi al domani. 

Il 2023 deve essere l’anno in cui raddoppiamo il nostro sostegno alle persone in fuga. 


Nel 2023 potremmo raggiungere questi obiettivi:

  • Azioni legali: continuare (e magari vincere) le nostre azioni legali, sostenute dal potere delle persone, contro il governo greco per il modo vergognoso in cui ha trattato le persone in fuga.
  • Fondo umanitario: istituire un fondo che possiamo usare per le organizzazioni sul campo in casi di emergenze, aiutando in modo mirato ed efficace. Lo abbiamo fatto con l’assistenza psicologica quest’anno, ed è importante continuare a farlo.
  • Imprevisti: non sappiamo cosa ci riserverà il prossimo anno, ma dovremo intervenire rapidamente ed esercitare pressioni sulla Commissioni europea o sulle agenzie europee corrotte, nei tempi giusti e nelle occasioni che si presenteranno.

Riferimenti
[1] [3] The Guardian: Scambio di accuse tra Grecia e Turchia, dopo il soccorso di 92 migranti trovati nudi alla frontiera (inglese)
https://www.theguardian.com/world/2022/oct/17/greece-and-turkey-trade-blame-after-92-naked-migrants-rescued-at-border
[2] [4] The Guardian: La frontiera europea dove i rifugiati vengono trattati come scudi umani (inglese)
https://www.theguardian.com/news/audio/2021/nov/18/the-eu-border-where-refugees-are-treated-as-human-weapons-podcast
[5] The Guardian: Il direttore dell’agenzia per le frontiere Frontex si dimette fra le critiche (inglese)
https://www.theguardian.com/world/2022/apr/29/head-of-eu-border-agency-frontex-resigns-amid-criticisms-fabrice-leggeri
[6] Politico: L’UE approva un accordo “storico” per proteggere i rifugiati ucraini
https://www.politico.eu/article/eu-ministers-historical-deal-protect-ukraine-refugees

WeMove Europe è una comunità di persone di ogni estrazione sociale, che lotta per un'Europa con al centro le persone e il pianeta.
Ci riuniamo per firmare petizioni, inviare email e protestare per le strade per far sentire la nostra voce.

Homepage (wemove.eu)



---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


IN EVIDENZA (pubblicità)



---------------------------------------------------------------------------------------------



MI CHIAMO ALICE

monologo di ANNA STERI 

interpretato da SAMINA ZARGAR


ISCRIVITI AL CANALE UP AND DOWN BY SAMINA


CHI E' SAMINA?


UP AND DOWN dal sito caARTEiv (senzafine.info) 


----------------------------------------------------------------------------

 


 BISOGNA LOTTARE PER LE DONNE E PER TUTTE LE IDENTITA' SESSUALI.

Tutti i libri di Renata sono disponibili sulla piattaforma Amazon

 (RENATA RUSCA ZARGAR su Amazon.it: libri ed eBook Kindle di RENATA RUSCA ZARGAR )



Commenti

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

UN ABITARE COLLABORATIVO

DANTE