ARABIA SAUDITA

 

Arabia Saudita condanna a morte altri sei dissidenti politici






Arabia Saudita – L’organizzazione per i diritti umani Sanad afferma che la magistratura saudita ha condannato a morte altri sei prigionieri di coscienza. Il regno svolge processi segreti e sentenze controverse come strumento per reprimere ulteriormente i prigionieri politici e possibilmente eliminarli.

L’organizzazione per i diritti umani, che difende i diritti politici e civili in Arabia Saudita, ha affermato che i verdetti sono stati emessi indipendentemente dalle proteste e dalle critiche internazionali per le esecuzioni arbitrarie di cittadini sauditi per mano del governo.

Sanad ha riferito che le condanne a morte sono state emesse contro Mohammed Al Tahnoon, Mustafa Abu Shaheen, Abdullah Ghazwi, Zuhair Al Samkhan, Mohammed Al Masbah e Razi al-Shayib. Secondo il gruppo per i diritti umani, le nuove condanne a morte portano a oltre 60 il numero dei dissidenti incarcerati che rischiano l’imminente esecuzione.

Sanad ha anche sottolineato che il regime dell’Arabia Saudita ignora gli avvertimenti internazionali al riguardo e continua a emettere arbitrariamente condanne a morte contro i suoi oppositori politici.

Alla fine di ottobre, l’Organizzazione saudita europea per i diritti umani ha dichiarato in un rapporto che i tribunali dell’Arabia Saudita avevano condannato a morte più di una dozzina di attivisti anti-regime a seguito di processi iniqui e sulla base di confessioni estorte con torture e maltrattamenti. L’organizzazione internazionale per i diritti umani ha affermato che le autorità saudite hanno emesso la pena capitale contro altri 15 prigionieri di coscienza.

Arabia Saudita disprezza il diritto internazionale

Le organizzazioni per i diritti umani sostengono che le dure condanne arbitrarie inflitte dalla magistratura saudita ai dissidenti imprigionati manifestano la portata del disprezzo del regno per il diritto internazionale, l’ingiustizia dilagante e le violazioni dei diritti umani e delle libertà civili.

Da quando il principe ereditario Mohammed bin Salman è diventato il leader de facto dell’Arabia Saudita nel 2017, il regno ha arrestato migliaia di attivisti, blogger, intellettuali per il loro attivismo politico, mostrando una tolleranza zero anche di fronte alla condanna internazionale.

Studiosi musulmani sono stati giustiziati e attivisti per i diritti delle donne sono stati messi dietro le sbarre e torturati mentre la libertà di espressione, associazione e credo continuano a essere negate dalle autorità del regno. Negli ultimi anni, Riyadh ha anche ridefinito le sue leggi antiterrorismo per prendere di mira la minoranza sciita.

di Redazione




----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


IN EVIDENZA 



---------------------------------------------------------------------------------------------



MI CHIAMO ALICE

monologo di ANNA STERI 

interpretato da SAMINA ZARGAR


ISCRIVITI AL CANALE UP AND DOWN BY SAMINA


CHI E' SAMINA?


UP AND DOWN dal sito caARTEiv (senzafine.info) 


----------------------------------------------------------------------------

 


 BISOGNA LOTTARE PER LE DONNE E PER TUTTE LE IDENTITA' SESSUALI.

Tutti i libri di Renata sono disponibili sulla piattaforma Amazon

 (RENATA RUSCA ZARGAR su Amazon.it: libri ed eBook Kindle di RENATA RUSCA ZARGAR )

Commenti

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

UN ABITARE COLLABORATIVO

DANTE