INQUINAMENTO

 

Inquinamento atmosferico uccide più dell’Aids e della malaria




Il numero di persone che muoiono ogni anno a causa dell’inquinamento atmosferico nel mondo è sei volte il numero di persone che muoiono di malaria e quattro volte quelle uccise dall’Aids.

L’inquinamento atmosferico è uno degli importanti fattori di rischio ambientale, ha affermato Abbas Shahsavani, funzionario del ministero della Salute iraniano.

Riducendo gli inquinanti, è possibile ridurre il peso delle malattie correlate tra cui ictus, malattie cardiache, cancro ai polmoni e malattie respiratorie acute e croniche. L’espansione dell’urbanizzazione, la crescita della popolazione, lo sviluppo industriale, i trasporti e modelli di consumo inappropriati hanno aumentato le preoccupazioni per l’intensificazione dell’inquinamento atmosferico che provoca effetti negativi sulla salute, il benessere e la produttività della società.

Le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità del 2005 mostrano che ridurre la concentrazione di particelle PM10 da 70 microgrammi per metro cubo a 20 microgrammi per metro cubo ridurrà il tasso di mortalità del 15%.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha stimato nel 2019 che l’inquinamento dell’aria esterna e interna nelle aree urbane e rurali causa oltre sette milioni di morti premature all’anno. Inoltre, sulla base di un rapporto del 2019, è emerso che nel mondo, in media, circa il 54% delle morti premature legate all’inquinamento dell’aria esterna sono dovute a cardiopatia ischemica e ictus. Inoltre, il 7% dei decessi prematuri per cancro ai polmoni e il 19% dei decessi prematuri per malattia polmonare ostruttiva cronica sono correlati all’inquinamento dell’aria esterna.

Sottolineando che l’inquinamento atmosferico è la quarta causa di morte nel mondo secondo l’ultimo rapporto, ha affermato che l’esposizione all’inquinamento atmosferico nei Paesi sviluppati è la quarta causa di morte nel mondo dopo i rischi metabolici, la dieta e il fumo di sigaretta. Nei Paesi in via di sviluppo, l’inquinamento atmosferico è il terzo fattore di rischio di morte.

Cifre allarmanti e inquinamento atmosferico

Attualmente, il 99 per cento della popolazione mondiale vive in aree inquinate (la concentrazione annua di particelle sospese PM2,5 è superiore alle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, cioè più di 5 microgrammi per metro cubo), e il rischio è ancora più elevato nella fascia media e Paesi a basso reddito. La probabilità di morte nei bambini sotto i cinque anni nei Paesi a basso reddito a causa dell’esposizione all’inquinamento atmosferico è oltre 60 volte superiore rispetto ai Paesi ad alto reddito. 

Nel 2013, circa il cinque per cento dei decessi di bambini sotto i cinque anni e il 10 per cento dei decessi di adulti di età superiore ai 50 anni sono stati attribuiti all’inquinamento atmosferico. D’altra parte, tra tutte le età e in tutti i periodi di tempo, la quota di uomini nella morte prematura a causa dell’inquinamento atmosferico risulta essere superiore a quella delle donne.

Dal 1990 al 2013, la morte prematura attribuita alle particelle PM2,5 è aumentata del 30%, passando da 2,2 milioni a 2,9 milioni di morti all’anno nel mondo.

La perdita di comfort dovuta all’esposizione alle particelle PM2,5 all’aperto è aumentata del 63% e questi costi hanno raggiunto i 3,55 trilioni di dollari. Inoltre, il costo della perdita di reddito dal lavoro a causa dell’inquinamento atmosferico da PM2,5 è aumentato da 103 miliardi a 144 miliardi di dollari all’anno.

Sottolineando che l’aria è uno dei bisogni fisiologici più basilari degli esseri umani, ha affermato che è impossibile immaginare la vita senza aria anche per pochi minuti.

di Redazione



-------------------------------------------------------------


IN EVIDENZA (pubblicità)



MI CHIAMO ALICE

monologo di ANNA STERI 

interpretato da SAMINA ZARGAR


ISCRIVITI AL CANALE UP AND DOWN BY SAMINA


CHI E' SAMINA?


UP AND DOWN dal sito caARTEiv (senzafine.info) 


----------------------------------------------------------------------------

 


 BISOGNA LOTTARE PER LE DONNE E PER TUTTE LE IDENTITA' SESSUALI.

Tutti i libri di Renata sono disponibili sulla piattaforma Amazon

 (RENATA RUSCA ZARGAR su Amazon.it: libri ed eBook Kindle di RENATA RUSCA ZARGAR )

Commenti

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

UN ABITARE COLLABORATIVO

DANTE