PIANTA UN ALBERO

 




Il futuro lo scegliamo ogni giorno. Anche con i regali che facciamo. Questo Natale regala un albero alle persone che ami.

Custard Apple, Cacao, Caffè, Palissandro, Mango, Acacia Mangium, Cocco: le nostre Limited Edition per il Natale sono già disponibili! Sceglile in base al loro significato, al luogo in cui cresceranno, ai benefici che porteranno. E ricorda! Pianti ora, ma regali quando vuoi.

Questo Natale, trasforma l'amore per i tuoi cari in un regalo che rende il pianeta più verde e più giusto.


Pianta un Albero con un click su Treedom



A ME E' STATO REGALATO UN ALBERO DI CACAO IN TANZANIA

è un po' come se mi avessero regalato l'assicurazione per il futuro del Pianeta 😀



Pianta un Albero con un click su Treedom


PIANTARE UN ALBERO PER SENTIRSI

 ANCORA UMANI


Per la festa della mamma, le mie figlie mi hanno regalato un albero di cacao nel Camerun, attraverso Treedom: Pianta o Regala un Albero e segui la Storia Online, un sito che permette di piantare alberi a distanza e seguire online la storia del progetto che contribuiranno a realizzare.

Il seme dell’albero dal vivaio passerà alla terra e sarà quindi cresciuto da un contadino. Nel tempo, garantirà sostegno a una famiglia africana e aiuterà a migliorare l’aria del Pianeta per tutti noi.

Ecco, questo è un vero gesto di pace, al di là degli stereotipi e delle parole che, infine, si dimostrano sempre vuote.

Un gesto di pace contro il razzismo imperante, contro il nazionalismo assurdo dei nostri tempi che tanto mi ricorda quello delle guerre mondiali, contro l’egoismo occidentale che ha asservito gli altri paesi, proprio esercitando la superiorità militare, impedendo loro di crescere e svilupparsi.

È difficile capire quanto mi sia sentita felice di quel dono e molto privilegiata, soprattutto perché il mondo, in generale, non sta andando in questo senso.

Gli Stati producono e vendono armi fingendo di non sapere che le armi saranno usate per le guerre, cioè per uccidere e distruggere l’umanità. Negli Stati Uniti, addirittura, tutti possono possedere armi e sono previsti persino dei corsi per insegnare ai bambini dai 3 ai 5 anni il corretto utilizzo di un’arma divertendosi al poligono di tiro! La lobby delle armi fattura negli USA più di trenta miliardi di dollari l’anno e, in caso di guerre, ovviamente, molto di più!

Infine, le guerre sono necessarie per “consumare” le armi ormai obsolete e acquisirne di più avanzate.

Negli ultimi anni, in Europa, è ritornata in auge la corsa agli armamenti e le parole “disarmo” e “demilitarizzazione” ci sembrano ormai preistoriche.

Nel ventunesimo secolo, nonostante l’evoluzione, noi non siamo diversi dagli antichi, anzi, siamo ancora più crudeli, visto il progresso tecnologico che può devastare molto più ferocemente di un tempo.

È del tutto inutile, dunque, citare guerre specifiche: ce ne sono tante nel mondo, alcune pubblicizzate insistentemente dai media e altre completamente dimenticate (non certo dai nostri fabbricanti di armi, però!).

Oggi sui Governi dominano in modo privilegiato i commercianti di armi: questa che sembra un’asserzione surreale, invece è pura realtà.

La soluzione dei conflitti attraverso una Diplomazia capace e attiva non viene attivata proprio perché impedirebbe lucrosi affari.

Anche i media sono coinvolti nella propaganda militare.

Johan Galtung1 aveva già osservato, fin dagli anni ‘70, la tendenza dei giornalisti a confondere conflitto e violenza, raccontando il conflitto unicamente attraverso gli atti violenti da esso provocati. I giornalisti, infatti, consentono la parola più facilmente alle élite che non alle persone più vulnerabili e focalizzano l’attenzione unicamente su chi vincerà. Raramente sono evocate le cause distinte tanto geograficamente quanto temporalmente, assai di rado sono menzionate le possibili soluzioni non violente… È come se un inviato dovesse parlare di una malattia senza alludere anche ad altri mezzi di guarigione, a parte quelli più nocivi, ancor prima di far luce sulla natura della malattia. Le soluzioni ‘dure’ sono sovrastimate, in modo che quelle ‘dolci’ rimangano sconosciute e le responsabilità unidirezionali.

Il ‘giornalismo di pace’, invece, propone di riconsiderare i rapporti tra i giornalisti e le fonti d’informazione, i conflitti che riporta e le conseguenze delle informazioni che fornisce. Mette a disposizione dei reporter una serie di fonti di approfondimento sulla pace e i conflitti, per consentire uno spazio maggiore a soluzioni non violente e alla creatività. Galtung aveva definito la pace come assenza di violenza “strutturale”. Poiché la violenza strutturale si verifica quando le effettive realizzazioni umane restano al di sotto delle realizzazioni potenziali, la pace è la realizzazione, da parte dell'uomo, di tutte le sue potenzialità economiche, sociali e ambientali. In questa definizione rientrano anche i casi in cui non esiste un soggetto promotore della violenza diretta, ad esempio, in molti Stati africani le aspettative di vita sono basse senza che nessun agente utilizzi intenzionalmente la forza. Dunque, in questo scenario tanto ostile alla pace, noi cosa possiamo fare? Molto poco, naturalmente. I governanti, ovunque, seguono i loro interessi e non ascoltano l’opinione della gente. La Democrazia, spesso, non è differente dai governi autoritari, specialmente in questo periodo. I bisogni delle persone, il lavoro, la salute, il benessere sociale, sono sacrificati alle lobby e a consunti ideali di imperialismo, governo del mondo, neocolonialismo, suprematismo bianco, impoverimento degli altri popoli a nostro vantaggio. Allora, come insegna un’organizzazione per la Pace coreana (HWPL)2, dobbiamo diventare tutti, nel nostro piccolo, “messaggeri di pace”. Fuori dai templi buddisti tibetani bandierine colorate appese all’aria diffondono sulla Terra i loro pensieri non violenti e così dobbiamo essere anche noi: bandierine al vento.

                                                                   Renata Rusca Zargar

2About | HWPL _en - HWPL; | DPCW 국제법 | HWPL _en - HWPL



---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


IN EVIDENZA (pubblicità)



---------------------------------------------------------------------------------------------



MI CHIAMO ALICE

monologo di ANNA STERI 

interpretato da SAMINA ZARGAR


ISCRIVITI AL CANALE UP AND DOWN BY SAMINA


CHI E' SAMINA?


UP AND DOWN dal sito caARTEiv (senzafine.info) 


----------------------------------------------------------------------------

 


 BISOGNA LOTTARE PER LE DONNE E PER TUTTE LE IDENTITA' SESSUALI.

Tutti i libri di Renata sono disponibili sulla piattaforma Amazon

 (RENATA RUSCA ZARGAR su Amazon.it: libri ed eBook Kindle di RENATA RUSCA ZARGAR )


Commenti

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

UN ABITARE COLLABORATIVO

DANTE