OSSESSIONE di Irma Cabano

 


Mi sento una sopravvissuta in equilibrio 

tra il baratro e il cielo

Ho sempre voluto mettermi al servizio di altre donne che, come me, avessero subito violenza.
Non potevo immaginare che dopo tanti tentativi andati a vuoto l'occasione arrivasse da un evento catastrofico  per la maggior parte delle persone al mondo: il Covid e le misure restrittive  adottate per combatterlo quali il lockdown.
Da tempo mi ero trasferita a Varese, dopo una vita al limite, ospitata dal mio compagno in una grande casa con giardino confinante con il bosco. Un lockdown "dorato" lontana da tutto e da tutti ma in contatto strettissimo con me stessa e con la mia anima. Ho iniziato a dipingere spinta da una fame irrefrenabile, un desiderio di uscire da me stessa e raccontarmi. Avevo a disposizione  pennarelli e acrilici e carta, nessuna esperienza né studi. Ero io e un mondo inesplorato nel quale mi sono inoltrata alla ricerca di me per creare un ponte col mondo là fuori e arrivare a chiunque provasse emozioni guardando la mia arte.
I miei quadri nascono da stati d'animo. Spesso da pochi tratti che si sviluppano secondo velature o stratificazioni e da riminiscemze ed elaborazione delle mie esperienze di vita e conoscenze che però non sono solo mie ma riguardano molti e soprattutto il mondo femminile. 
Il miracolo è avvenuto quando, su Facebook, ebbi il coraggio di esporre Ossessione. Era il quadro numero 4. La direttrice della Biennale Internazionale di arte dei Castelli romani a Nemi lo notò e mi incoraggiò a partecipare alla selezione per Biarten definendo la mia arte "concettuale". 
 "Ossessione" e "Bambola", ottennero   una menzione speciale, proprio per il tema trattato ben rappresentato dall'arte.  
 Importanza fondamentale do ai colori ai quali spesso mi affido e che mi parlano, spesso accesi e vibranti che rendendono meno pesanti i messaggi racchiusi nelle mie opere, colori che rappresentano ed esprimono spesso una via d'uscita, una speranza, la positività, l'afflato vitale. 
Da allora i miei quadri sono stati selezionati ed esposti nella via degli artisti di Roma via Margutta nella galleria  Arte Contesa,  a Venezia nella galleria 1758 Venice art studio diretta da Enea CHERSICOLA che definisce la mia arte gestuale. Alla Fiera International e #art3f a Ginevra. Luxembourg art prize,  a Padova nella queen art studio e invitati a partecipare anche a mostre internazionali. Premiati al teatro Manzoni di Milano e ora sono stati  selezionati per la prima edizione del Premio Modigliani indetto dall'omonima fondazione.
 Tutto Inaspettato per me  che ho iniziato a dipingere solo circa due  anni fa!
Credo profondamente nel valore terapeutico dell'arte. Per me persona alla deriva, lo è stato. Presto la mia prima personale e chissà... 


Irma Martina Cabano in arte Irma

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


IN EVIDENZA:

LA PSICOTERAPIA FUNZIONA (senzafine.info)

PERCHÉ SI FA LA GUERRA NEL 2022? di Zarina Zargar (senzafine.info)

IN TE PREVALE LA MENTE O IL CORPO? (senzafine.info)

NON VERGOGNARTI! NON SEI UN DISASTRO DA NASCONDERE (senzafine.info)

PERCHÈ ALLE ZEBRE NON VIENE L'ULCERA? (senzafine.info)

PICCOLI ESERCIZI DI CONSAPEVOLEZZA di Zarina Zargar e Chiara Massobrio (senzafine.info)

PER OGNI FINE C'È UN NUOVO INIZIO della dott.ssa Zarina Zargar (senzafine.info)

PERCHÉ SERVE ANDARE DALLO PSICOLOGO? della dott.ssa Zarina Zargar (senzafine.info)




Commenti

  1. Ottima testimonianza, cara Irma. L'aver profittato di quel periodo tremendo (lockdown) dipingendo in maniera creativa, è stata un'ottima cura per non cadere in depressione. E ha dato ottimi risultati. Complimenti vivissimi!
    Danila

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

MORIRE PER LA NATO PUBBLICATO IN SPAGNA

NOI CAVIE DELLE NUCLEARI "TATTICHE" DI PUTIN di Renata Rusca Zargar