CERVIA RITROVATA


La Cervia Ritrovata a MUSA museo del sale di Cervia


visite guidate alla mostra fotografica con gli archeologi che

 hanno partecipato agli scavi del 2021


Sabato  26 marzo ore 15.00 e ore 17.00


Continuano a MUSA museo del sale di Cervia le iniziative dedicate all’archeologia.


Dopo il successo delle precedenti visite, che hanno visto una forte affluenza di pubblico, sabato 26 marzo si terrà la settima delle visite guidate alla mostra Cervia Ritrovata: La scoperta della città antica e del suo territorio”.

Si tratta della mostra fotografica dedicata alle indagini archeologiche sul territorio del comune di Cervia che nel 2021 hanno visto gli scavi nell’area di Cervia Vecchia, in particolare nell’area della antica Rocca fatta costruire da Federico Barbarossa a difesa della città. Il percorso espositivo all’interno del museo illustra, fra immagini e racconto, l’indagine archeologica avvenuta nei mesi di agosto, settembre e ottobre 2021. La serie di pannelli narra le attività di scavo realizzate nell’area delle saline che ospitò, fino al 1697, l’antica città del sale, prima del suo trasferimento verso il mare. Le immagini, scatti del Gruppo Fotografico MUSA ( gruppo di fotografi nato all’interno del museo), guidano l’occhio del visitatore alla scoperta dell’attento lavoro di scavi e pulitura dell’area dove sorgeva l’antica città, mentre il racconto degli archeologi offre una panoramica sulle attività svolte, portandole a conoscenza del pubblico.

Il progetto di indagine archeologica, iniziato nel 2019, vede la collaborazione dell’Università di Bologna-Dipartimento Storia, Culture e Civiltà, della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Ravenna, Forli-Cesena e Rimini; del Comune di Cervia-MUSA, del Gruppo Culturale Civiltà Salinara . (Concessione Prot. n. 0002604)

Anche la visita del 26 marzo sarà su due turni: uno alle 15.00 e uno alle 17.00. Ad illustrare il percorso gli archeologi che hanno lavorato sul campo. Gli esperti illustreranno ai visitatori l’affascinante percorso di indagine, indicando tecniche e metodologia impiegate in questo “viaggio alla scoperta dei resti dell’antica città”.

Per ragioni organizzative è necessaria la prenotazione ( whatsapp 3474661513 )

 Per la partecipazione sono necessari Super Green Pass e Mascherina FFP2

L’iniziativa è gratuita, compresa nel biglietto di ingresso al museo

Info: https://musa.comunecervia.it/it/


La mostra resterà aperta al pubblico fino al 27 marzo


In arrivo dall’Unione Europea 55.500 euro per i progetti cervesi dedicati ai giovani


Sono tre i progetti cervesi approvati dall’Unione Europea dedicati ai giovani e completamente finanziati da fondi europei fino ad un massimo di 18.500 euro per ogni proposta progettuale.

Il Comune di Cervia, invitato a partecipare al programma, ha presentato tre proposte progettuali ognuna delle quali prevede 8 eventi internazionali dedicati alle nuove generazioni dei quali i tre principali saranno organizzati a Cervia fra il 2022 e il 2023.

L’obiettivo generale del Programma CERV è proteggere e promuovere i diritti e i valori sanciti nei trattati, nella Carta e nelle convenzioni internazionali in materia di diritti umani, incoraggiare lo sviluppo di società aperte, basate sui diritti, democrazie eque e inclusive fondate sullo Stato di diritto.

In particolare intende sostenere le organizzazioni della società civile e altri portatori di interessi che operano a livello locale, regionale, nazionale e transnazionale, al fine di sostenere e incoraggiare la partecipazione civica e democratica. Le attività includeranno conferenze, workshop, discussioni aperte, dibattiti, ma anche alcune attività dinamiche per creare un ambiente stimolante: giochi di ruolo, laboratori creativi , cineforum aperti, geocaching e tour fotografici.


I progetti contribuiscono a concretizzare attività rivolte ai giovani a partire dal 2022, decretato Anno europeo della gioventù, finalizzato al ripristino di prospettive positive per i giovani europei che hanno subito conseguenze negative dall'impatto della pandemia di COVID-19.


Il primo progetto, GREENEU, prevede attività partecipative volte a focalizzare il ruolo dei giovani come cittadini della Unione Europea, e promuovere la partecipazione attiva dei giovani a livello locale

Il secondo progetto LocalEUCharter: EU Charter on Fundamental Rights closer to citizens coinvolgerà rappresentanti amministrativi e organizzazioni giovanili che esploreranno la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e la promuoveranno tra i cittadini, in particolare tra i giovani. L'obiettivo perseguito è quello di migliorare la governance locale dei comuni europei partecipanti e rafforzare il ruolo delle amministrazioni pubbliche locali nell'integrazione dell'Europa moderna e nel loro ruolo di vicinanza ai cittadini.

Il terzo progetto YOUNGDEAL: Youth responses to COVID19 by Green Deal, incoraggerà cooperazione e scambio di buone pratiche nel campo della partecipazione civica e giovanile, volontariato giovanile e transizione verde. Promuoverà lo scambio tra i giovani cittadini europei, ma anche attività intergenerazionali.


Saranno 8 i comuni coinvolti in ogni progetto, partner europei di diverse nazioni che includono: Spagna, Portogallo, Romania, Polonia, Cipro, Olanda, Bulgaria, Lituania, Croazia, Ungheria e Grecia.



----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Commenti

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

MORIRE PER LA NATO PUBBLICATO IN SPAGNA

NOI CAVIE DELLE NUCLEARI "TATTICHE" DI PUTIN di Renata Rusca Zargar