STORIA DELLA STREGA DI SAVONA E ALTRI RACCONTI DI VIOLENZA di Renata Rus...


Anche Savona, a suo tempo, ha avuto due streghe condannate dal Tribunale dell’Inquisizione.

Un soggetto che ho deciso di raccontare perché le “streghe” sono state donne come me che, nella maggior parte dei casi, cercavano solo di aiutare gli altri.

Donne di cui gli uomini avevano paura.

Infatti, l’uomo che ha paura delle donne pretende di sottometterle, in modi diversi a seconda dei tempi e dei luoghi, ma pur sempre a suo uso e consumo.

L’uomo non riesce ad accettare un ruolo paritario tra esseri umani.

In questa raccolta di racconti non ho trattato solo di streghe, perché il maschio è pure un infame che cerca il sesso con bambine schiave della povertà oppure stupra le ragazze e poi posta le scene intime sui social. Le cronache ne parlano spesso.

Perché, dunque, insistere su queste tematiche?

Io credo che sia doveroso, e spero di essere letta da quante più persone possibile.

Spero di essere letta soprattutto da quelli/e che non si rendono conto di quanto la donna rischi in tutte le relazioni, di famiglia e di lavoro, di quanto sia sempre in pericolo, molte volte fisico e spessissimo spirituale, nella sua dignità di essere umano.

Più o meno, viene uccisa una donna ogni tre giorni, però, tantissime sono picchiate, tormentate, insultate, violentate, denigrate.

Per cambiare, bisogna prima di tutto che gli uomini e le donne comuni come noi, e specialmente le mamme di bambini e bambine, prendano consapevolezza del problema.

Bisogna, insomma, che se ne parli, che si rifletta, per fuggire dalle situazioni a rischio, per acquisire sicurezza, per cambiare mentalità.

In occasione del 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, ho pubblicato già un’altra raccolta dal titolo illuminante: “Che te ne fai di un’altra femmina?”.

In occasione dell’8 marzo, Giornata internazionale dei diritti della donna, esce, infine, questo nuovo testo, ancora su questioni che riguardano le donne.

Sono convinta, infatti, che il dovere di una scrittrice sia soprattutto far ragionare le persone sulla parità, qualunque sia il genere.




LEGGI L'ESTRATTO:

STORIA DELLA STREGA DI SAVONA: e altri racconti di violenza (RACCONTI DI DONNE) eBook : RUSCA ZARGAR, RENATA: Amazon.it: Libri

Sinossi:

Anche a Savona è stata condannata, a suo tempo, qualche "strega". Nel primo racconto di questa raccolta viene narrata, infatti, la storia di due povere contadine di Bergeggi (paesino a pochi chilometri da Savona) obbligate a lasciare tutto e andarsene raminghe con l'accusa più tremenda: essere le mogli del diavolo (siamo nel 1572). Ma la guerra contro le donne non è mai finita. Anche oggi, l'uomo le usa, le stupra, le getta via, come oggetti nati solo ed esclusivamente per il suo divertimento. Qualche volta, si reca in paesi poveri stranieri per intrattenersi sessualmente e impunemente con piccole bambine (Il viaggio) o si approfitta, singolarmente o in gruppo, della credulità e dell'innocenza di un'adolescente per poi ridicolizzarla sui social (Scarpette rosse). Infine, dodici rintocchi scoccano per la condanna a morte di un'altra "strega" e, molto secoli dopo, per la violenza su una ragazza colpevole solo di amare il ballo.

In fondo, non è cambiato molto dal XVI secolo.

Commenti

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

MORIRE PER LA NATO PUBBLICATO IN SPAGNA

COSE DA DIRE A UNA FIGLIA CHE E' DIVENTATA GRANDE di Chiara Macina