LA PAURA

 "Il santo non accumula;   più dà agli altri e più profitto ne ricava;  la via del santo è operare ma non contendere"  (Lao Tze)


"Non coartare il cuore degli uomini, il cuore umano se lo si urta s'abbassa, se lo si esalta si innalza,  in alto o in basso che sia  è costretto ed offeso"  (Chuang Tze)


Galop, galop...  ve lo ricordate il galoppo svolazzante dei  cavalieri dell'apocalisse?

Guardate bene adesso,  là in alto,  c'è lui...  il IV cavaliere, quello della paura.

Ha  uno strano orrore soffuso  disegnato  in faccia,  è il terrore raggrinzito della perdita e la frenesia del mantenimento di quel che ha acquisito, eppure ride!

Il suo messaggio è la sua condanna.

Suda  freddo e trasmette freddo ma il volto è ridanciano, la cavalcatura  bardata d'oro e di gemme,  il titolo e lo stemma disegnati sullo scudo sono lucenti, la sua epidermide è tirata, l'occhio vitreo, il sorriso stampato.

Poverino! Non sa quando ma sa che  un giorno "oggi o fra cento anni" giungerà alla sua odiata destinazione, la resa dei conti, la perdita di ogni suo bene.

Quando giungerà quel giorno...  non la lunga lancia o la spada affilata,  non il nero destriero o l'armatura smagliante,  nemmeno uno spillo minuto potrà recare con sé...

La vera immagine di Dorian Grey già si riflette sul suo look, ora lucidato a festa!

Povero cavaliere, quanta paura... Quanta paura di perder tutto,  quel che ha guadagnato, rubato, espugnato,  occupato,
pensando che fosse diventato tutto suo...
 
Giacché il male di quel IV livello  è il sentirsi padroni di ciò che ci circonda, ci si identifica con il possesso:  "quel che è mio è mio e quel che è tuo è anche mio". Comunismo ad personam.

Con una boccuccia così fine, con un eloquio così educato come ha potuto  appropriarsi di così tanto? L'interezza di quel che gli è venuto a tiro?

"Offendere gli altri è possibile solo offendendo se stessi" purtroppo lui ricorda e conosce questa legge della natura, la quarta legge,  egli infatti la incarna, in negativo... È l'amore di sé che diventa legge, che si fa vincolo, nel porre gli altri in asservimento,  è l'adattamento degli altri alle proprie esigenze, la filosofia dell'utopia personale  istituzionalizzata, l'idealità illusoria del singolare che si traveste da sociale e pubblico,  l'arroganza del raggiungimento, la scalata  nel fittizio, l'accaparramento del futile, la rappresentazione di un potere furbo,  in cui c'è anche amore  ma è solo amore  per sé... un amore edonistico riflesso nello specchio dell'ego.

Povero cavaliere, già lo vedo caracollare, già il sorriso si fa ghigno.

"...Oggi o fra cento anni non sai quando verrà la confisca dei beni!"

Paolo D'Arpini



-----------------------------------------------------------------------------------


Pubblicità


Ho creato una COLLANA RACCONTI DI DONNE, cioè Racconti scritti da una donna (io) in cui le protagoniste sono Donne.

Il primo libro, uscito in concomitanza con il 25 novembre 2021, è:

CHE TE NE FAI DI UN'ALTRA FEMMINA? storie di donne del mondo orientale e occidentale con una puntata su un nuovo Pianeta (RACCONTI DI DONNE)

Per capire e sconfiggere la violenza sulle donne ma anche la quotidiana sopraffazione e gli stereotipi che tormentano le donne.

Leggi l'estratto:

EBOOK, euro 3,90
CARTACEO copertina rigida, euro 15,59
In vendita su AMAZON:

Il secondo libro, uscito in concomitanza con l'8 marzo 2022, è:

STORIA DELLA STREGA DI SAVONA e altri racconti di violenza

Il terzo libro è uscito per il 25 novembre 2022.

La GPA (gravidanza per altri) è una gravissima forma di violenza sulle donne povere trattate come animali da riproduzione.

Tale pubblicazione (ebook e cartacea) è disponibile sulla piattaforma Amazon ed è stata presentata a voce sul canale youtube della scrittrice (325) Renata Rusca Zargar - YouTube ).

LEGGI L'ESTRATTO:

VOGLIO IL TUO UTERO: Racconti : ZARGAR, RENATA RUSCA: Amazon.it: Libri


Tutti i libri di Renata Rusca Zargar sono disponibili sulla piattaforma Amazon (RENATA RUSCA ZARGAR su Amazon.it: libri ed eBook Kindle di RENATA RUSCA ZARGAR )

Commenti

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

UN ABITARE COLLABORATIVO

DANTE