SALVARE IL MONDO

 


...ho fatto un sogno. Ho visto che in un piccolo gruppo di amici ci eravamo riuniti per decidere come salvare il mondo. All’inizio eravamo quattro gatti come suol dirsi poi a mano a mano giungevano altre persone di tutte le razze: mediorientali, cinesi, neri, etc. Lo scopo non era tanto quello di trovare soluzioni per evitare ciò che appariva inevitabile bensì di riuscire a mantenere un’intelligenza, un seme, per la continuazione della specie umana.

Infine dovevamo tenerci pronti per resistere  ad una guerra e il consiglio dell’esperto era: “Per sopravvivere ad una guerra occorre non lasciarsi travolgere dalle emozioni cercando bensì di adempiere a quanto necessario senza preoccuparsi delle conseguenze”. Ero anch’io d’accordo… 

E non siamo forse oggi in procinto di una guerra globale per la sopravvivenza dell’Umanità? Beh, stamattina mi son chiesto, cosa possiamo fare? Cosa possiamo risolvere con le nostre chiacchiere e –in più- cosa potremo fare se siamo io mammeta e tu, i soliti quattro gatti, all’incontro  per salvare il mondo?

Certamente aveva ragione Tonino Bianconi quando anni fa ad ogni incontro in cui ci si trovava con i soliti “intimi” rammentava a noi tutti: “Quel che conta non è la quantità ma la qualità!”.

E così sia… sarà benvenuta la qualità, quando il  24 ed il 25 aprile 2023 a Treia ci incontreremo alla Festa dei Precursori (per la ricorrenza della nascita del Circolo Vegetariano avvenuta il 26 aprile del 1984 a Calcata). Anche perché non possiamo decidere alcunché ma solo mescolare le energie e le intelligenze. Un po' come si fa durante una meditazione collettiva, ci si siede assieme a si resta in assorbimento... la Coscienza provvede al resto. 

L’importante durante questo incontro delle Coscienze sarà quello di poter essere in grado di gestirsi nelle cose minute: cucinare, mantenere la pulizia, essere in grado di ordinarsi all’interno di un insieme, godere di momenti di gioia e di preoccupazione, stabilire i confini fra l’utile e l’inutile, decidere per noi stessi cosa fare di noi stessi, esprimere arte e poesia, immaginarci un futuro…!

Durante i giorni della Festa dei Precursori  canteremo  assieme inni di gioia, potremo riconoscere le erbe selvatiche primaverili, come estrema fonte di cibo e di medicina, osservare l’abbondanza offertaci della Natura sapendo che dobbiamo essere pronti alla frugalità, condividere esperimenti di sopravvivenza creativa, presentare testi  e consigli sull'alimentazione bioregionale e sulla vita nei boschi,  ecc. 

Paolo D'Arpini


Quest'anno, data la situazione in bilico che stiamo vivendo,  contiamo su una partecipazione più sentita  dei nostri amici vicini e lontani, per questo iniziamo ad allertarci, invitandovi all'incontro. Lo spazio c'è ed anche le buone intenzioni. Info: circolovegetariano@gmail.com - 0733-216293 



-----------------------------------------------------------------------------------


Pubblicità


Ho creato una COLLANA RACCONTI DI DONNE, cioè Racconti scritti da una donna (io) in cui le protagoniste sono Donne.

Il primo libro, uscito in concomitanza con il 25 novembre 2021, è:

CHE TE NE FAI DI UN'ALTRA FEMMINA? storie di donne del mondo orientale e occidentale con una puntata su un nuovo Pianeta (RACCONTI DI DONNE)


Commenti

Post popolari in questo blog

CONSIDERAZIONI SEMISERIE SULLA MIA DEMENZA SENILE di Renata Rusca Zargar

CASA GREEN

LA PIU' BRAVA DEL REAME: SAMINA ZARGAR