LIBERI DI PICCHIARE

 




Il commento della settimana

Alessandro Portelli

Ci sono due parole – «Liberi di lottare» – nello striscione che i picchiatori fascisti hanno esposto davanti al liceo Michelangiolo di Firenze, per rivendicare la loro aggressione agli studenti di quella scuola, che meritano un minimo di riflessione.

«Liberi». È inutile stargli a ricordare che durante il fascismo non c’era la libertà. Non c’era per tutti, ma per quelli come loro c’era, eccome. Durante il fascismo, gli squadristi erano assolutamente liberi di fare quello che volevano, imporre olio di ricino, torturare e perseguitare chi gli pareva.

Nella loro idea di società gerarchica e autoritaria, chi sta in cima è assolutamente libero (legibus solutus, dicevano gli antichi) di fare quello che vuole a chi sta sotto, e questi poveri ragazzi si sentono razza superiore e si credono di essere destinati, nella loro società ideale, a stare fra quelli che comandano. – o fra quelli che battono le mani a quelli che comandano.

D’altra parte vengono da almeno trent’anni di declinazione liberista dell’idea di libertà, intesa anche qui come esisto del dominio: una gara (con tanto di metafore agonistiche: concorrenza, competition) in cui è libero chi vince.

Perciò va bene continuare a ribadire che avevamo ragione noi nel 1922 e nel 1943. Ma loro non vivono allora, vivono adesso, e nonostante braccia tese e altri ammennicoli parafascisti, non tornano indietro ma vanno «avanti», verso una forma nuova di autoritarismo – qualcosa come le democrature dell’est -, repressivo e rigido coi deboli e amorevole e liberista coi forti, dove lo Stato esercita tutto il rigore della legge sui subalterni e lascia mano completamente libera ai dominatori.

«Liberi di lottare». E chi glielo impedisce? La società in cui viviamo, la Costituzione e le leggi che ci siamo dati- oggi pesantemente sotto attacco – , servono proprio a rendere legittimi e praticabili tutta una gamma di forme di lotta che vanno dal voto allo sciopero, dal picchetto al boicottaggio, dalla libera manifestazione del dissenso all’organizzazione politica di opposizione. Ma, fedeli alla visione agonistica del mondo, quando parlano di «lottare» loro parlano di scontro fisico – manganellare, aggredire, picchiare. O peggio.

In questi tempi, di fronte ad aggressioni su ben altra scala, rivendichiamo tutti il diritto all’autodifesa. È bene proteggersi in tutti i modi possibili da questi mascalzoni; ma una parte indispensabile della nostra autodifesa consiste nella difesa delle parole.

Non è un caso che l’improbabile ministro (dell’istruzione!) Valditara sia rimasto indifferente rispetto alle botte dei fascisti ma sia uscito al naturale minacciando interventi autoritari davanti alle parole di un’insegnante civile, e che queste stesse parole i fascistelli fiorentini abbiano voluto bruciare in piazza, in un rituale che, questo sì, l’abbiamo già visto.



-----------------------------------------------------------------------------------


Pubblicità


Ho creato una collana di romanzi storici e racconti.

Quando si riferisce la storia, antica o moderna che sia, di solito, si parla di condottieri, guerre, battaglie e date da ricordare. In questi romanzi, invece, i protagonisti non sono principi, re o leader popolari ma persone comuni. Esse vivono le difficoltà e le paure di tutti noi, ambientate, però, nel loro tempo. In Kara, ad esempio, un romanzo adatto a tutti fin dai 9 anni, il personaggio principale è una piccola contadina che vive nell'entroterra di Creta. A Pompei (Il tempo in cui i Galli iniziano a cantare), protagonista è, addirittura, un grande e pericoloso amore tra uno schiavo e un'affascinante e ricca fanciulla, mentre nell’antico Egitto (La seguirò ovunque ed ella mi seguirà), si racconta di un contadino e di una nobile fanciulla. Infatti, far rivivere la storia significa narrare di noi, cioè degli esseri umani veri che si incontrano nella quotidianità dei tempi.

ROMANZI STORICI (4 libri) Edizione Kindle (amazon.it)


Dinosauri, Atlantide, Uomo del Similaun, Civiltà di Golasecca, Ercolano, Liguri, Pompei… Racconti d'amore 



ebook euro 3,90
cartaceo euro 8,50

La nostra civiltà ha origini antichissime.
L’uomo della Storia ha lottato per sopravvivere ma anche per permetterci l’evoluzione di cui siamo discendenza.
Un tempo, esisteva l’amore? O, meglio, esisteva come lo pensiamo adesso?
Le emozioni profonde e i sentimenti dell’essere umano sono sempre state le stesse. Per sete di potere, ricchezza, o consuetudini tribali, spesso l’amore è stato impedito, soffocato e castrato, come succede ancora oggi da qualche parte nel mondo.
I protagonisti di queste vicende ambientate in vari periodi di una Storia molto Antica
 hanno, invece, sconfitto gli stereotipi delle loro epoche e sono diventati eroici.
Perché, nonostante tutte le avventure e i pericoli affrontati, hanno scelto l’Amore.

COPERTINA DI ZARINA ZARGAR

Commenti

Post popolari in questo blog

LA PACE di PABLO PICASSO da MEMORIACONDIVISA

LA PIU' BRAVA DEL REAME: SAMINA ZARGAR

ESCI DALL'INDIFFERENZA di Maria Altomare Sardella