TERREMOTI E TRIVELLE

 

Terremoti e trivelle. Serve un cambio di paradigma...


di Paolo D'Arpini

Ante scriptum: "Ulteriore scossa sismica piuttosto forte verso le 19 del 10 novembre. L'epicentro  si collocherebbe sempre al largo della costa anconetana, ed il sommovimento è stato percepito distintamente anche a Treia..."

Il terremoto, che nei giorni 8, 9,10 di novembre 2022 (con magnitudo 5.7 ed oltre) ha colpito il Centro Italia, ha rappresentato per noi ecologisti profondi un pretesto per suonare un campanello d'allarme. Abbiamo approfittato delle scosse sismiche per cercare di dare uno scossone all'ignavia politica ed alla speculazione legata all’estrazione di gas e petrolio dal sottosuolo italiano.

Appena uscita la notizia delle scosse, avvertite nelle Marche (ma anche in Romagna e in Abruzzo), siamo corsi a denunciarne le possibili ragioni e conseguenze (vedi anche: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2022/11/correlazioni-tra-scosse-sismiche.html), allertando il governo Meloni sui rischi in corso, anche in seguito alle scelte dell'esecutivo  che si è espresso favorevolmente alla liberazione di «nuove estrazioni di gas italiano», dichiarando di puntare a nuove concessioni. Ma la Terra si ribella alle nuove trivelle e il terremoto si scatena nell'Adriatico.

Estrarre gas e petrolio dalle coste adriatiche non è solo un consumo parossistico ed uno spreco di risorse non rinnovabili, ma un sovvertimento artificiale delle placche tettoniche dell'area e delle falde sotterranee, anche per il pericolo di subsidenza, ovvero l'abbassamento dei suoli. 

Da tempo i vari governi che si sono succeduti negli ultimi anni hanno tentato in tutti i modi di favorire le trivellazioni, con concessioni che sono andate perlopiù alle Sette Sorelle (e non alla Nazione). Ora in seguito alle sanzioni contro la Russia e alle difficoltà di approvvigionamento di idrocarburi si vorrebbe prosciugare la nostra residua ricchezza fossile per tamponare una crisi causata dalla cattiva gestione politica. Come mangiarsi una mano per sfamarsi un solo giorno. 

Occorre cambiare registro: abbassare i consumi energetici, utilizzare al massimo le fonti rinnovabili, tornare alla moderazione, interrompere il meccanismo consumista che distrugge ogni risorsa e riempie la terra di immondizie e veleni.

Ci vuole tanto a capire, per come siamo messi, che non si può più continuare su questa strada? Serve un vera gestione “conservatrice” ma non come la intendiamo oggi in funzione politica di destra, bensì una funzione di mantenimento delle possibilità di vita dell'ecosistema tutto: piante, animali ed uomini compresi.

Paolo D'Arpini  - Rete Bioregionale Italiana




LEGGI ANCHE:

https://www.senzafine.info/2022/11/terremoti-e-la-scomparsa-di-atlantide.html

https://www.senzafine.info/2022/11/a-quando-la-fine-del-pianeta.html

Commenti

Post popolari in questo blog

LA BELLA MAESTRA DI TAPIS SI ALLENA

LA STRAORDINARIA SCOPERTA DELL'ACQUA