PERCHE' NON AIUTIAMO LO YEMEN?

 

Yemen, oltre 18mila uccisi, 30mila feriti in 2.800 giorni di guerra saudita





L’Humanity Eye Center for Rights and Development ha pubblicato sabato un rapporto che mostra che il numero totale delle vittime della guerra in Yemen ha raggiunto le 47.673 durante i 2.800 giorni di aggressione saudita.

Il centro per i diritti ha affermato che 18.013 yemeniti sono stati uccisi e 29.660 feriti, tra cui 4.061 bambini sono stati uccisi e 4.739 feriti. Tra le vittime, 2.454 donne sono state uccise e 2.966 ferite.

Il centro ha affermato che l’aggressione ha distrutto oltre 598mila case, 182 strutture universitarie e 1.679 moschee, oltre a 379 strutture turistiche e 415 ospedali e strutture sanitarie.

Indicando le infrastrutture, il centro ha confermato che gli aerei sauditi hanno preso di mira 15 aeroporti, 16 porti, 344 centrali elettriche, 7.099 strade e ponti e distrutto 616 reti e stazioni di comunicazione, 2.974 bacini idrici e reti idriche e 2.101 strutture governative.

L’importante centro per i diritti ha anche affermato che l’aggressione ha preso di mira 407 fabbriche, 385 autocisterne, 12.030 stabilimenti commerciali e 454 allevamenti di polli e bestiame. La guerra ha distrutto 10.112 mezzi di trasporto, 998 camion alimentari, 700 mercati, 485 pescherecci, 1.014 negozi di cibo e 425 stazioni di rifornimento.

Il 23 novembre, Hans Grundberg, l’inviato speciale delle Nazioni Unite per lo Yemen, ha lanciato l’allarme per il peggioramento della situazione economica e umanitaria nel Paese devastato dalla guerra, che rimane sotto il paralizzante assedio guidato dai sauditi. L’inviato ha chiesto una nuova cessazione degli attacchi allo Yemen da parte di Riyadh e dei suoi alleati della coalizione. L’inviato speciale ha affermato che la comunità internazionale e, cosa più importante, gli yemeniti si aspettano un impegno fattibile per una risoluzione pacifica del conflitto.

La ferma Resistenza dello Yemen

La guerra guidata dal regime di Riyadh, che ha goduto di un incondizionato supporto militare, logistico e politico da parte degli Stati Uniti e di altri Stati occidentali, ha anche causato lo sfollamento di milioni di yemeniti. Ha diffuso carestie e malattie infettive a livello nazionale.

La guerra ha cercato di cambiare la struttura di governo dello Yemen a favore degli ex governanti amici di Riyadh e Washington e di schiacciare il movimento Ansarullah. La coalizione guidata dai sauditi, tuttavia, non è riuscita a raggiungere nessuno dei suoi obiettivi di fronte alla ferma Resistenza opposta dalla nazione yemenita.

di Redazione


-------------------------------------------------------------


IN EVIDENZA (pubblicità)



MI CHIAMO ALICE

monologo di ANNA STERI 

interpretato da SAMINA ZARGAR


ISCRIVITI AL CANALE UP AND DOWN BY SAMINA


CHI E' SAMINA?


UP AND DOWN dal sito caARTEiv (senzafine.info) 


----------------------------------------------------------------------------

 


 BISOGNA LOTTARE PER LE DONNE E PER TUTTE LE IDENTITA' SESSUALI.

Tutti i libri di Renata sono disponibili sulla piattaforma Amazon

 (RENATA RUSCA ZARGAR su Amazon.it: libri ed eBook Kindle di RENATA RUSCA ZARGAR )


Commenti

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

UN ABITARE COLLABORATIVO

DANTE