TECNICA PITTORICA da James Hansen

 

Tecnica

La tecnica pittorica non è più un argomento molto dibattuto. La storia dell’arte nell’ultimo secolo è stata largamente dominata dalla “concettualizzazione”, cioè dall’espressione visiva da parte del pittore di una sua idea, e non tanto dalla sua abilità di riproporla attraverso l'uso del pennello. 

Ivan Konstantinovič Ajvazovskij (1817-1900) si guadagnò in tutta la Russia una grande notorietà per la drammatica fedeltà con cui dipingeva il mare e l’abilità di catturare il dinamismo delle onde e il gioco della luce del sole o della luna sulla superficie dell'oceano. Oltre la metà dei suoi circa 6mila quadri rappresenta l’acqua in movimento. La cosa sorprendente è che, vivendo per larga parte della sua vita lontano dal mare, spesso dipingeva a memoria.

Oggi Ajvazovskij è stato perlopiù dimenticato al di fuori dalla Russia, “vittima” del trionfo del realismo artistico sul romanticismo. Alla sua epoca era invece assai noto. L'espressione “degno del pennello di Ajvazovskij” - coniata da Anton Cechov per definire qualcosa di “davvero molto bello” - diventò comune nella lingua russa. Altri lo chiamavano il “Mozart del mare”. Nel corso della sua carriera, espose le sue opere in un totale di cinquantacinque mostre personali tra l’Europa e l’America.

Quando il pittore lavorò a Parigi tra il 1856 e il 1857, fu il primo russo e il primo artista non-francese a ricevere la Légion dhonneur, come anche tributi simili in molte altre parti del mondo. Essendo armeno di nascita e naturalizzato russo solo in età adulta, scartò pubblicamente - buttandole in mare - le onorificenze avute dal Governo turco per rimarcare il suo disappunto davanti ai massacri ottomani operati nel suo paese d’origine.

Il quadro che appare qui sopra - “Tra le onde”, del 1898 - è conservato presso la Galleria Nazionale d’Arte che porta il suo nome a Feodosia, in Crimea. Wikimedia Commons propone una raccolta dei suoi “seascapes” qui.


 
 
 

IN EVIDENZA

"Quando soffia il vento del ricordo, / il sonno va via dalla testa / e il cuore balza alla gola. [...]"

"Sussurrava intorno un’aria così sottile / che svegliava i desideri del cuore, / il vento trascinava via la mia sciarpa / e pareva accarezzare la sua pelle.[...]"

“Dio mio, / perdono / di non visti peccati / mentre il mio giovane corpo / privo di fioritura / è legato con tubi / -radiazioni-chemioterapia- / torture-dolore-sofferenza-[...]".

"Scene di crudeltà massacri spari / bombe fuoco urla pianti / Poi un lungo silenzio.../ L’uomo ha dimenticato che anche lui / era un bambino![...]"

Un ventennio di pensieri di amore e spiritualità.


LEGGI L'ESTRATTO:

https://www.amazon.it/LALBERO-MILLEFIORI-ZAHOOR-AHMAD-ZARGAR-ebook/dp/B09L58V246/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&keywords=L%27ALBERO+DEI+MILLEFIORI&qid=1636275616&qsid=262-5111819-2130545&s=books&sr=1-1&sres=B09L58V24

 
 

Commenti

Post popolari in questo blog

LA BELLA MAESTRA DI TAPIS SI ALLENA

LA STRAORDINARIA SCOPERTA DELL'ACQUA

AQUA JUMPING BAR tutti i giovedì ore 20 ACQUAFITNESS