ARRIVEDERCI NELL'AL DI LÀ di Davide Longoni e LAZONAMORTA.IT da non perdere


  Menù “La Zona Morta” – Newsletter 191

Ecco il nuovo numero della Newsletter de “La Zona Morta”: ogni mese tante notizie, anticipazioni, classifiche, aggiornamenti… e molto, molto di più! 

http://www.lazonamorta.it/lazonamorta2/

Non perdetevi la Newsletter de “La Zona Morta”: ogni mese tante notizie, selezioni, anticipazioni, classifiche, aggiornamenti… e molto, molto di più.

Direttamente al vostro indirizzo e-mail.

Seguiteci!

Iscriversi è facile: basta inviare una e-mail a longdav@libero.it e farne richiesta… al resto pensiamo tutto noi!

ANTIPASTI

Creative Network numero 15 a cura della redazione

Filippo Radogna trionfa alle Pergamene Stellari a cura della redazione

PRIMI PIATTI

Intervista a Dario Tonani di Filippo Radogna

American Gods di Elena Romanello

Miriam Palombi si racconta di Davide Longoni

FantaDrink 21: Sentinel of Liberty di Carlo Dutto

SECONDI PIATTI

Fantascienza Story: Appendice 07 - Parte 15 di Giovanni Mongini e Mario Luca Moretti

Fantascienza Story: Appendice 07 - Parte 16 di Giovanni Mongini e Mario Luca Moretti

La riscossa delle nerd a cura della redazione

Fantacinema Prossimo Venturo 43 di Davide Longoni

CONTORNI – LE CRONACHE DI PROFONDO ROSSO

Fantaghirò di Davide Longoni

Desideria e l'Anello del Drago di Davide Longoni

FRUTTA

Star Trek – The next generation di Davide Longoni

Enigmi dallo spazio e dal tempo 23 di Giovanni Mongini

DESSERT

Il museo delle anime perse 4 di Davide Rosso

BEVANDE

Tracce dal futuro prossimo – Il bando

XLVIII Premio “Gran Giallo di Cattolica – Mystfest 2021”

Z di Zombi 2021

Oltre lo Specchio 2020: i vincitori

XXVII Trofeo RiLL

EXTRA

Ormai praticamente giunti al primo compleanno italiano dell'emergenza sanitaria del Coronavirus (era il 21 febbraio 2020 quando chiusero Codogno e dintorni... poco dopo il disastro totale!), non possiamo fare altro che consolarci, mentre l'Italia è ancora un arcobaleno di colori regionali, con un po' di lettura, giusto per evadere almeno con la mente... e allora ecco che tornano i nostri consigli che esulano dal contesto fantastico tipico de La Zona Morta, iniziando con una recensione del nostro Gordiano Lupi che stavolta ci parla di Antonio Messina e della poesia del tempo perduto con il volume Come una nuvola dentro un cortile (55 pagine; 11 euro), pubblicato da Nulladie Edizioni.

“Antonio Messina è un autore che conosco e apprezzo da quasi vent’anni per aver pubblicato buona parte della sua produzione fantasy e per ragazzi con Il Foglio Letterario Edizioni, romanzi e racconti premiati dal consenso del pubblico e della critica, scritti con uno stile sopraffino, lontani dalla poetica del best-seller quanto vicini a quella della letteratura.

La poesia di Messina traccia una linea di demarcazione netta con la sua narrativa, perché meno solare e fantastica, più introspettiva e densa di contenuti nostalgici. Come una nuvola dentro il cortile sorprende per freschezza d’immagini e poetica del ricordo fuse in un intenso afflato lirico che prende per mano il lettore esortandolo a condividere identiche emozioni. La Sicilia è la terra natia del poeta, il luogo dove tornare con la mente e con il cuore, come il vecchio professore de Il posto delle fragole di Bergman si fermava a rivedere la casa paterna rivivendo il passato con intensi flashback immaginari. La lirica diventa canto di un esule volontario che ripensa cortili, arenili, rocce, mulattiere, strade di paese, padri che rientrano stanchi dal lavoro dei campi, figure materne lontane e perdute. Il poeta è convinto che siamo come le nuvole / passioni nell’istante / frammenti di altrui pensieri …, in fondo non altro che piccoli uomini d’aria che si abbandonano alla vita. Uomini perduti, in attesa della morte, uomini che fluttuano in un cielo di stelle, che un tempo sono stati bambini, per brevi istanti vivono ancora un’infanzia immaginaria, piccoli esseri di latta, dentro le madri, in una notte eterna piena di stelle.

Antonio Messina compone un’opera unitaria, elegiaca e sognante, un maturo casellario di ricordi, legato al sapore del tempo perduto di proustiana memoria. Racconta la terra natia abbandonata e gli affetti presenti, sente che piove tra le rovine della sua vita, sa che non potrà attendere la figlia, perché non ne avrà il tempo. Spera che resti un posto nell’angolo sperduto del suo cuore, per lui che è solo pietra nell’infinito in attesa della morte, piccolo uomo fatto di vento, figlio distratto, smarrito in un sogno.

Come una nuova dentro il cortile è una raccolta preziosa, intrisa di immagini suadenti, persino struggenti, pervasa da un flebile ottimismo, perché tornerà l’estate, prima o poi, non dobbiamo disperare, anche se il poeta preferisce continuare a coltivare la solitudine immerso in una dimensione di sogno, perché in fondo sognare è meglio che pensare”.

Proseguiamo adesso con una intensa carrellata di uscite interessanti per Kimerik Edizioni.

Iniziamo con il libro Profumo di tabacco e mirto (168 pagine; 14 euro) di Elisabetta Turricchia: Penelope e Ulisse sono due ragazzi dei giorni nostri, ma con nomi già predestinati da antiche narrazioni. Riuscirà la forza del destino a farli incontrare o la loro unione verrà ostacolata da ombre oscure e malefiche? 

Con Il suono delle chiavi di casa (64 pagine; 14 euro) è certamente un grande impegno e un gravoso onere quello che Comasia Scialpi si attribuisce con questo libro. Il suono delle chiavi di casa è infatti la narrazione di una vita altra, attraverso le parole di Mehdi, che conduce a una sensibilizzazione che necessita di grande riflessione e di una maggiore coscienza, perché pone in luce quanto l’essere umano rimanga tale, indipendentemente dalla sua provenienza, dal colore della sua pelle, dal suo credo religioso e dalla sua cultura. Si parla di tutto ciò che i migranti lasciano alle proprie spalle quando decidono di partire, ma soprattutto si parla di ciò che li attende in quello che dovrebbe rappresentare il luogo della loro salvezza.

Passiamo alla poesia con il volume Concludendo (130 pagine; 16 euro) di Claudia Calderoli: persone, luoghi, creature senzienti, paesaggi, atmosfere, mare e cieli immensi, sospensione di tempo e di spazio. Ricordi. Emozioni. Pause e moti dell'anima. Elementi fisici, emotivi, spirituali. Ad uno ad uno si susseguono, come i giorni della vita, in una raccolta di 55 liriche: veloci, pregnanti, intense di sentimento, di passione e di dolore. Quelli di una donna che osserva lo scorrere dell'esistenza: doni ricevuti, attese premiate e poi smarrite, passioni consolidate o incrinate dal tempo e dal destino. Desideri e speranze trattenute nel cuore, lasciate al tempo. Nulla si nega, tutto si accoglie nell'abbraccio di una madre che cerca di dare respiro alla vita dei figli, che li sostiene senza annullarli nel silenzio carico di parole e di sguardi.

Ancora poesia con Fino a quando m'accompagni (60 pagine; 12 euro) di Augusto Centurelli (Cotaras) che così presenta questa sua nuova opera: “Non so se qui ho scritto poesie o ciò che Sanguineti definì “notazioni di sensibilità”. Auguro comunque buona lettura”.

 Torniamo alla narrativa con Da Est a Ovest passando per l'Africa (178 pagine; 14 euro) di Stefania Nadalini: Stefania ha sempre viaggiato, si da ragazza, affrontando la paura di volare, sia, in seguito, da donna, quando, ormai superato ogni timore, si è lanciata in avventure incredibili, in ogni angolo del mondo. Ha lasciato da parte ogni pregiudizio e superato limiti, per conoscere, divertirsi, sperimentare, vivere. In questo suo personale diario fatto di aneddoti, questa meravigliosa donna ci trasmette tutta la bellezza che c’è sul nostro pianeta e ci racconta in maniera semplice e sincera il suo passaggio da turista a viaggiatrice.

Andiamo avanti con L'uomo vestito di ricordi (352 pagine; 16 euro) di Ciro Ascione: a volte riteniamo erroneamente che per essere eroi bisogna essere perfetti. A volte basta avere rispetto della vita degli altri per diventare eroi. Alfredo Perillo è un ragazzo come tanti, povero ma con tanti sogni nel cassetto. La vita lo premia e gli regala i suoi sogni facendolo diventare ricco e famoso. Come spesso accade, la ricchezza affoga gli uomini nei propri vizi; sesso e carte gli annebbiano la mente, ma ciò non lo distrae dall'avere rispetto verso tutti coloro che hanno bisogno di aiuto, e quando si trova di fronte ai soprusi del fascismo e del razzismo è pronto a sacrificare se stesso e tutti i suoi averi pur di salvare la vita degli altri.

Dedicato infine ai bambini è invece il volume Empathy, togliamo la corona al virus! (80 pagine; 9,50 euro) con testi, immagini di copertina e interne in collaborazione e a cura di Elpidio Cecere, Ciro Andreozzi, Chiara Castaldo, Anna Rosaria Martullo e Sara Mataluna del TCE - Therapy Center: Empathy è una simpatica tartaruga della specie Marinis – frutto della fantasia dell’autore – che Gabriele, il protagonista del racconto, si trova ad avere come amica. Nel colloquio che nasce tra i due, Empathy cerca di spiegare al bambino che cosa è il Coronavirus e come si trasmette. Gabriele è preoccupato perché non può vedere più i suoi amici, giocare con loro e andare a scuola. Empathy lo esorta a non essere triste e gli mostra come potersi divertire pur restando a casa, potendo parlare con i suoi amici e compagni di scuola tramite il telefono o computer. Empathy fa capire a Gabriele quanto sia importante rispettare le regole per non ammalarsi. L’intento del volume è proprio quello di dare ai genitori uno strumento utile per far comprendere ai propri figli il difficile momento che stiamo vivendo, spiegando anche in maniera facilmente comprensibile cosa è il Coronavirus e cosa fare per poter evitare il contagio. Il libro è adatto ai bambini da 4 a 10 anni.

Sono invece due picture book le novità in uscita a febbraio per Camelozampa: con Il tunnel di Anthony Browne arriva in Italia un classico molto atteso del grande autore e illustratore britannico, mentre Avrò cura di te, firmato da Maria Loretta Giraldo e Nicoletta Bertelle, segna il ritorno delle autrici del bestseller Prova a dire Abracadabra!

 Blu Editore ci propone l'e-book Lavoro da casa per mamme, un manuale pratico per le mamme che lavorano da casa di Liliana Morace, che così ci spiega questo lavoro: “Non importa se sei stufa di lavorare fuori casa o se semplicemente desideri guadagnare qualche soldo extra, le opportunità disponibili per le mamme che vogliono lavorare da casa – al giorno d’oggi – possono rivelarsi incredibili.

Se hai già dei dubbi o delle paure riguardo alle tue abilità, o magari se pendi di non essere abbastanza qualificata da trasformare il sogno di lavorare da casa in realtà, rilassati! Anche le donne che non hanno lauree o competenze di alto livello o una carriera brillante alle spalle, scopriranno che ci sono molte opzioni per avviare attività redditizie da casa. È anche possibile ottenere lavori per altre ditte che necessitano di personale pur non avendo un ufficio fisico e quindi hanno l’esigenza di staff che operi da casa. Il telelavoro sta diventando più comune di quanto si possa immaginare. Potresti anche essere in grado di accedere come lavoratore a contratto o libero professionista con aziende in ogni parte del mondo.

La verità è che non devi necessariamente avere chissà quale abilità specifica per lavorare da casa. Esistono soluzioni per superare quasi ogni ostacolo che si possa presentare. Non c’è motivo di scoraggiarsi!

Immergersi nella prospettiva di lavorare a casa può essere una decisione incredibile da prendere per te e tutta la tua famiglia. Tuttavia, richiede un’attenta considerazione. Lavorare a casa può essere un’esperienza meravigliosa, ma non è per tutti.

In questa Guida, vedremo le cose che devi considerare per aumentare le probabilità di poter avere successo. Ci sono alcuni modi per capire se lavorare a casa si adatta davvero al tuo stile di vita e alcuni vantaggi e insidie che è opportuno analizzare prima di andare avanti a tutta forza per iniziare una carriera a casa.

Sebbene ci siano degli ostacoli – specialmente per le mamme molto occupate con orari frenetici – ci sono modi per superarli. Ci sono tecniche, suggerimenti e idee per affrontare e vincere le avversità in modo da aiutarti a raggiungere la strada del successo.

Una delle chiavi del successo con un business a casa è selezionare il settore giusto in cui lavorare. Le opportunità sono numerose ed è importante esplorare attentamente tutte le opzioni e come potrebbero adattarsi allo stile di vita personale di ognuno.

Indipendentemente dalle tue intenzioni, sia che tu voglia avviare un tuo business o che tu preferisca lavorare come freelance, ci sono alcuni elementi pratici da prendere in considerazione. Dall’ottenere la formazione necessaria alla ricerca dei lavori a come organizzare un ufficio a casa. Parleremo di ciò che devi sapere per trasformare i tuoi sogni di lavoro a casa in realtà”.

Meravigli Edizioni ci segnala I Navigli di Milano – Viaggio pittorico di Edo Bricchetti, un prezioso album che raccoglie una straordinaria rassegna di dipinti (oltre 150) dei Navigli e che ci racconta il cuore e l’anima della Milano “città d’acque”, alla cui riscoperta veniamo guidati dalla competente e appassionata penna del “Custode delle Acque” Edo Bricchetti.

Ad esempio, forse non sapevate che il laghetto di Santo Stefano – realizzato alla fine del XIV secolo in corrispondenza dell'incrocio delle attuali vie Laghetto e Francesco Sforza – con le sue acque stagnanti procurava, fra i miasmi ordinari e quelli straordinari all’epoca dell'asciutta, gravi inconvenienti alla pubblica igiene e, in particolare, agli ammalati della vicina Cà Granda. Si narra che il 26 gennaio 1857 l’imperatore d’Austria Francesco Giuseppe, mentre visitava il nosocomio con la sua gentile consorte, affacciatosi a una delle finestre della sala San Filippo prospiciente il laghetto, informato dall’illustre dottor Verga allora direttore, ne ordinasse alla civica amministrazione l’immediato interramento, riconfermato con decreto del 9 febbraio pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di Milano. Naturalmente l’ordine venne prontamente eseguito, senza preoccuparsi dei dibattiti che si sarebbero accesi e che – infatti – inevitabilmente si accesero (protraendosi per circa 40 anni!) fra la Fabbrica del Duomo, il Demanio e fra quest'ultimo e l’Amministrazione dell’Ospedale Maggiore.

Altra uscita targata Meravigli Edizioni è Milano in tasca di Nadia Gobbi, una preziosa guida storico-culturale del capoluogo lombardo, scritta da una delle guide turistiche più note e apprezzate di Milano per andare alla (ri)scoperta della città, anche standosene comodamente seduti sul divano di casa. In appendice ritroviamo Edo Bricchetti con “La strada delle Abbazie”.

Milano è una città da scoprire con calma e curiosità… L’ippodromo del galoppo di San Siro – inaugurato nel 1920 – dal 1999 accoglie i visitatori con il celebre Cavallo di Leonardo. Si tratta di una copia del monumento equestre volto a celebrare Francesco Sforza che Leonardo da Vinci progettò (fra il 1482 e il 1493), su commissione di Ludovico il Moro, senza però mai riuscire a realizzarlo (ne fece soltanto un modello in creta, che andò distrutto) a causa delle dimensioni (avrebbe dovuto superare i 7 metri d'altezza) e dei problemi di statica. La statua, ispirata ai disegni del Genio fiorentino, si deve agli americani Charles Dent, collezionista d’arte innamoratosi della storia del Cavallo di Leonardo, e Frederik Meijer, proprietario di una catena di supermercati che ne portò a termine il finanziamento, e venne realizzata dalla scultrice giapponese Nina Akamu. Diviso in sette parti, che vennero fuse negli Stati Uniti, la saldatura del monumento si svolse a Milano, con la successiva collocazione su un imponente basamento rivestito in marmo bianco.

Chiudiamo passando ai comics: Nicola Pesce Editore pubblica Le origini del fumetto di Thierry Smolderen, il saggio sulle vere origini del fumetto, volume pluripremiato in Francia che per la prima volta esce in Italia.

Dai romanzi per immagini, passando per Yellow Kid, fino alla serializzazione, troverete un punto di vista del tutto nuovo sull'evoluzione storica del fumetto.

Partendo dalle illustrazioni umoristiche del Settecento, dagli omini stilizzati e dai romanzi per immagini, passando per l'evoluzione della stampa e l'avvento delle tecnologie audiovisive, Thierry Smolderen delinea il percorso storico che ha portato al fumetto del Ventesimo Secolo.

Il passaggio dall'etichetta al balloon, il bambino calvo con la camicia da notte gialla, le proporzioni buffe dei personaggi, hanno rivelato la strada giusta da percorrere. Una ricerca, corredata da numerosissime immagini e documenti storici, sulle vere origini della cultura visiva. Imperdibile per gli appassionati!

LA CLASSIFICA

I cinque articoli più letti nell’ultimo mese:

1)     H.P. Lovecraft: I gatti di Ulthar e altri racconti a cura della redazione

2)     Di notte arrivano i lupi a cura della redazione

3)     Omaggio a Heiner Müller 2 di Gianfranco Galliano

4)     Il museo delle anime perse 3 di Davide Rosso

5)     Delos Digital... Sherlock Holmes e dintorni a cura della redazione

 Arrivederci nell’aldilà!

Davide Longoni

Website:  http://www.lazonamorta.it   
Facebook:  https://www.facebook.com/LaZonaMorta?skip_nax_wizard=true  
LinkedIn:  https://www.linkedin.com/in/lmorta/  

VEDI ANCHE:

https://www.senzafine.info/2021/01/la-zona-morta-rivista-gratuita-del.html

http://www.senzafine.info/2020/12/la-zona-morta-rivista-mensile-gratuita.html

http://www.senzafine.info/2020/08/blog-post.html

____________________________________________________________________

L'ASTRONAVE DEGLI DEI eBook: RUSCA ZARGAR, RENATA: Amazon.it: Kindle Store EURO 2,99

Amazon.it: L'ASTRONAVE DEGLI DEI - RUSCA ZARGAR, RENATA - Libri CARTACEO EURO 4,50

Commenti

Post popolari in questo blog

NUN MI CHIAMARI FIMMINA di Laura La Sala, la Poetessa del cuore e della volontà

IL GENIO DI DALÌ in una Conferenza gratuita dai MUSEI DI VICENZA il 16 Febbraio, ore 18,00

CONCORSO DEL COMUNE DI QUILIANO PER LA REALIZZAZIONE DI UN'OPERA D'ARTE ALLA MEMORIA DEI BAMBINI VITTIME DELLE GUERRE