COCCI AGGIUSTATI da Nota Design di James Hansen

 


Il mondo è bello perché è vario. Ne è la perfetta dimostrazione l’antica e pregiata arte giapponese del kintsugi, detto anche, meno comunemente, kintsukuroi. I termini significano, rispettivamente, “unificazione dorata” e “riparazione dorata”.

Comunque venga chiamata, l’arte - ed è arte, non artigianato - non ha alcun equivalente in Occidente. Nella nostra cultura, se un pezzo di vasellame si rompe, prima imprechiamo e poi perlopiù buttiamo via i cocci. Se il vaso è di particolare pregio lo facciamo restaurare con l’intento di mascherare il danno e di farlo tornare possibilmente com’era prima dell’ “infortunio”.

Lo scopo del kintsugi è semmai quello di esaltare e impreziosire il danno, ricomponendo i frammenti di ceramica con materiali nobili, tradizionalmente lacche  mescolate a polvere d'oro, d'argento oppure di platino  La tecnica “celebra” il fatto avvenuto, rendendo il pezzo più raro, più bello e con una sua precisa storia.

È anche una sorta di metafora, una lezione morale. Le ferite riparate della ceramica rappresenterebbero anche le ferite - visibili o meno - inflitte dalla vita, un riconoscimento dell’umana vulnerabilità, paragonabile in qualche modo alle rughe dei vecchi.

Un po’ rattrista riconoscere che la nostra pratica che forse più s'avvicina a quella  giapponese sia la “pre-usura” dei jeans, fatti sbiadire e a volte strappati ad arte…

 
 

                     PUBBLICITÀ


ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE UP AND DOWN DI SAMINA PER SEGUIRE GLI ALTI E BASSI DELLA VITA

Commenti

Post popolari in questo blog

CERCASI ASSOCIAZIONI O ENTI PER ORGANIZZARE IL CAPODANNO CINESE A GENOVA

UN FUTURO SINDACO CHE SEMBRA UN COMUNE MORTALE, PROPRIO COME NOI

TALEBANI BRAVE PERSONE di Renata Rusca Zargar