CARNE COLTIVATA

 Né carne, né carne coltivata… Per la salute psicofisica serve una dieta "satvica"

di Paolo D'Arpini


Cominciamo col chiederci “Cos’è la carne coltivata?”. Conosciuta anche con la definizione di “carne a base cellulare”, rappresenta una innovazione nell’industria alimentare di produzione della carne. Si tratta di carne che è molecolarmente identica a quella degli animali (che comunemente la gente consuma): manzo, maiale, ecc. Questa carne viene prodotta a partire da cellule staminali, che vengono coltivate in laboratorio, dove si differenziano e si moltiplicano.

A tutti gli effetti, dal punto di vista organico, trattasi di carne. Con la variante che non necessita l’allevamento di animali e la loro successiva macellazione, in quanto le cellule vengono “coltivate” in laboratorio. Insomma trattasi di una “invenzione” scientifica, apparentemente etica, che comunque non elimina il consumo di carne, anzi lo incoraggia…

Faccio qui presente che il non mangiar carne non ha solo una motivazione etica od ecologica ma è un primo passo per la purificazione della mente. Infatti astenersi dal consumo di carne è conduttivo al riequilibrio psicofisico.

L’alimentazione definita “satvica”, corrispondente alla dieta vegetariana, è quella più vicina all’alimentazione naturale dell’uomo. L’uomo è nato frugivoro, la sua conformazione anatomica è simile a quella degli altri animali frugivori, che si nutrono essenzialmente di semi, proteine vegetali, verdure, frutta, tuberi, latte materno, integrando il tutto – di tanto in tanto – con qualche altro prodotto di origine animale, come ad esempio il latte di altri mammiferi, piccole quantità di miele, uova e simili. Ovviamente, nella dieta “satvica” la carne non è compresa, poiché essendo un composto organico contenente tossine, è considerato un alimento “tamasico” (oscurante) per la mente (indipendentemente dal modo di produzione).

Inoltre la dieta “satvica” va considerata in senso “bioregionale”, ovvero consumando i frutti stagionali che crescono nel territorio in cui si vive secondo i cicli naturali.

Paolo D’Arpini 

*L’autore con la sua compagna Caterina Regazzi

Fonte: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2024/01/24/ne-carne-ne-carne-coltivata-per-la-salute-psicofisica-serve-una-dieta-satvica/

Per ulteriori informazioni consiglio la lettura del libro “Alimentazione bioregionale” (Edizioni Nisroch): https://www.edizioninisroch.it/prodotto/alimentazione-bioregionale-di-paolo-darpini/

Commenti

Post popolari in questo blog

CONSIDERAZIONI SEMISERIE SULLA MIA DEMENZA SENILE di Renata Rusca Zargar

IL NEGROMANTE DI ROUEN di Ornella Fiorentini

LA PIU' BRAVA DEL REAME: SAMINA ZARGAR