L'APPELLO DELL'UDI Unione Donne in Italia

 CONDIVIDO COMPLETAMENTE QUESTO APPELLO E SONO ORGOGLIOSA DI APPARTENERE AL GENERE FEMMINILE DI PACE (RRZ)



“Tra uccidere e morire c’è una terza via: vivere” disse, inascoltata, Christa Wolf con la sua Cassandra.

Lo ripetiamo adesso a chi vuole farci cadere nella trappola della paura e della vulnerabilità che la pandemia ci ha rivelato. Un male oscuro che ci ha dilaniato. Ora un altro male oscuro ci vuole ammutolire. Ma noi vogliamo vivere e non resteremo in silenzio!
Le cure sono servite a ricostruire sicurezza contro la pandemia.
E’ la CURA la lezione più importante che il covid ha insegnato al mondo, radicando in tutti noi un’idea di interdipendenza e convivenza, per ribaltare tutti i feroci paradigmi: del profitto, dell’odio etnico, religioso, culturale, sociale, di genere e generazionale , fonti di disuguaglianze, di distruzione del pianeta e di guerre.
La guerra è violenza che trova radici patriarcali e per questo siamo al fianco delle nostre sorelle in Ucraina, nel Dombass, in Russia, in Europa, negli Stati Uniti e in ogni parte del pianeta. Con loro vogliamo costruire un nuovo mondo che abbia a fondamento la neutralità attiva, la solidarietà, l’accoglienza, la giustizia, i diritti e le libertà di donne e di uomini di Pace.
Oggi più che mai rifiutiamo la guerra, tutte le guerre, che arricchiscono industrie delle armi e poteri militari e i costi pagati in tagli sociali ai più poveri. Questo ci hanno insegnato le tragiche esperienze in Iraq, in Siria, in Afghanistan, nella ex Jugoslavia, nello Yemen e in tante altre zone di guerra. Non esistono guerre umanitarie, non esistono guerre giuste, non esistono guerre per esportare democrazia.

Non accetteremo di farci stritolare dalla tenaglia dell’amico-nemico; respingiamo la logica degli schieramenti e ci posizioniamo politicamente, in modo forte e convinto, per la pace, sempre e comunque.
Non subiremo la “fatalità” della guerra come “soluzione” delle controversie, o peggio, come “igiene del mondo” perché questo mondo, inquinato e sporco, può essere salvato solo dalle tante energie “pulite” in grado di reagire e di imporre la forza dei diritti contro quella dei poteri, la intransigente critica alla logica del profitto, del riarmo, della militarizzazione.
Non ci faremo rappresentare da stereotipi e caricature. Non consegneremo la nostra storia agli Stranamore di professione. Chiediamo un nuovo passo all’Europa che abbiamo contribuito a costruire. Siamo convinte che la Nato non è l’Europa e l’Europa non è la Nato.
Chiediamo di fermare la guerra. Il Governo italiano deve, secondo la Costituzione, respingere la guerra come mezzo di risoluzione delle controversie. Deve dire no a ogni guerra, a ogni ingaggio della Nato. Deve lavorare per respingere la logica delle dimostrazioni di forza, delle minacce e delle ritorsioni.
Le donne lo sanno e lo chiedono: un’altra idea di scurezza è possibile. La reciproca sicurezza, di ogni paese, di ogni popolo.
FUORI LA GUERRA DALLA STORIA!


Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

MORIRE PER LA NATO PUBBLICATO IN SPAGNA

NOI CAVIE DELLE NUCLEARI "TATTICHE" DI PUTIN di Renata Rusca Zargar