L'ERBA CRESCE DA SE'

TREIA: L'ERBA CRESCE DA SE'

di  PAOLO  D'ARPINI


 Seduto senza far niente. Viene la primavera e l’erba cresce da sé”. Così recita un famoso detto zen, per significare che in natura le cose succedono senza doversi affaticare né preoccupare. 

Però nella società mondana, fatta di regole e impegni amministrativi, di funzionamento delle strutture, etc. qualche piccolo intervento -magari una volta all’anno- tocca prevederlo. 
Ad esempio oggi, al solito baretto di Treia, è venuto fuori il discorso dell’erba che comincia a trasbordare sulle strade. Sì, è vero che sembra un miracolo che l’erba cresca “ancora” da sé ma alcuni  automobilisti non sono proprio contenti dell’invasione. 
Ma -secondo me- anche se l’erba coprisse tutte le vie asfaltate del mondo sarebbe persino meglio per tutti… e magari sarebbe addirittura meglio se invece di viaggiare con le puzzolenti automobili tornassimo a muoverci a piedi, o a dorso di mulo, asino, cavallo e bue...  Almeno così le bestie durante il viaggio avrebbero da satollarsi a gratis, e noi saremmo esentati da spese di benzina, bollo, assicurazione, olio, usura gomme, manutenzione meccanica, etc. etc. Però, si sa, viviamo in questo mondo e non “nell’altro” (quello dello zen) ed inoltre i media e le istituzioni recepiscono solo segnalazioni utili a questa società. 
E qui inserisco  alcuni consigli, rivolti agli amministratori locali  -anche in considerazione che a giugno del 2024 in diversi comuni si vota  (ed anche a Treia) per il rinnovo dei consigli comunali- e qualche "buon consiglio" non posso esimermi dal suggerirlo: 
Per amministrare ecologicamente il territorio in cui viviamo:
Vietare l’uso di pesticidi e di concimi chimici (che distruggono i terreni ed inquinano anche le falde acquifere)  in quanto sostituibili con tecniche biologiche. Anche in base al Reg. Cee “Reach” ed ai diritti costituzionali inviolabili alla salute, alla salubrità dell’ambiente ed al progresso dell’agricoltura (Art 32, 9, 44 della Costituzione Italiana).
I Sindaci possono, in qualità di responsabili della salute pubblica, dichiarare i territori Biologici. Ciò è possibile grazie ai Pagamenti Agroambientali, previsti dalla Comunità Europea nei Piani di Sviluppo Rurale regionali che, per legge, devono compensare tutti i mancati redditi e maggiori costi delle produzioni biologiche, quale servizio alla collettività, più un 20%, rendendo pertanto l’agricoltura biologica “conveniente per tutti gli agricoltori” e non solo per i consumatori. Agricoltura Biologica che dovrebbe essere controllata e certificata a cura (e spese) della collettività e non degli agricoltori (come avviene oggi), con rischi di conflitti di interesse. 
E’ necessario utilizzare  al meglio le risorse economiche previste dai regolamenti europei “agroambientali” che possono interessare fino al 70% del bilancio complessivo dei Piani di Sviluppo Rurale regionali.
Bene, anche questa è fatta…
Paolo D’Arpini 
Rete Bioregionale Italiana
image.png

Commenti

Post popolari in questo blog

LA PACE di PABLO PICASSO da MEMORIACONDIVISA

LA PIU' BRAVA DEL REAME: SAMINA ZARGAR

ESCI DALL'INDIFFERENZA di Maria Altomare Sardella