1 MAGGIO di Marina Zilio


 1 Maggio


Ricordo
Braccianti Agricoli
Intenti al Lavoro dei Campi

Per le Semine e i Raccolti.

Ricordo i Buoi
Tirare a Fatica
I  Carri 
Carichi degli Ambiti Frutti.

Ricordo La Mietitrebbia
Battere
Le Bionde Spighe di Grano
E i Contadini Gaudenti
E Prostrati dalla Calura 
E Dalle Fatiche.

Ricordo L' Alacre 
Lavoro nei Vigneti
Per una Vendemmia
Di Grappoli
Succulenti e Grevi.

Ricordo
Uomini E Donne
All' Opera negli Orti
E Nei Frutteti.

Ricordo
I Lavoratori
Nelle Fornaci
Impegnati
A Produrre
Mattoni.

Ricordo
Gli Allevatori
E I Boscaioli
Alacri
All' Opera
Quotidiana.
.

Li Rivedo
Ogni Giorno
Ai Pascoli
E Nei Boschi.

Umiltà
E Fatica
Quotidiane
Non Facevano
Paura né Vergogna.

Il Sudore della Fronte
Non Faceva Desistere.

La Sera Ognuno
Godeva 
Il Meritato Riposo.

Così
Un Tempo
Ormai Lontano
Trascorreva Operoso
E Sereno.

I Tempi 
Sono Cambiati
E Le Tecnologie 
Si Sono Evolute
In Meglio.

Mancano
Però
Braccia Forti
E Vigorose.

Mancano
Umiltà
E Dedizione 

Mancano
Sani Principi
E Buoni Intenti.

Il Cielo
Plumbeo
Effonde
Lacrime Copiose.

Il Torrente
Scorre Impetuoso.

Rivoli
Di Pioggia
Rumoreggiano
Nei Tubi
Delle Gronde.

Gli Uccelli
Nei Boschi
Flagellati
Si Tacciono
All' Addiaccio.

Le Genti
Di Buona Volontà
Sgomente
Osservano
Impotenti.

Natura
Soffre
Nel Degrado.

Oh Dio
Dell' Universo
Riconduci
Le Genti
All' Amore
E Alla Pace
In Umiltà 
Ed Operosità!

"LAUDATO SII MIO SIGNORE!"

Marina Zilio

Commenti

Post popolari in questo blog

CONSIDERAZIONI SEMISERIE SULLA MIA DEMENZA SENILE di Renata Rusca Zargar

IL NEGROMANTE DI ROUEN di Ornella Fiorentini

LA PACE di PABLO PICASSO da MEMORIACONDIVISA