ISOLE IMPERIALI

 

Isole imperiali 

È d’uso, specialmente a sinistra, definire gli Usa un ‘impero’. La descrizione cozza con il significato convenzionale del termine, ovvero “un organismo politico con a capo un sovrano che porta il titolo di imperatore, formato da altre entità statali (regni, principati, nazioni ecc.), tutte subordinate all’autorità centrale”.

Tralasciando l’aspetto poco ‘imperiale’ di Biden, Trump et al., il vero problema con la definizione è quello dell’estensione territoriale, dato che gli Usa sono un paese decisamente ‘unitario’ dal punto di vista geografico. Tuttavia, gli Stati Uniti possiedono direttamente dei piccoli (perlopiù piccolissimi) ‘territori d’oltremare’. Il più grande di questi—l’unico di dimensioni ragguardevoli—è l’isola di Puerto Rico. Ha una popolazione di 3,3 milioni ed è situata nell’Oceano Atlantico ai margini dei Caraibi, come anche le Isole Vergini Americane (popolazione 87 mila). Gli altri territori, sempre delle isole, sono invece nel Pacifico: Guam (popolazione 154 mila), le Marianne Settentrionali (47 mila) e le Samoa Americane (50 mila).

Oltre alla comune nazionalità, tutti questi piccoli territori sparsi sono uniti da un’altra caratteristica condivisa: la popolazione in forte calo—e non è evidente quale sia il motivo. In due casi, quelli delle Isole Vergini e delle Samoa americane, esiste un ‘gemello’ vicino con cui fare un paragone immediato: le Isole Vergini Britanniche e le Samoa indipendenti. Tra il 2010 e il 2020 le Isole Vergini Americane hanno perso il 18% degli abitanti, mentre la popolazione delle Isole Vergini Britanniche è cresciuta del 9%. La popolazione delle Samoa Americane è calata dell’11%, mentre le Samoa indipendenti hanno guadagnato il 7%…

Neanche gli Stati più sciagurati degli Usa continentali—West Virginia, che perde il 3,2% della propria popolazione, e Mississippi, che ne perde lo 0,2%—arrivano a tanto. E comunque, nell’insieme, la popolazione degli Usa—che va verso i 334 milioni —continua a crescere.

Cos’hanno quelle misere isole americane rispetto alle vicine che invece parrebbero godere di piena salute? È pericoloso affidarsi a una sola, semplice spiegazione, ma un fattore comune salta agli occhi: le isolette Usa—con la sola e limitata eccezione di Puerto Rico—non contano un ‘cavolo’.  Sono distanti, invisibili e insignificanti dal punto di vista politico e mediatico.

Il fatto è che il loro declino parrebbe avere molti punti in comune con quello dello sterminato e quasi vuoto interno degli Stati Uniti—la zona di infinite pianure, deserti e boschi che gli abitanti delle due ricchissime coste del Paese descrivono con sufficienza come “fly-over country”, cioè ‘territorio da sorvolare’ mentre si passa da una costa che conta all’altra…

Sinteticamente, i territori isolani americani sono in crisi molto probabilmente perché, in una nazione governata essenzialmente secondo criteri economici e di cui oltre l’80% della popolazione è ‘urbanizzato’, è come se fossero funzionalmente ’rurali’.  Varrebbero quindi poco o niente e non se ne cura nessuno.

____________

Nota Diplomatica esce con il sostegno di: iCorporate, MSC Cruises, Class Editori e Telecom Italia Sparkle


 
  
 
Facebook  
 
Twitter  
 
Pinterest 
 
 
 
 

---------------------------------------------------------------------------------------------



IN EVIDENZA (pubblicità)

Per sorridere:

Per parlare e conoscere un altro punto di vista:

IL SITO:

Zarina Zargar Psicologa


Dott.ssa Zarina Zargar Psicologa (@zarina_zargar_psicologa) • Foto e video di Instagram


(10) Dott.ssa Zarina Zargar - Psicologa | Facebook

PERCHÉ SERVE ANDARE DALLO PSICOLOGO? della dott.ssa Zarina Zargar (senzafine.info)

Per conoscere e amare il mare:


Questo libro è dedicato a tutti quelli che desiderano imparare a pescare con la canna fissa e ottenere qualche buon risultato. Le mie ricette e i miei segreti, come le esche e la pastura artigianale economica infallibile, ad esempio, sono utili anche a chi non è principiante ma vuole migliorare e raggiungere un pescato soddisfacente. Io ho un’esperienza più che quarantennale di tutti i tipi di pesca sportiva, seguo le ultime novità, leggo, sperimento. Per questo posso dare molti suggerimenti e informazioni. Nel testo, tratto quindi di lenze, galleggianti, tarature e concludo con i nodi. Cioè, con tutto quello che serve sapere per pescare con la canna fissa. La canna fissa è la base di tutto, chi si approccia alla pesca utilizzando la fissa anzitutto incomincia a farsi esperienza con un'attrezzatura più contenuta e, senza spendere molto, inizia a capire cosa gli potrebbe interessare per il futuro, ovvero magari di approfondire qualche altra tecnica. Diciamo che è la scuola base, anche a livello manuale il fatto di saper gestire canne di 7/9 metri, rende più facile l'approccio con altre tecniche come, ad esempio, la bolognese che molto le assomiglia. Il fatto di saper gestire un pesce solo con l'ausilio di una canna senza l'uso di un mulinello che con la frizione ammortizza le fughe, la dice lunga! Insomma, è la base di tutte le pesche.
Ho inserito, poi, un'appendice che riguarda
 un'antica pesca tradizionale caprese delle occhiate. Le pagine, infine, sono arricchite da foto di sorprendenti pescate. Mi potete trovare su YouTube e sul blog SenzaFine. Ma soprattutto mi potete trovare a pescare dove spero di incontrare tutti voi. Vi farò la dedica personale sul libro.



VEDI ANCHE:


SEGUI L'AUTORE SU YOUTUBE CON ALTRI VIDEO E FOTO

 ORIGINALI:

(134) Enrico Della Rocca - YouTube


Commenti

Post popolari in questo blog

LA BELLA MAESTRA DI TAPIS SI ALLENA

LA STRAORDINARIA SCOPERTA DELL'ACQUA