OROLOGI


L’orologio profumato





 
 
 

di JAMES HANSEN

Il tempo è prezioso, simultaneamente limitato e infinito, per sua natura sfuggente e inafferrabile. Tra gli elementi che governano la vita umana è quello che meno possiamo condizionare. Forse dipende da questo lo straordinario accanimento con cui tentiamo almeno di misurarlo. Non possiamo catturarlo, ma almeno lo guardiamo mentre scorre via…

Non c’è praticamente tecnologia che non sia stata adoperata per registrare il suo passaggio: il lasso tra alba e tramonto, lo spostamento delle ombre, la discesa della sabbia in una clessidra, aggeggi fatti di ruote, pendoli e molle e, più di recente, l’oscillazione di certi cristalli e la vibrazione degli atomi. Il botanico svedese Carlo Linneo (1707-1778) creò perfino una sorta di orologio floreale, un giardino i cui fiori si aprivano e si chiudevano a cadenza regolare a seconda dell’esposizione al sole. Funzionava, seppure in maniera approssimativa e nei limiti del clima scandinavo.

Tra i meccanismi di misurazione una volta comuni e ormai dimenticati ci sono gli interessanti ‘orologi a incenso’ cinesi, di cui un esempio appare qui sopra. L’invenzione parrebbe risalire al Sesto secolo. Sfruttando un principio paragonabile a quello per cui la lunghezza di una miccia può determinare il momento dello scoppio di una carica esplosiva, la lenta ma prevedibile combustione della traccia d’incenso misurava con sufficiente precisione gli intervalli del tempo. Lo scopo della sua forma ‘a dedalo’ non aveva (solo) una finalità estetica, bensì permetteva di comprimere la lunga traccia in uno spazio relativamente ristretto.

Nei primi anni della duratura dinastia Qing (1644-1911) gli orologi a incenso bruciavano ancora tutte le notti nella Torre del Tamburo, all’interno della Città Proibita imperiale di Pechino, per dare la corretta cadenza - trasmessa poi a ‘tamburellate' - che delimitava i turni di guardia e la chiusura notturna delle numerose porte dell’antica capitale cinese.

I limiti di un orologio che brucia sono evidenti. I problemi pratici derivanti dalla cenere e dalla produzione del calore sconsigliano l’utilizzo della tecnica nel formato ‘da polso’. Tuttavia, la possibilità di girare portandosi appresso una propria nuvola d’incenso ha le sue attrattive. 


---------------------------------------------------------------------------------------------------------


IN EVIDENZA (pubblicità)

Per sorridere:

Per parlare e conoscere un altro punto di vista:

IL SITO:

Zarina Zargar Psicologa


Dott.ssa Zarina Zargar Psicologa (@zarina_zargar_psicologa) • Foto e video di Instagram


(10) Dott.ssa Zarina Zargar - Psicologa | Facebook

PERCHÉ SERVE ANDARE DALLO PSICOLOGO? della dott.ssa Zarina Zargar (senzafine.info)

Per conoscere e amare il mare:


Questo libro è dedicato a tutti quelli che desiderano imparare a pescare con la canna fissa e ottenere qualche buon risultato. Le mie ricette e i miei segreti, come le esche e la pastura artigianale economica infallibile, ad esempio, sono utili anche a chi non è principiante ma vuole migliorare e raggiungere un pescato soddisfacente. Io ho un’esperienza più che quarantennale di tutti i tipi di pesca sportiva, seguo le ultime novità, leggo, sperimento. Per questo posso dare molti suggerimenti e informazioni. Nel testo, tratto quindi di lenze, galleggianti, tarature e concludo con i nodi. Cioè, con tutto quello che serve sapere per pescare con la canna fissa. La canna fissa è la base di tutto, chi si approccia alla pesca utilizzando la fissa anzitutto incomincia a farsi esperienza con un'attrezzatura più contenuta e, senza spendere molto, inizia a capire cosa gli potrebbe interessare per il futuro, ovvero magari di approfondire qualche altra tecnica. Diciamo che è la scuola base, anche a livello manuale il fatto di saper gestire canne di 7/9 metri, rende più facile l'approccio con altre tecniche come, ad esempio, la bolognese che molto le assomiglia. Il fatto di saper gestire un pesce solo con l'ausilio di una canna senza l'uso di un mulinello che con la frizione ammortizza le fughe, la dice lunga! Insomma, è la base di tutte le pesche.
Ho inserito, poi, un'appendice che riguarda
 un'antica pesca tradizionale caprese delle occhiate. Le pagine, infine, sono arricchite da foto di sorprendenti pescate. Mi potete trovare su YouTube e sul blog SenzaFine. Ma soprattutto mi potete trovare a pescare dove spero di incontrare tutti voi. Vi farò la dedica personale sul libro.



VEDI ANCHE:


SEGUI L'AUTORE SU YOUTUBE CON ALTRI VIDEO E FOTO

 ORIGINALI:

(134) Enrico Della Rocca - YouTube

Commenti

Post popolari in questo blog

LA BELLA MAESTRA DI TAPIS SI ALLENA

LA STRAORDINARIA SCOPERTA DELL'ACQUA