ELEONORA LESTRANGE al Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi

 “Museo Ugo Guidi”

e

"Amici del Museo Ugo Guidi - Onlus"

 

 

 

presentano la mostra di 

 

 

 Eleonora Lestrange



 

 Museo Ugo Guidi sabato 17 settembre ore 18 

FORTE DEI MARMI

 

17 - 23 settembre 2022



Il museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi, sabato 17 settembre, ospiterà due eventi: alle 18.00 si inaugurerà la 174esima mostra con la personale dell’artista di Ferrara Eleonora Lestrange ed a seguire la presentazione del libro a cura di Silvia Landi “Un viaggio nell’arte 2022”. 

 

La mostra personale di Eleonora Lestrange vede la presentazione oltre ai quadri anche del libro a cura di Silvia Landi dedicato alle varie opere ed alla vita dell’artista, con uno spaccato che farà capire allo spettatore, attraverso immagini e parole, la simbologia che si cela dietro ad ogni quadro. 

 

L’esposizione è curata da Silvia Landi, Vittorio Guidi, direttore del museo, dal giornalista Giacomo Mozzi e vede il testo critico di Lodovico Gierut. 

 

Silvia Landi si esprime riguardo a Eleonora Lestrange con queste parole: “Eleonora Lestrange ama l’arte impressionista e adora il figurativo descrittivo non perfetto. Vede il reale che i paesaggi le offrono come opere d’arte e rappresenta l’ambiente o i personaggi ritratti per appagare l’occhio dell’osservatore con la bellezza, senza trascurare i messaggi che l’opera deve contenere. Utilizza una comunicazione contemporanea e ben composta per sensibilizzare la mente del fruitore. Non è un caso che Lestrange nel tempo si sia decisa a esporre le proprie opere d’arte. L’arte è una passione nata con lei e frutto di un apprendimento costante oltre all’educazione familiare che ha inciso sulla sua creatività. “

Il critico Lodovico Gierut invece sottolinea un altro aspetto dell’artista “Credo giusto ripetermi affermando che una delle maggiori soddisfazioni per chi si occupa a vario titolo d’arte – critici e

storici, giornalisti, letterati e altri – è il notare che il soggetto di cui si segue il percorso, riesce od è riuscito ad esprimersi totalmente, quale ne sia il livello.

E’ come vedere un bicchiere diventare pieno, ma ovviamente non sempre è importante la propria dimensione, senza perdere il contenuto per stanchezza o per rilassamento, ed è così, dopo aver analizzato l’operato di Eleonora Lestrange.”

Giacomo Mozzi invece preferisce soffermarsi su alcuni dettagli della pittura di Eleonora Lestrange: “ Osservando le opere di Eleonora Lestrange si notano subito due peculiarità: l’uso deciso dei colori e il simbolismo. Per un pittore l’uso dei colori è essenziale, proprio la base, perché sono i mezzi con cui gli artisti si esprimono, sono loro che danno il senso e trasmettono le emozioni ad una composizione artistica. L’uso sapiente dei colori, l’immaginazione di una scena all’interno di un delimitato spazio e la composizione danno origine ad un quadro.”

 

Subito dopo la presentazione del libro e la relativa inaugurazione della mostra di Eleonora Lestrange, Giacomo Mozzi, introdurrà il volume “ Un viaggio nell’arte 2022” a cura di Silvia Landi.
Un volume che racchiude uno spaccato sull’arte contemporanea con la presenza di 38 opere.


Silvia Landi descrive il lavoro dietro al volume in questo modo: “Ho percorso un viaggio nell’arte per presentare un ventaglio di lavori realizzati con tecniche differenti da sottoporre a collezionisti, gallerie e appassionati d’arte.

Le opere selezionate sono inserite nella presente pubblicazione in ordine alfabetico per autore: Augusto Arrotta, Mario Bianchi, Paola Capodanno, Lorenzo Cassanelli, Guido Coltri – Orso Art, Rosamaria Crupi, Antonio Elia, Roberta Faucci, Matteo Favi, Lena Gentile, Antonina Giotti, Franco Girondi, Maddalena Governi, Eleonora Lestrange, Lucia Longo, Elisa Maggioli, Angela Malinconico, Rocchina Marchese – Roky, Roberto Minera, Enzo Monterosso, Giovanna Morano, Yelysaveta Ovcharenko, Carolina Pappalardo, Ottavio Pedditzi, Luigi Salerno, Renata Saltarin, Paolo Scheggi, Pietro Serra, Eleonora Sgura, Pasquale Terracciano, Mary Tirendi, Fabiana Toffano, Silvia Tolomeo, Antonella Turci, Angelo Ugazio, Gabriele Vanini, Nadia Vannucchi, Roberto Venturini.”


All’interno della presentazione ci sarà modo di poter ammirare la performance dell’artista Lucia Longo “Unconfined, sconfinati.” Di cui di seguito un abstract

Unconfined, non confinati… di Lucia Longo

Ho cercato versi che più di tutti gli altri parlassero con la voce del

sentimento e andare oltre, con la voce della ragione e andare oltre, con la

voce dell’arte e andare oltre …sempre oltre come un grido di speranza, di

coraggio, di trasgressione, di libertà da tutte le prigioni che ingabbiano la

nostra anima e con l’anima la nostra carne.

Un grido di rinascita.

 

Uno spettacolo che sicuramente saprà catturare gli spettatori e gli intervenuti. A seguire ci sarà un intervento da parte degli artisti presenti.

L’appuntamento con l’arte contemporanea e le performance è per sabato 17 settembre dalle ore 18.00 al museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi. 

 


L’esposizione al MUG sarà visitabile in seguito su appuntamento al telefono 348-3020538 o  museougoguidi@gmail.comVia Matteo Civitali, 33 - Forte dei Marmi

 

La Casa Museo Ugo Guidi è inserita nei Luoghi della Cultura del MiBAC, è stata aperta dal FAI, dalla Associazione Nazionale Case della Memoria e dalla Associazione Dimore Storiche Italiane, è nelle guide TCI e Lonely Planet. Il MUG è stato inserito da Google a livello planetario nel The Guide-Tab.Travel. 100 foto di opere di U. Guidi su Wikimedia (Wikipedia) e realtà aumentata del MUG su Ministero Beni Culturali- MIC visibile su Virtique.

  


MUSEO UGO GUIDI - MUG
Via M. Civitali 33
Forte dei Marmi
tel. 348-3020538
museougoguidi@gmail.com  www.ugoguidi.it


----------------------------------------------------------------------------------------------------------


IN EVIDENZA (pubblicità)

Per sorridere:

Per parlare e conoscere un altro punto di vista:

IL SITO:

Zarina Zargar Psicologa


Dott.ssa Zarina Zargar Psicologa (@zarina_zargar_psicologa) • Foto e video di Instagram


(10) Dott.ssa Zarina Zargar - Psicologa | Facebook

PERCHÉ SERVE ANDARE DALLO PSICOLOGO? della dott.ssa Zarina Zargar (senzafine.info)

Per conoscere e amare il mare:


Questo libro è dedicato a tutti quelli che desiderano imparare a pescare con la canna fissa e ottenere qualche buon risultato. Le mie ricette e i miei segreti, come le esche e la pastura artigianale economica infallibile, ad esempio, sono utili anche a chi non è principiante ma vuole migliorare e raggiungere un pescato soddisfacente. Io ho un’esperienza più che quarantennale di tutti i tipi di pesca sportiva, seguo le ultime novità, leggo, sperimento. Per questo posso dare molti suggerimenti e informazioni. Nel testo, tratto quindi di lenze, galleggianti, tarature e concludo con i nodi. Cioè, con tutto quello che serve sapere per pescare con la canna fissa. La canna fissa è la base di tutto, chi si approccia alla pesca utilizzando la fissa anzitutto incomincia a farsi esperienza con un'attrezzatura più contenuta e, senza spendere molto, inizia a capire cosa gli potrebbe interessare per il futuro, ovvero magari di approfondire qualche altra tecnica. Diciamo che è la scuola base, anche a livello manuale il fatto di saper gestire canne di 7/9 metri, rende più facile l'approccio con altre tecniche come, ad esempio, la bolognese che molto le assomiglia. Il fatto di saper gestire un pesce solo con l'ausilio di una canna senza l'uso di un mulinello che con la frizione ammortizza le fughe, la dice lunga! Insomma, è la base di tutte le pesche.
Ho inserito, poi, un'appendice che riguarda
 un'antica pesca tradizionale caprese delle occhiate. Le pagine, infine, sono arricchite da foto di sorprendenti pescate. Mi potete trovare su YouTube e sul blog SenzaFine. Ma soprattutto mi potete trovare a pescare dove spero di incontrare tutti voi. Vi farò la dedica personale sul libro.



VEDI ANCHE:


SEGUI L'AUTORE SU YOUTUBE CON ALTRI VIDEO E FOTO

 ORIGINALI:

(134) Enrico Della Rocca - YouTube


Commenti

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

MORIRE PER LA NATO PUBBLICATO IN SPAGNA

COSE DA DIRE A UNA FIGLIA CHE E' DIVENTATA GRANDE di Chiara Macina