ARABIA SAUDITA

 

Costruzione improbabile



“The Line” - la ‘Linea’ - è l’improbabile proposta architettonica/distopica caldeggiata dal Principe Reale saudita Moḥammad bin Salmān Āl Saʿūd (lui preferisce essere chiamato “MBS”, alla maniera di “JFK”), più noto come il mandante putativo dell’atroce assassinio del giornalista compaesano Jamal Khashoggi, caduto in disgrazia e poi fatto letteralmente a pezzi da una squadra di aguzzini all’interno del Consolato saudita di Istanbul nel 2018.

Il progetto consisterebbe in una sorta di città lineare compresa all’interno di un’unica struttura binaria alta 500 metri, larga altri 200 e lunga 170 chilometri, da costruire attraverso il deserto dell’Arabia Saudita e collegata per tutta la sua lunghezza da una ferrovia sotterranea ad alta velocità. Oh, e sarà interamente ricoperta di specchi per respingere i brutali raggi solari del deserto e anche perché, detto schiettamente, ‘fa fico’.

Al completamento del progetto, The Line dovrebbe ospitare nove milioni di persone - un quarto dell’intera popolazione del Regno, che è di 36 milioni. Secondo bin Salman, la struttura “sfiderà il concetto delle città tradizionali, piatte e orizzontali, creando un modello per la conservazione della natura e potenziando la vita umana”.

Per quanto sia evidente anche a un cieco che il progetto - che al momento pare esista sostanzialmente solo in forma di rendering - non verrà mai nei fatti realizzato, perlopiù si fa finta di prenderlo sul serio perché: (A) bin Salman è ricco più di Creso, (B) il Mondo ha disperatamente bisogno del petrolio saudita, e (C) nessuno vuole finire come Jamal Khashoggi.

 
 
 


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------


IN EVIDENZA (pubblicità)

Per sorridere:


Per parlare e conoscere un altro punto di vista:

IL SITO:

Zarina Zargar Psicologa


Dott.ssa Zarina Zargar Psicologa (@zarina_zargar_psicologa) • Foto e video di Instagram


(10) Dott.ssa Zarina Zargar - Psicologa | Facebook

PERCHÉ SERVE ANDARE DALLO PSICOLOGO? della dott.ssa Zarina Zargar (senzafine.info)


Per conoscere e amare il mare:


Questo libro è dedicato a tutti quelli che desiderano imparare a pescare con la canna fissa e ottenere qualche buon risultato. Le mie ricette e i miei segreti, come le esche e la pastura artigianale economica infallibile, ad esempio, sono utili anche a chi non è principiante ma vuole migliorare e raggiungere un pescato soddisfacente. Io ho un’esperienza più che quarantennale di tutti i tipi di pesca sportiva, seguo le ultime novità, leggo, sperimento. Per questo posso dare molti suggerimenti e informazioni. Nel testo, tratto quindi di lenze, galleggianti, tarature e concludo con i nodi. Cioè, con tutto quello che serve sapere per pescare con la canna fissa. La canna fissa è la base di tutto, chi si approccia alla pesca utilizzando la fissa anzitutto incomincia a farsi esperienza con un'attrezzatura più contenuta e, senza spendere molto, inizia a capire cosa gli potrebbe interessare per il futuro, ovvero magari di approfondire qualche altra tecnica. Diciamo che è la scuola base, anche a livello manuale il fatto di saper gestire canne di 7/9 metri, rende più facile l'approccio con altre tecniche come, ad esempio, la bolognese che molto le assomiglia. Il fatto di saper gestire un pesce solo con l'ausilio di una canna senza l'uso di un mulinello che con la frizione ammortizza le fughe, la dice lunga! Insomma, è la base di tutte le pesche.
Ho inserito, poi, un'appendice che riguarda
 un'antica pesca tradizionale caprese delle occhiate. Le pagine, infine, sono arricchite da foto di sorprendenti pescate. Mi potete trovare su YouTube e sul blog SenzaFine. Ma soprattutto mi potete trovare a pescare dove spero di incontrare tutti voi. Vi farò la dedica personale sul libro.



VEDI ANCHE:


SEGUI L'AUTORE SU YOUTUBE CON ALTRI VIDEO E FOTO

 ORIGINALI:

(134) Enrico Della Rocca - YouTube

Commenti

Post popolari in questo blog

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post

MORIRE PER LA NATO PUBBLICATO IN SPAGNA

COSE DA DIRE A UNA FIGLIA CHE E' DIVENTATA GRANDE di Chiara Macina