QUELLO CHE CONTA E' SEMPRE E SOLO LA GUERRA

 Cani da guerra robotici

di James Hansen


Nel mondo è in corso una sorprendente quantità di ricerche sulla robotizzazione dei cani. I progetti perlopiù si focalizzano su due campi molto diversi fra di loro: da una parte i giocattoli e dall'altro le applicazioni militari e nel settore allargato della sicurezza.

I giocattoli sono, beh, giocattoli. Si limitano a imitare qualche movimento e gli ‘effetti sonori’ degli animali veri per la gioia dei bambini. I cani robot che  dovrebbero - almeno in un prossimo futuro -  accompagnare autonomamente i militari in perlustrazione e nei combattimenti sono ovviamente un’altra cosa.

Vale la pena chiedersi cosa c’è che non va nei veri cani ‘da guerra’ che già oggi partecipano nelle azioni militari accanto ai soldati umani. Per certi versi, sono troppo intelligenti. Malgrado addestramenti feroci - e costosi - tendono a volte, comprensibilmente, a voler scappare davanti agli spari. Mangiano, vanno curati con attenzione, possono ammalarsi, gli possono capitare semplicemente delle giornate ‘no’, sono difficili da trasportare e non si ‘spengono’ a fine servizio. Presentano, per dire, difetti molto simili agli esseri umani…

In sé, costruire una macchina che ha le movenze di un cane ‘biologico’ non presenta difficoltà insormontabili. Il problema è come controllarlo. Se è necessario delegare un milite a seguire attentamente le azioni del ‘cane’ con un laptop e un mouse, non si è guadagnato molto. Proprio per questo motivo, ha destato un notevole interesse una recente dimostrazione australiana di una tecnica di controllo mentale dei cani robot basata sulla lettura delle onde cerebrali del suo ‘operatore’ umano.

A maggio, due soldati australiani - i sergenti Damian Robinson e Chandan Rana - hanno comandato con successo un cane robotico facendolo spostare sul campo attraverso l’utilizzo di un sistema di ‘augumented reality’ che permetteva di identificare sul terreno le destinazioni desiderate per il robot. Le indicazioni venivano lette direttamente dalla corteccia visiva dei cervelli dei due soldati attraverso dei biosensori applicati alla testa che intercettavano i dati provenienti dai loro occhi, trasformandoli in comandi per ‘l’animale’ elettromeccanico.

Dal lato umano, la procedura è semplice e intuitiva. Il sergente Robinson ha detto che gli sono bastate due sessioni di addestramento da otto ore per acquisire la tecnica. Quello che non è stato detto è che tanta tecnologia è un po’ sprecata per spiegare a un simulacro di cane dove debba andare. In effetti, apre le porte al controllo mentale di tanti tipi di sistemi di armamento. È il futuro ed è anche parecchio allarmante.


 
 
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


CONSIGLI DI LETTURA



Un gruppo di donne terrestri viene rapito durante un viaggio aereo e trasportato sul Pianeta Blu a novanta anni luce dalla Terra. Infatti, alcuni extraterrestri di colore blu vogliono unirsi a donne della Terra. In cambio, condivideranno con gli umani il loro progresso tecnologico molto avanzato.

Nonostante la traumaticità del rapimento, Arianna, una giovane studentessa dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, si innamora di Axel, uno scienziato di quel pianeta.

Dovrà infine decidere: tornare sulla Terra dove c’è la sua vita e i suoi sogni o andare a vivere su quel Pianeta unendosi a una creatura tanto diversa?

Un'appassionante storia d'amore del futuro.

DISEGNO IN COPERTINA DI ZARINA ZARGAR

Ebook euro 3,90

cartaceo euro 6,76



Anche a Savona è stata condannata, a suo tempo, qualche "strega". Nel primo racconto di questa raccolta viene narrata, infatti, la storia di due povere contadine di Bergeggi (paesino a pochi chilometri da Savona) obbligate a lasciare tutto e andarsene raminghe con l'accusa più tremenda: essere le mogli del diavolo (siamo nel 1572). Ma la guerra contro le donne non è mai finita. Pure oggi, l'uomo le usa, le stupra, le getta via, come oggetti nati solo ed esclusivamente per il suo divertimento. Qualche volta, si reca in paesi poveri stranieri per intrattenersi sessualmente e impunemente con piccole bambine (Il viaggio) o si approfitta, singolarmente o in gruppo, della credulità e dell'innocenza di un'adolescente per poi ridicolizzarla sui social (Scarpette rosse). Infine, dodici rintocchi scoccano per la condanna a morte di un'altra "strega" e, molti secoli dopo, per la violenza su una ragazza colpevole solo di amare il ballo.

In fondo, non è cambiato molto dal XVI secolo.


ebook euro 4,50

cartaceo euro 12,50

cartaceo copertina rigida euro 24,00


TUTTI I LIBRI DI RENATA RUSCA ZARGAR

RENATA RUSCA ZARGAR su Amazon.it: libri ed eBook Kindle di RENATA RUSCA ZARGAR

Commenti

Post popolari in questo blog

LA BELLA MAESTRA DI TAPIS SI ALLENA

LA STRAORDINARIA SCOPERTA DELL'ACQUA