CAMBIAMENTO CLIMATICO

 

Ambiente. Cambiamento climatico rappresenta un pericolo significativo per la salute delle persone, ma soluzioni sono a portata di mano… (A. Martinengo)

Un team di oltre 80 esperti nel mondo ha collaborato per valutare gli impatti dei cambiamenti climatici




Si ritiene che oggi il cambiamento climatico abbia una vasta gamma di impatti sulla salute. Tuttavia, gli esperti ritengono che ciò diventerà ancora più grave a meno che non si intervenga presto. La salute dei gruppi vulnerabili potrebbe essere maggiormente compromessa sia dagli effetti diretti, come il calore eccessivo, sia dagli effetti indiretti, come quelli della diminuzione della sicurezza alimentare e nutrizionale.

Scienziati di spicco di tutto il mondo si sono uniti per raccogliere e valutare i dati rilevanti al fine di produrre analisi e raccomandazioni su base scientifica su scala globale. Sono stati riuniti dalle accademie scientifiche del mondo sotto l’egida dell’InterAcademy Partnership (IAP)
https://www.interacademies.org/ >. Il progetto triennale, ha visto la partecipazione di oltre 80 esperti provenienti da tutto il mondo.

I ricercatori ritengono che il cambiamento climatico minacci la salute di miliardi di persone, anche quelle che contribuiscono poco al cambiamento climatico. Tuttavia, ci sono buone notizie. A breve termine, vari metodi per ridurre le emissioni di gas serra possono migliorare la salute. Il recente rapporto “Health in the climate emergency – a global perspective”, pubblicato dall’InterAcademy Partnership (IAP) analizza come il cambiamento climatico ha un impatto sulla salute globale e afferma la necessità di un’azione urgente.

“Miliardi di persone sono a rischio, quindi chiediamo un’azione contro il cambiamento climatico a beneficio della salute e anche per promuovere l’equità sanitaria”, afferma Robin Fears, coordinatore del progetto IAP e coautore del rapporto IAP.

In un progetto globale triennale, IAP ha collaborato con le sue reti regionali in Africa (NASAC), Asia (AASSA), nelle Americhe (IANAS) ed Europa (EASAC) per catturare la diversità nella valutazione delle prove provenienti dalle proprie regioni per informare politica per un’azione collettiva e personalizzata a livello nazionale, regionale e globale. Un team di oltre 80 scienziati provenienti da tutte le regioni del mondo ha contribuito al progetto.

Analizzando ampie prove scientifiche, il recente rapporto offre una revisione globale delle attuali conoscenze ed esamina come il cambiamento climatico e i suoi fattori determinanti agiscono attraverso una serie di percorsi diretti e indiretti per l’impatto, ad esempio:

  • mortalità e mortalità legate al calore
  • eventi estremi come inondazioni e siccità
  • diminuzione della resa delle colture in alcune regioni
  • cambiamenti nella distribuzione delle malattie trasmesse da vettori
  • incendi che causano un’ampia esposizione all’inquinamento atmosferico

In generale, viene colpita un’ampia gamma di esiti sanitari, comprese le malattie cardiovascolari e respiratorie, le malattie di origine idrica e alimentare, la denutrizione e la salute mentale. C’è anche un rischio crescente di migrazione forzata con le conseguenti conseguenze negative per la salute.

Un articolo pubblicato su Nature Climate Change , riassunto nel rapporto IAP, mostra ad esempio che un terzo dei decessi dovuti al caldo negli ultimi decenni può essere attribuito al cambiamento climatico secondo un’analisi dei dati provenienti da oltre 700 siti in 43 paesi. Inoltre, altri studi hanno scoperto che l’esposizione al calore estremo riduce la capacità di intraprendere un lavoro fisico, con un documento di Lancet Planetary Health che afferma che circa un miliardo di persone a livello globale non sarà in grado di lavorare in sicurezza per una parte dell’anno (anche all’ombra), dopo un aumento della temperatura globale di circa 2,5°C rispetto al periodo preindustriale.


“Molte politiche e azioni che riducono le emissioni di gas serra apportano benefici anche alla salute nel breve termine, oltre a ridurre i rischi di pericolosi cambiamenti climatici”, afferma il Britannico Sir Andrew Haines, professore di cambiamento ambientale e salute pubblica presso la London School of Hygiene & Tropical Medicine ( LSHTM) e co-presidente del progetto IAP. Haines è il vincitore del Premio Tyler 2022 per i risultati ambientali, spesso considerato il “Premio Nobel per l’ambiente”.

Ad esempio, l’inquinamento atmosferico da particolato fine deriva da molte delle stesse fonti delle emissioni di gas serra. Le emissioni legate ai combustibili fossili e alla biomassa rappresentano una parte sostanziale del carico sanitario totale dovuto all’inquinamento ambientale. Secondo uno studio pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences (PNAS) , si prevede che l’eliminazione graduale di queste fonti di inquinamento atmosferico di origine antropica eviterà milioni di morti premature in tutto il mondo ogni anno.

Il cambiamento climatico sta già riducendo la sicurezza alimentare e nutrizionale e, se non affrontato, avrà un impatto sempre maggiore sulla denutrizione e sui decessi. L’IAP sottolinea che promuovere il cambiamento nella dieta – aumentando il consumo di frutta, verdura e legumi e riducendo l’assunzione di carne rossa, ove eccessiva – potrebbe avere importanti benefici per la salute e l’ambiente. Tali diete consentirebbero riduzioni significative delle emissioni di gas serra dai sistemi alimentari, oltre a ridurre la domanda di acqua e uso del suolo. Inoltre, grazie al ridotto rischio di malattie cardiache, ictus e altre condizioni, ci sarebbero importanti riduzioni del carico di malattie non trasmissibili.

L’azione per il clima potrebbe anche evitare un aumento significativo della diffusione di malattie infettive. Ad esempio, uno studio pubblicato su Lancet Planetary Health stima che la popolazione a rischio sia di febbre dengue che di malaria potrebbe aumentare fino a 4,7 miliardi di persone in più entro il 2070 rispetto al 1970-99, in particolare nelle pianure e nelle aree urbane (Colon-Gonzalez et al, 2021). Pertanto, l’IAP richiede il rafforzamento dei sistemi di sorveglianza e risposta alle malattie trasmissibili che dovrebbero essere una priorità per migliorare l’adattamento ai cambiamenti climatici in tutto il mondo. *(Ndr.: dengue, febbre di origine virale, la dengue è causata da quattro virus molto simili (Den-1, Den-2, Den-3 e Den-4) ed è trasmessa agli esseri umani dalle punture di zanzare).

Il rapporto IAP sottolinea che i cambiamenti climatici influiscono sulla salute di tutte le persone, ma l’onere non è distribuito in modo uniforme o equo.

“Invece, ricade maggiormente su coloro che si trovano in condizioni socio-economiche basse e sulle persone emarginate ed è influenzato da fattori intersecanti come lo stato di salute, le condizioni sociali, economiche e ambientali e le strutture di governance. Gli impatti dei cambiamenti climatici esacerbano le disuguaglianze e le ingiustizie già vissute dalle popolazioni vulnerabili, molte delle quali sono fondate su colonialismo, razzismo, discriminazione, oppressione e sfide dello sviluppo”, afferma Sherilee Harper, professoressa associata all’Università di Alberta, Canada, e coautrice del rapporto IAP.

“Sottolineiamo che gli sforzi di adattamento relativi alla salute devono dare la priorità alle popolazioni indigene, alle popolazioni che invecchiano, ai bambini, alle donne e alle ragazze, a coloro che vivono in contesti socioeconomici difficili e alle popolazioni geograficamente vulnerabili”.

A livello globale, i gruppi socialmente, politicamente e geograficamente esclusi sono a più alto rischio di impatto sulla salute dei cambiamenti climatici, ma non sono adeguatamente rappresentati nella base di prove.


“Pertanto, l’equità su scala locale, regionale e internazionale deve essere in prima linea nella ricerca e nelle risposte politiche”, afferma Volker ter Meulen co-presidente del progetto IAP. “L’equità è al centro di risposte efficaci”.

L’IAP invita tutte le parti interessate ad agire per costruire una resilienza climatica e sanitaria che limiti i rischi futuri. L’ampia copertura geografica dell’IAP è inestimabile per aiutare a comunicare la voce di coloro – provenienti da paesi a basso e medio reddito e popolazioni vulnerabili – che non sono sempre ascoltati durante i processi in cui le prove informano la politica internazionale.

“Investire in infrastrutture, sistemi sanitari e politiche resilienti al clima sosterrà l’adattamento e ridurrà i futuri rischi per la salute derivanti dai cambiamenti climatici”, aggiunge ter Meulen. “Una risposta < salute in tutte le politiche > sosterrà l’adattamento ai cambiamenti climatici e le azioni di mitigazione per aiutare a raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi, avrà benefici collaterali per la salute e sosterrà il raggiungimento di iniziative internazionali chiave come gli obiettivi di sviluppo sostenibile”.

Lo studio è stato finanziato dal Bundesministerium für Bildung und Forschung (Ministero Federale tedesco dell’Istruzione e della Ricerca).
https://www.bmbf.de/bmbf/de/home/home_node.html >.

Angelo Martinengo
Giornalista Senior, “Container World”, FarodiRoma (Vaticano)
“Ideatore della moderna pubblicità digitale mobile con container marittimi”
Ambasciatore di Genova nel Mondo –  Incaricato Onorario – nominato dal Sindaco di Genova Marco Bucci, il 12 Ottobre 2018 – Comune di Genova, Liguria, Italia.
eMail: < cocationam@gmail.com >, https://www.farodiroma.it/?s=a.+martinengo >, < https://w



------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Commenti

Post popolari in questo blog

PERCHÉ SI FA LA GUERRA NEL 2022? di Zarina Zargar

COSE DA DIRE A UNA FIGLIA CHE E' DIVENTATA GRANDE di Chiara Macina

PIU' DONNE CHE UOMINI IN INDIA da Il Post