NUOVE DALL'HINTERLAND di Maria Altomare Sardella

 


Loredana D’Alfonso su “Nuove dall’Hinterland” di Maria Altomare Sardella

 “Nuove dall’Hinterland” di Maria Altomare Sardella (Editore Il Rio) è una raccolta di ventidue racconti, che, come dice il titolo, sono ispirati dall’entroterra, dalle periferie delle metropoli.

Le vicende, infatti, sono ambientate nelle strade e nei territori che circondano le grandi città.

Lo stile è scorrevole ed elegante, i ritratti dei personaggi sono autentici ed interessanti.

La silloge si apre con “Alejandro”, la storia di un riscatto al femminile. Loredana, la protagonista, scopre il tradimento del marito dopo vent’anni di vita, sofferenza che si accompagna a quella causata da un figlio cercato ma mai arrivato. Tramortita dal dolore, ritroverà il coraggio per merito di Alejandro, un ragazzo colombiano che la soccorre su una strada annegata dalla pioggia.

Ha perso l’amore di suo marito, questo è certo”…..”Tutto il dolore lei l’ha già sofferto”… “Se Claudio, il suo uomo, la getta via con assoluta noncuranza, il gesto altruista di un ragazzo sconosciuto può giustificare la volontà di continuare a vivere con fiducia il resto della vita”.

Con “Tano” l’Autrice vira in una storia molto originale, pervasa da una vis umoristica, nella quale il protagonista resta ammaliato da una donna incontrata per caso in un ufficio postale. Letteralmente  incantato e calamitato dai suoi occhi e dalle sue mani, con una scusa la va a cercare a casa. È uno “sliding doors”, una delle migliaia di possibilità che si potevano verificare nel corso di quella giornata, e le porte scorrevoli si aprono davanti  a Tano. È accaduto quell’evento imprevedibile che cambia la vita al protagonista.

“Lorenza” e “Rosa” potrebbero essere definiti “Ritratti in color sabbia di solitudine al femminile”.

A Lorenza passa tutta una vita davanti, mentre con un pesante borsone, varca le soglie di una casa di riposo. Rosa è vedova, dopo essere stata sposa di un uomo che le sarebbe potuto essere padre. Con tocco gentile l’Autrice dipinge le due donne come fiori delicati, come quelli conservati tra le pagine di un libro, ne esalta i sentimenti ancora vibranti, la nostalgia di un passato dai colori nitidi, i rimpianti e la malinconia.

“Fantasticherà che l’apprendista era stato il corriere di un amante lontano, e in ultimo, ripensando al misterioso messaggio di un bocciolo tardivo, potrà illudersi di non essere stata per il mondo, come le va sussurrando un tarlo nel cuore, una inavvertita folata di vento se almeno una volta nella vita, a una vigilia di festa, un ragazzo gentile le ha donato un bocciolo di rosa”.

Nella lettura ci si imbatte in “Filo”, in cui il protagonista, attraverso il dialogo con una sconosciuta, si interroga su temi fondamentali della nostra esistenza. “Ho vissuto bene? Questa è l’unica domanda che ormai mi assilla tutte le mattine, quando mi rado davanti allo specchio, perché, in fondo, ciò che conta non è quanto ma come lo viviamo il tempo che ci viene dato”.

Nel racconto si affronta l’aspetto della fine del percorso terreno e della sua ineluttabilità, ma si parla anche dell’amore perché - ed è eternamente vero -  “è ciò che conta, l’unica realtà che il tempo non distrugge”.

In “Cena per single” la consistenza del narrare diventa emozionante e filmica. Il racconto rievoca infatti la produzione cinematografica del grande regista turco Ferzan Ozpetek, che ha la sua centralità nei temi della solidarietà e dell’amicizia.

È il 14 febbraio in un condominio di una stradina di un centro urbano nei dintorni di Milano. Tutti sanno che è San Valentino, la festa degli innamorati, “anche don Guido, il parroco della chiesa che si erge accanto alla piazzetta”.

L’imprevisto arriva nel pomeriggio sotto forma di una forte nevicata che paralizza la cittadina e costringe tutti a ritornare a casa.

La giornata si concluderà con una cena “in verticale” lungo le scale, “visto che nessuno degli appartamenti è abbastanza grande per ospitare tutti”.

Si materializzano all’istante “rose rosse per adornare la ringhiera, candele in barattoli di vetro colorato, cuscini su ogni gradino, la stufa elettrica di don Guido, il cibo che ognuno potrà offrire, fuori la neve, tanta allegria in loro e la cena di San Valentino è servita!”.

 “Nuove dall’Hinterland” si è rivelata una lettura molto piacevole. Fin dal primo racconto si avverte la profonda empatia che lega l’Autrice alle sue creature.

Maria Altomare Sardella scrive con garbo e tratteggia con grande amore i suoi personaggi. Li descrive con cura, riscattandone le storie che non vanno, i vissuti bui, le brutture, le sconfitte e i dolori. L’Autrice avvolge di levità anche il testo più crudo e mette il lettore a suo agio, accompagnandolo in queste storie “ordinarie” e nello stesso tempo “straordinarie” per l’unicità che ogni essere umano possiede.

Loredana D’Alfonso

 

MARIA ALTOMARE SARDELLA, nata a Canosa di Puglia nel 1958, vive in Brianza. Abilitata all’insegnamento di Lettere, Filosofia, Psicologia e Scienze dell’Educazione, ha insegnato Lettere in Istituti di Scuola Media Superiore.

Nel 2020 Transeuropa Edizioni pubblica la raccolta di poesie Non è più ieri e il primo volume dei suoi testi teatrali con i drammi Stazione Centrale e Tre minuti alle quattro; Il Rio Edizioni pubblica la raccolta di racconti Nuove dall’hinterland. Fra il 2016 e il 2020 le pièces storiche Giovanni degli Umiliati, Il suono dello Spirito e Quel 10 dicembre 1252, Premio Philobiblon Italia Medievale 2020, sono in scena per le manifestazioni Ville Aperte di Monza Brianza. Dal 2009 al 2017 scrive racconti con il  titolo Le storie per la rivista L’Alfiere, organo dell’Accademia fiorentina Vittorio Alfieri. Nel 2009, il racconto Seba ottiene il Premio Il Convivio. Nel 2008 Besa Editrice pubblica la raccolta di poesie Più importante del pane. Suoi testi sono stati pubblicati dalla Biblioteca Circoscrizionale Città Alta di Bergamo e dalle riviste “Italia Medievale”  “Hystrio”, “Il Convivio”, “La Vallisa”, “La Ballata”, “Poeti nella Società”.

Commenti

Post popolari in questo blog

TALEBANI BRAVE PERSONE di Renata Rusca Zargar

CERCASI ASSOCIAZIONI O ENTI PER ORGANIZZARE IL CAPODANNO CINESE A GENOVA

UN FUTURO SINDACO CHE SEMBRA UN COMUNE MORTALE, PROPRIO COME NOI