CARCERE E PROGETTI

 

Carceri, c'è un suicidio ogni 5 giorni e il 13% delle persone dietro le  sbarre ha una diagnosi psichiatrica grave


ISTIGAZIONE AL SUICIDIO

I dati del Rapporto Antigone. Assenza cronica di supporto psichiatrico e psicologico e uso sconsiderato di psicofarmaci. Si tolgono la vita soprattutto giovani tra i 20 e i 30 anni

https://www.youtube.com/watch?v=L5YGyqFJN-w

La sofferenza psichica nelle caeceri sta raggiungendo dei picchi intollerabili per un Paese che si ritiene civile. Cosa c'è di giusto nell' amministrazione pubblica che ci accomuna ai popoli del centro Nord dell' Europa. Morire con il cappio al collo, ben stretto dal lenzuolo in una estate torrida perfino sulla Costa Smeralda. Noi che abbiamo visitato le carceri, sappiamo in quale inferno sono costretti a vivere, contare minuti ore, giorni, anni senza fare letteralmente nulla. Morti che camminano straziati dall'angoscia che quando ti prende non ti abbandona più. La depressione ti fa due buchi, uno nello stomaco, l'altro il tunnel nel quale sei precipitato, con quel lumicino che giorno dopo giorno va spegnendosi. Non c'è Axanax che allenti il pensiero fisso del suicidio. Danno i sedativi senza l'antidepressivo che costa tantissimo, senza la sorveglianza dello psichiatra e del pisicologo. Vi suggeriamo di trasformare il carcere di Foggia, in Ospedale psichiatrico, la città ha una grande esperienza per la cura delle malattie mentali, ha avuto uno dei più grandi Manicomi d'Italia, il don Uva.


CONTINUA A LEGGERE:

ISTIGAZIONE AL SUICIDIO (memoriacondivisa.it)



----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

I PROGETTI DI VOCI ERRANTI


Sostieni i nostri Progetti
di TEATRO, CULTURA e INSERIMENTO LAVORATIVO
con il tuo 5 x mille e il 2 x mille


---------------------------------------------------------------------------------


PUBBLICITA'


SONO UNA DONNA CHE SCRIVE STORIE DI DONNE




 La bella immagine di copertina è dell’attrice Samina Zargar.


È uscito in questi giorni il nuovo libro di Renata Rusca Zargar “3 Storie di reincarnazione”, anche se sono trascorsi molti anni dal luglio del 1987 quando l’autrice è sbarcata in India soprattutto per comprendere le religioni orientali.

In tali religioni esiste, seppure in maniera diversa, il concetto della trasmigrazione delle anime che, probabilmenteci affascina perché risponde all’intimo bisogno che abbiamo di credere che non sarà tutto finito alla nostra morte. Oppure ci attrae perché soddisfa un innato e semplice desiderio di giustizia: se sei stato cattivo pagherai le tue colpe nella prossima incarnazione. Certo è che la reincarnazione rimane un mistero che non ci sarà svelato e che l’autrice ha scelto di svolgere attraverso la forma del racconto.

Il lettore, dunque, incontrerà animali come un elegante cavalluccio marino e una seppiolina, mentre la vita di Caterina, una ragazza degli anni mille, si intreccerà con quella di una giovane dei nostri tempi nella magica ambientazione di Noli e Spotorno. In fondo, la nostra incantevole Liguria con gli antichi villaggi dei pescatori ben si addice all’eterna atmosfera dell'amore.
Infine, tra le pagine, rinascerà Cecco D'Ascoli, un intellettuale condannato al rogo per le sue opinioni scientifiche che potrebbe essere stato, in un secolo ancora precedente, magari un forzuto invasore longobardo.

Leggere dei racconti significa, appunto, lasciarsi catturare da vicende fantastiche per poi provare a riflettere sugli argomenti importanti che si mescolano nel fondale dell’esistenza umana.


Il libro è disponibile sia cartaceo che in formato ebook su Amazon:

Amazon.it: 3 STORIE DI REINCARNAZIONE - ZARGAR, RENATA RUSCA - Libri



Commenti

Post popolari in questo blog

GENOCIDIO

UNA STIMATA FAMIGLIA DI NEGAZIONISTI di Renata Rusca Zargar

SAVONA NEL CUORE DELL'AFRICA