PINK PARKING

 

Pink parking



I primi spazi nei parcheggi riservati all’uso dei conducenti di sesso femminile - i “frauenparkplatz” - sono stati introdotti in Germania all’inizio degli Anni ’90. L’utilizzo nel Paese di questi spazi ‘rosa’ è abbastanza esteso - alcune regioni tedesche infatti richiedono che almeno il 30% degli spazi nei parcheggi sia tenuto a disposizione delle donne. All’infuori della Germania però, il concetto ha inciso più che altro in alcuni paesi asiatici: particolarmente in Cina, Sud Corea e Indonesia.

Ora, dopo 14 anni, il più importante esperimento coreano - nella città di Seoul, dove circa 2mila dei 16.640 posti auto nelle strutture pubbliche erano stati allocati alle donne - è stato cancellato. Gli spazi resi disponibili saranno ora trasformati in posti “family friendly”, senza riferimento al genere dell’autista dell'automobile.

In origine gli spazi rosa nei parcheggi - perlopiù situati vicini alle uscite o eventualmente agli ascensori - erano stati introdotti per combattere il fenomeno delle molestie e delle aggressioni sessuali nei parcheggi. Ciò anche se, secondo l’analisi statistica della Polizia federale tedesca, gli attacchi alle donne non erano più probabili nei parcheggi che altrove. La pratica è stata criticata anche dalle femministe, in quanto la tendenza - abbastanza comune - di fare questi spazi più larghi di quelli dedicati alla ‘massa’ lasciava intendere che le donne fossero invece meno abili nelle manovre di parcheggio.

In maniera del tutto prevedibile, una forte opposizione è arrivata anche da parte del pubblico maschile, che si sentiva invece discriminato - un’obiezione che, nel caso coreano, non sembra sia stata superata dall’infelice commento da parte delle autorità metropolitane di Seoul secondo cui lo scopo dell’esercizio sarebbe stato quello di ridurre le distanze che le donne devono percorrere in quanto le femmine - notoriamente - portano i tacchi alti…

È triste osservare come le società moderne siano spesso così attente ad assicurarsi che nessun gruppo possa avvantaggiarsi rispetto agli altri che, alla fine, un beneficio che non sia assolutamente ‘universale’  rischia di non passare, anche quando è semplice e sensato.

Image Credit: Pragativadi 



---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

                             PUBBLICITA'


 SONO UNA DONNA CHE SCRIVE STORIE DI DONNE


Durante tutta la vita mi sono impegnata nella società per i diritti delle donne e, nel 2021, in occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, il 25 di novembre, avevo voluto che uscisse il libro “Che te ne fai di un’altra femmina?”, una raccolta di storie di donne occidentali e orientali che amano eppure subiscono violenza. In uno dei racconti, avevo persino immaginato un altro Pianeta dove, però, si perpetuava la stessa mentalità terrestre: la donna è un oggetto e come tale può essere distrutta. (qui si può leggere l’estratto: 

CHETE NE FAI DI UN'ALTRA FEMMINA?: storie di donne del mondo orientale eoccidentale con una puntata su un nuovo Pianeta (RACCONTI DI DONNE) eBook : RUSCA ZARGAR, RENATA: Amazon.it: Kindle Store)

Per l’8 marzo 2022, ho, inoltre, pubblicato “Storia della strega di Savona e altri racconti di violenza”, testo che, come il precedente, fa parte della collana “Racconti di donne”.   

LEGGI L'ESTRATTO: 

STORIA DELLA STREGA DI SAVONA: e altri racconti di violenza (RACCONTI DI DONNE) eBook : RUSCA ZARGAR, RENATA: Amazon.it: Libri


In occasione del 25 novembre 2022, è uscito "VOGLIO IL TUO UTERO" sullmaternità surrogata (qualcuno cioè che fa un figlio per altri), un soggetto di cui si parla poco per non dar fastidio a nessuno. Nessuno ha il coraggio di dire che far figliare una donna come una mucca è una mostruosità.  

LEGGI L'ESTRATTO: 

VOGLIO IL TUO UTERO: Racconti (RACCONTI DI DONNE) eBook : RUSCA ZARGAR, RENATA: Amazon.it: Libri


MA HO STUDIATO E SCRITTO ANCHE QUESTO:

Fin dai tempi più antichi, l'uomo ha cercato di sfruttare le vibrazioni dei numeri (del proprio nome, della data di nascita, dei periodi della vita ecc.) per vivere meglio e gestire a proprio vantaggio le energie presenti nell'Universo. Con questo semplice Manuale il lettore potrà fare tutto da solo: cambiare il proprio nome in numeri, comprendere il proprio numero del destino come pure i diversi periodi della vita. Così, potrà conoscere meglio sé stesso e agire sempre in modo favorevole ai propri interessi e sentimenti. Potrà capire se il partner sia quello giusto come pure gli amici, i colleghi ecc. Soprattutto imparerà a muoversi nei momenti più opportuni per avere successo nella vita. Potrà fare la cosa giusta al momento giusto e trovarsi nel posto giusto con la persona più adatta. La Numerologia non prevede nulla ma ci aiuta ad affermarci e ad avere fortuna nella vita.

COPERTINA A CURA DI ZARINA ZARGAR

EBOOK:

I NUMERI DEL DESTINO E DELL'AMORE: Guida semplice e pratica per sapere tutto sui propri numeri fortunati (Esoterismo) eBook : Rusca Zargar, Renata: Amazon.it: Libri

CARTACEO:

I NUMERI DEL DESTINO E DELL'AMORE: Guida semplice e pratica per sapere tutto sui propri numeri fortunati : Rusca Zargar, Renata: Amazon.it: Libri

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA STIMATA FAMIGLIA DI NEGAZIONISTI di Renata Rusca Zargar

CENA CON L'AUTORE: RENATA RUSCA ZARGAR